Home ATTUALITÀ XX Municipio – Mori (PdL): da via S.Felice Circeo un segnale di...

XX Municipio – Mori (PdL): da via S.Felice Circeo un segnale di speranza per il sociale

Alla presenza degli Assessori Marco Perina e Stefano Erbaggi e del Presidente del Consiglio municipale, Simone Ariola, il XX Municipio ha festeggiato ieri l’inizio dei lavori del centro anziani di Via S.Felice Circeo, in località Due Ponti sulla Cassia. in una nota, il Presidente della Commissione Politiche Sociali Giorgio Mori fa sapere che “si tratta di un’opera che sarà realizzata con i fondi degli oneri concessori provenienti da altre infrastrutture già completamente realizzate da anni e il cui inizio di costruzione è stato rallentato a causa di problemi burocratici, ma anche della poca attenzione che la precedente amministrazione capitolina ha mostrato verso le esigenze sociali del XX Municipio”.

 “Grazie alla celere attivazione dell’Assessore alla Mobilità del Comune di Roma, Sergio Marchi, queste difficoltà sono state superate – spiega ancora Mori – ed auspichiamo che questo sia il primo passo di un cambiamento che ponga al centro dell’attenzione politica le necessità delle categorie più deboli, magari integrando in modo sostenibile, come in questo caso, lo sviluppo economico e le aspettative sociali, realizzando a pieno il principio di sussidiarietà”.

“La buona amministrazione, ancor più in epoca di crisi economica – conclude – deve saper realizzare le opere pubbliche al costo minore, senza però dimenticare le priorità legate alle categorie più fragili.”

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. Mi sembra doveroso aggiungere che, l’avvio dei lavori del centro anziani, pone finalmente fine ai disagi subiti dai proprietari della sottostante autorimessa, i quali, nel corso di questi anni, hanno tollerato fastidiose e pericolose infiltrazioni d’acqua, dovute al mancato completamento dell’opera. Anche i proprietari dell’autorimessa di Via Prossedi 5 dunque, hanno potuto apprezzare gli effetti del Buon Governo.

  2. Calendino, certo che lei se le va proprio a cercare… la prenda come una battuta: se questo attuale è il buon governo del municipio, significa che quelli precedenti erano tutti cattivi governi, giusto ? peccato che siano stati formati dagli stessi uomini di oggi… dov’è la differenza ?

  3. Caro Sig. Roberto, forse lei non si è accorto che è cambiato il Sindaco, oggi si chiama Alemanno e non più Veltroni. E’ cambiato anche l’Assessore alla mobilità del Comune di Roma, si chiama Sergio Marchi e non più Calamante. Il Municipio XX oggi può contare su un amministrazione centrale amica e non deve subire più un ostruzionismo ingiustificato. Cmq, se non se ne fosse accorto, qualcosa è cambiato anche in Municipio. Oggi governa il PDL e non più una coalizione di centro destra. Il Presidente, si chiama GIACOMINI e non più Fasoli. Spero di aver saputo spiegarle la differenza, se non fosse bastato sono disponibile ad incontrarci per un confronto. Il caffè lo offro io naturalmente.

  4. Caro sig.Calendino, forse lei non si è accorto che per quanto riguarda il municipio io ho parlato di uomini e non di schieramenti perchè a fare la politica sono gli uomini e non le bandiere. Fasoli a parte chi ci governa oggi, nel senso di maggioranza al governo, ci governava ieri, compreso l’attuale presidente che era assessore al sociale. Non è cambiato nulla e quindi continuo a non capire: oggi a sentir lei abbiamo un buon governo, ciò significa che quello di prima, con gli stessi uomini, non lo era. Vi siete ravveduti tutti insieme in un colpo solo ?
    Grzie per il caffè, non mancherò. Saluti, Roberto.

  5. Non capisco il problema Roberto…
    o forse non lo capisce lei…
    Le infiltrazioni d’acqua erano proprio uno dei problemi che avevano bloccato i lavori.
    La società costruttrice aveva bisogno di quantificare il danno causato dalle infiltrazioni dovute a “vizi e difetti”strutturali della guaina di impermeabilizzazione.
    Serviva dunque un Accertamento Tecnico Preventivo, un tipico procedimento di quantificazione danni prima della causa che ci sarà e servirà a pagarli (i danni) alla società costruttrice che a sua volta dovrà pagare i proprietari dei posti auto/box.
    Per far partire i lavori ci siamo adoperati dunque al fine di dare pressione al costruttore per sensibilizzarlo alla partenza dei lavori.
    L’altro grande problema era l’assenza della delibera comunale per l’approvazione del progetto di realizzazione del Centro anziani.
    Tale delibera è stata da noi ampiamente sollecitata in Comune sin dall’inizio della consiliatura.
    Ciò che dice Calendino è ineccepibile.
    Per anni con Calamante (assessore alla mobilità) è rimasta chiusa in un cassetto, con Panecaldo (delegato del Sindaco alle politiche della sosta), ugualmente.
    In pochi mesi, con Marchi, è passata in giunta.
    Si tratta di priorità.
    Forse quell’assessore, quella giunta (i precedenti) erano impegnati su altre questioni più importanti (parcheggi per gli aperitivi all’Auditorium, mobilità sostenibile verso le notti bianche…) Le priorità fanno le linee di indirizzo politico…
    Il municipio XX, stante la insufficienza dei diritti di superficie del PUP di Via S.Felice Circeo (151.578,64), decideva di destinare anche parte degli oneri del PUP di Via Fabbroni (171.692,65 su 496.136,35) alla costruzione del centro.
    Tale centro costerà dunque 323.271,29 euro che provengono esclusivamente da fondi generati da infrastrutture insistenti sul XX Municipio.
    Niente regali comunali insomma, ma solo una giusta attenzione a non rallentare, in modo dilatorio, la risoluzione del problema per questa categoria debole: gli anziani.
    Dalle chiacchiere ai fatti, come dice Giacomini…

    G.Mori

  6. Mi dia atto Mori che ora dopo queste spiegazioni è tutto più chiaro e nulla di ciò si percepiva dal suo comunicato e dal commento del suo collega. A volte parlate in modo criptico, sembra che parlate solo fra di voi per non farvi capire da noi.
    La ringrazio per i chiarimenti ma non mi trova d’accordo sulla citazione della ultima riga che se fosse per me andrebbe scritta dalle chiacchiere alle chiacchiere… via mastrigli, via cassia antica, la sicurezza, la trasparenza…. chiacchiere erano e chiacchiere abbiamo ricevuto, forse da lei no, ma dal citato si, altro che fatti.
    La saluto e le auguro buon lavoro. Roberto

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome