Home AMBIENTE Via Mastrigli – in 3 in 10mq: 560 euro al mese

Via Mastrigli – in 3 in 10mq: 560 euro al mese

Nuova indagine de La Repubblica. Un video girato con una telecamera nascosta mette in luce i gia’ ben noti retroscena all’interno dell’ormai famoso Residence di Via Mastrigli. Sono gli stessi occupanti a parlare: “qui viviamo in tre, poco piu’ di 10 metri quadri e paghiamo 560 euro al mese. Senza contratto”. Un’ulteriore denuncia che non ha bisogno di commenti. Per guardare il video è sufficiente cliccare qui. (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

13 COMMENTI

  1. E se invece dicessimo: “via Mastrigli chiama, Giacomini e Alemanno rispondete”?
    Cosa non si fa per evitare di criticare gli amichetti… E’ proprio brutto e penoso quando non si riesce ad essere mai obiettivi. Si perde completamente di credibilità e a volte si rischia di finire nel ridicolo… Mah!
    Comunque, spero che sia chiaro a tutti che ora, con la nuova grave legge di stampo nazista appena approvata dai pregiudicati della maggioranza parlamentare ci saranno inevitabilmente 10, 100, 1000 via Mastrigli.. Sentiti ringraziamenti a tutti gli elettori di bossi & Co. per la lungimiranza e per l’acume politico!

  2. Secondo me sarà esattamente l’opposto. ora si colpirà anche chi affitta a questi disgraziati succhiandogli l’anima….
    poi di stampo nazista….. mamma mia…. allora la spagna che gli spara agli immigrati cos’è?

  3. Gianni, cerchiamo di ragionare. Chi succhia l’anima a questi disgraziati generalmente lo fa perché sa di non rischiare molto. Le cause di ciò possono essere diverse: avere una forte copertura politica (mi ricorda qualcosa..), essere legato e/o protetto dalla criminalità organizzata, oppure semplicemente approfittare del contesto in cui si opera (aree remote o difficilmente controllabili, a forte presenza di immigrati, forze dell’orine assorbite in altri problemi, ecc). A questa gente quindi, questa legge nazista (poi ci arrivo) non cambierà assolutamente nulla. Continueranno a godere delle stesse protezioni Anzi, una cosa cambierà: avranno molti più clienti. Attualmente gli immigrati, seppur clandestini, che possono permettersi qualcosa di meglio (colf, badanti, muratori.. gente che lavora onestamente), probabilmente scelgono di vivere più dignitosamente, magari inzeppando la casa di fratelli e cognati e scegliendo un quartiere con affitti comparabili al loro livello salariale, ma più dignitosamente. Chi andrebbe a vivere a via Mastrigli se avesse la possibilità di optare per un modesto ma onesto appartamentino alla Borghesiana o a Centocelle? Bene, da domani molti dei proprietari dei suddetti appartamentini – persone normali che non hanno certe coperture – per non passare guai seri, non li affitteranno più alle colf e ai muratori. Questa massa di persone alla disperata ricerca di un alloggio, non potendo più contare sul mercato regolare, sarà costretta a muoversi nell’illegalità e ad adattarsi a situazioni di degrado, di criminalità. Con tutte le conseguenze negative che possono generarsi da tale promiscuità. E’ per questo che dico che sorgeranno 10, 100, 1000 via Mastrigli. Ne conviene almeno un po’?
    Riguardo la legge nazista. Questa legge introduce il “reato di clandestinità”. Ma se non sbaglio il reato è un’AZIONE (o omissione) volontaria attraverso la quale un soggetto tende ad arrecare danno a qualcuno o qualcosa (per dirla in termini più corretti.. a ledere un bene tutelato giuridicamente). Varcare un confine privi di documenti è quindi configurabile come illecito, non come reato. L’immigrato clandestino che non ruba, non aggredisce, stupra o uccide qualcuno, non avrebbe commesso quindi alcuna azione configurabile come reato. Ora grazie a questa vergognosa legge, commetterebbe reato in quanto clandestino. Ma la clandestinità è una CONDIZIONE dell’essere umano, che di per sé non arreca danno a nessuno. Nella poco allegra Germania di Hitler gli ebrei, gli omosessuali, ecc. venivano perseguitati, arrestati e condannati (spesso alla morte) solo per essere tali, solo per la loro condizione.
    Le sembra ancora troppo forte l’espressione “legge di stampo nazista”?
    Comunque per chi volesse impiegare 5 minuti per approfondire, segnalo l’appello di un gruppo di noti giuristi http://www.giuristidemocratici.it/post/20090625115421/post_html che in poche righe spiega le ragioni di una ferma opposizione a questa legge, meglio, molto meglio di quanto possa fare io.
    Dimenticavo. Vedo che cita in modo molto risoluto la Spagna. Ne deduco che segue la cronaca spagnola e che conosce bene le politiche per l’immigrazione e la relativa normativa di riferimento. Io invece ne so molto poco, ma mi è capitato di veder buttata lì questa sua frase (senza ulteriori informazioni) in altri commenti. Personalmente ricordo un episodio avvenuto qualche anno fa, in cui a Ceuta (territorio spagnolo in Africa), furono uccisi alcuni “irregolari” proprio lungo le reti di recinzione. Nello stesso episodio rimasero feriti alcuni poliziotti spagnoli (Guardia Civil?) e ci fu un rimbalzo di accuse tra polizia spagnola e marocchina, nonché l’identificazione di questi “irregolari” come contrabbandieri, che da quelle parti in verità abbondano (ma in questi casi può essere lecito dubitare delle fonti ufficiali…). Si riferisce solo a questo episodio o ce ne sono stati altri? E cosa prevede normalmente la legge spagnola? Quali politiche vengono attuate verso i chiedenti asilo o verso coloro che comunque non vogliono scavalcare per entrare? Quali opportunità hanno di integrarsi? Quanto pesa il numero degli immigrati sulla popolazione? Spero proprio che lei abbia tempo e voglia per rispondere. Se no rimango col dubbio che abbia paragonato una legge a un episodio!
    Saluti

  4. E’ più o meno analoga la situazione a via Broli e via Stasi (qui si vede la prima via: http://maps.google.it/?ie=UTF8&ll=41.969191,12.452359&spn=0.010019,0.044074&z=15&layer=c&cbll=41.969185,12.452367&panoid=s9A2Vf7yChwZROiUceQI-w&cbp=11,340.17,,0,4.22).
    Non so attualmente che aria si respiri in queste due vie, ma sapevo con certezza che avvenivano furti d’ogni genere soprattutto in V. Bruni.
    Poi basta farci un giro per rendersi conto coi propri occhi (comunque nemmeno le mappe di Google li risparmiano).

    Quanto ai commenti,
    non sono d’accordo con quello che sostiene Paolo.
    Piuttosto che criticare le leggi approvate, sarebbe meglio vedere soluzioni alternative.
    Tra l’altro il degrado di V.Mastrigli non è accaduto oggi, ma è presente da diversi anni, ormai.

    Un saluto a tutti,
    Mattia

  5. Da quello che si legge e si dice, De Lillo e Alemanno stanno rischiando grosso con la Procura della Repubblica, ci sono leggi che non vengono rispettate e situazioni che evidenziano reati di natura penale tra l’altro ampiamente documentate dalla stampa e dalla televisione, e da internet.

    Chissà che gli dice il cervello a qui due……

  6. Mattia, perchè criminalizzare dei disgraziati ?
    che c’entrano i furti ?
    A Via Mastrigli di ladro ce n’è uno solo.
    Sappiamo tutti come si chiama.

  7. Questo è uno strano paese e la tragedia di Viareggio non ha fatto altro che confermarlo: ci si muove soltanto a disastro avvenuto.

    Noi residenti di Via Mastrigli vorremmo che per una volta si riuscisse ad evitare il dramma annunciato agendo per tempo nel residence della vergogna dove centinaia di disgraziati sono stipati in loculi ognuno dei quali dotato di bombola a gas. Il tutto come documentato dal servizio di repubblica tv.

    Al presidente Giacomini, all’assessore De Lillo e al sindaco Alemanno che da mesi ignorano sistematicamente comunicati, esposti, interpellanze, e quant’altro
    ricordo che uno dei principi cardini della giurisprudenza afferma che “il non impedire un evento che si ha l’obbligo per legge di prevenire, equivale a cagionarlo”. Al riguardo è stato presentato un esposto alla procura della repubblica al fine di accertare eventuali inadempienze e/o omissioni.

  8. Vede Mattia, lei certamente può non essere d’accordo con quanto ho scritto, ci mancherebbe altro! Ma mi lascia con la curiosità di sapere in cosa non è d’accordo, perché non dice nulla. Cioé lei critica ma non spiega; e non esprime neanche il suo pensiero, non dando in questo modo, neanche la possibilità di controreplicare. Ci perda un po’ di tempo anche lei!
    Riguardo la sua frase “Piuttosto che criticare le leggi approvate, sarebbe meglio vedere soluzioni alternative.”…
    1) le ricordo che siamo su un blog (un luogo fatto apposta per informarsi, commentare, discutere e criticare) e non nell’Aula Giulio Cesare o in Consiglio dei Ministri;
    2) Trovo assolutamente stupido tentare di cercare una soluzione per v Mastrigli, senza preoccuparsi di contrastare una legge che crea in poco tempo altre mille situazioni analoghe (se non concorda con questo ci consenta di capirne il perché..)… è un po’ come tentare di svuotare il Titanic con un secchiello mentre affonda.
    3) Questo approccio acritico che si cela dietro un inutile e finto pragmatismo, è dannoso e rivela un’italietta superficiale e qualunquista, causa dell’attuale impoverimento culturale, politico e istituzionale del Paese.

    Per GIANNI
    Sig. Gianni, c’è ancora o è già sotto l’ombrellone? Ha lasciato tutte quelle domande senza risposta!! Non vorrà mica fare come il Cons. Targa…

  9. Grazie a Repubblica e ai giornalisti che hanno confermato quanto da anni tutti noi abitanti del villaggio dei cronisti denunciamo con la incredibile indifferenza degli addetti alle istituzioni che hanno sempre fatto finta di non sapere. Il fimato non può documentare i ratti che si aggirano indisturbati, gli inquilini o i loro amici che urinano spudoratamente fuori dai bagni davanti ai residenti di via mastrigli, le fogne che emettono un continuo orripilante odore, l’uccisione di animali (polli, agnelli e forse anche animali domestici, insomma una vera vergogna.
    Il bliz della polizia municipale darà dei risultati concreti?
    Noi non ci fermeremo, mai|

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome