Home ATTUALITÀ Vigna Clara – l’MPI raccoglie firme contro lavavetri e parcheggiatori abusivi

Vigna Clara – l’MPI raccoglie firme contro lavavetri e parcheggiatori abusivi

“Come annunciato, domani 8 settembre a Largo di Vigna Stelluti a partire dalle ore 16, inizieremo una raccolta firme per una petizione per chiedere al sindaco Alemanno l’ordinanza contro le quotidiane estorsioni che avvengono presso i parcheggi pubblici e i semafori a danno dei cittadini”. Lo dichiarano Paola Marraro, Ilaria Misantoni e Lorenzo Loiacono del ‘Movimento per l’Italia con Daniela Santanchè’ (rispettivamente capo della segreteria politica regionale, coordinatrice dei giovani nel Lazio e componente del direttivo romano) in una nota congiunta con Fabio Sabbatani Schiuma, coordinatore regionale MPI.

 “Siamo stanchi di essere continuamente taglieggiati dagli abusivi, spesso immigrati, che pretendono denaro anche quando i proprietari delle vetture parcheggiano in soste già a pagamento e, in caso di rifiuto, spesso insultano, minacciano e danneggiano le auto. Per questo motivo domani sarà allestito il primo banchetto per chiedere di inibire l’esercizio di parcheggiatore abusivo e di lavavetri con l’aggravante poi dell’impiego e lo sfruttamento di minori, allorquando con tanto di minacce, specialmente verso donne e anziani, si pretende del denaro. Il prossimo sarà allestito sabato in Via Cola di Rienzo, a partire dalle ore 10:00” (fonte IrisPress)

Visita la nostra pagina di Facebook

5 COMMENTI

  1. Cosa c’entrano i lavavetri con i parcheggiatori abusivi? E anche tra questi ultimi bisognerebbe fare dei distinguo. Perché se è vero che il “taglieggiatore” è quantomeno molesto, o che il parcheggiatore abusivo “classico” è inutile (non ti aiuta prima, non controlla dopo), è pur vero che in molti casi questa gente si organizza bene e offre un servizio che il Comune non è in gado di offrire più. Ad es sul litorale spesso c’è posto per due file di macchine fuori dalla carreggiata stradale e senza gli abusivi (da anni lì presenti) a cui affidare le chiavi, quei posti preziosi non potrebbero essere utilizzati e il caos sarebbe raddoppiato. In questo caso (e in tanti altri) sarebbe più opportuno regolarizzare l’attività piuttosto che fare di tutta l’erba un fascio e stroncare tutto..
    La Politica non si fa a colpi d’accetta, dovrebbe essere un’arte un po’ più raffinata, meno rozza, eseguita con più dispendio di energie mentali! Ma forse pretendo troppo da queste piccole persone che occupano la scena politica nostrana.

  2. Paolo , spero tu stia scherzando !
    Forse non sai ( ma te lo dico io magari suffragato da altrui esperienze ) , che se non paghi il dovuto (?) al ben organizzato parcheggiatore abusivo , ti ritrovi la macchina rigata.
    Le strisce bianche sono gratuite per il parcheggio, non sono ad usufrutto di chi è “ben organizzato”.
    Il Comune ( l’Alemanno od il Veltroni di turno ) le dispensano a parcheggio gratuito per la cittadinanza.
    E fuori delle righe , non è consentito.
    Vale per il litorale così come per ponte milvio.
    Ma è fantastico , sul litorale c’è posto per altre macchine oltre le regolari strisce !
    E tutto questo questo per il benemerito impegno dei parcheggiatori abusivi !
    E bravo Paolo !
    Tu pensa a quei fessi che parcheggiano regolari senza causare intrancio alla circolazione !
    Venga dottò ! Più indientro dottò ! Sò cinque euri se se ferma n’paio d’ore , sinno sò dieci pecchè io alle cinque “stacco”.
    Stacchi ? Ma li mortacci tua, stacchi !
    Hai mai trovato un ben organizzato parcheggiatore abusivo alla fine di una partita di calcio ?
    Io no.
    Però ho visto che macchine rigate da chiavi il cui conducente non aveva versato il giusto obolo al ben organizzato parcheggiatore abusivo.
    Senza parlare del racket che sta dietro sia ai lavavetri che ai parcheggiatori.

    La Politica non si fa a colpi d’accetta ma prima o poi la giustizia , mi auguro , si.
    Pensa un po’ , queste piccole persone che occupano la scena nostrana e che cercano di impedire che si venga derubati quotidianamente da ben organizzati delinquenti.
    Pazzesco.

  3. Mi chiedo se siano questi i veri problemi della citta’… Firme contro le infiltrazioni mafiose? Sempre piu’ presenti e forti? Firme contro l’abusivismo edilizio? … Più facile prendersela con quattro disperati…

  4. Aragon,
    chi ha mai parlato di strisce bianche? Da quando in qua si può parcheggiare SOLO dentro le strisce? E dove non ci sono (come sul litorale o lungo moltissimi marciapiedi romani)? Ho per caso detto che non sono dei taglieggiatori e che ti controllano diligentemente l’auto, dopo che hai parcheggiato? E perché mai se cito l’esempio di posti “fuori dalla carreggiata stradale” questi dovrebbero secondo te intralciare il traffico?
    Da quel che scrivi è evidente che non hai inteso il mio intervento. Forse l’hai letto di fretta. Ti invito a rileggerlo con più attenzione. Se dovessero persistere difficoltà di comprensione, proverò con altre parole.

  5. la raccolta di firme è essenziale. lungi dall’essere l’ennesima minchiata propagandistica della nostra gloriosa destra romana, l’ordinanza der zindaco sarà risolutiva di un problema altrimenti irrisolvibile.
    la torsione a 20 gradi della testa, che i venti poliziotti municipale di stanza ponte milvio dovrebbero compiere per scorgere le decine di auto sistematicamente ivi incolonnate in sosta vietata, ed il manipolo di delinquenti di vario genere che le organizza, non è un movimento semplice. il torcicollo è sempre dietro l’angolo. è ora di dire abbasta. grazie zindaco, grazie sabbatani.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome