Home AMBIENTE Parco dell’Insugherata – Robin Hood verifica l’accesso di Tomba di Nerone

Parco dell’Insugherata – Robin Hood verifica l’accesso di Tomba di Nerone

robin hoodRobin Hood, Comitato spontaneo per la tutela della Riserva Naturale dell’Insugherata, ha avviato un’indagine ambientale per verificare lo stato degli accessi al parco dell’Insugherata. Dopo quello di Via dell’Acqua Traversa, oggi Robin Hood è andato a controllare l’accesso di Tomba di Nerone, anch’esso in zona Cassia. “Per entrare nell’ Insugherata –  spiega Robin Hood – bisogna percorrere Via Tomba di Nerone (la strada alle spalle della Chiesa di S.Andrea) a piedi  perchè a metà della stretta strada in discesa c’è un cartello di divieto di transito. L’ingresso è un varco creatosi con la caduta di un vecchio cancello di ferro. Lo stretto sentiero si snoda tra la fitta vegetazione, rifiuti, alberi caduti e carcasse di moto e auto. Alla fine del sentiero c’è una incredibile sorpresa per l’ardito visitatore! Dal terreno fuoriesce un abbondante rivolo di acqua dal colore sospetto (all’occhio di un neofita si direbbe acqua scura) che dopo aver formato una specie di palude attraversa tutta la piana per fermarsi poi a poche decine di metri dal Fosso dell’ Acqua Traversa”.

[GALLERY=324]

“Arrivati a questo punto, se si vuole proseguire  – e Robin Hood invita a non scoraggiarsi ed a proseguire – ci sono due possibilità: la prima è a destra, dopo il depuratore in disuso (quello riempito di calcinacci e coperto con lamiera ondulata) si può proseguire nella bella piana fino al GRA costeggiando il fosso (le cui acque sporche continuano a manifestare abbondanti schiume);

 [GALLERY=325]

la seconda è a sinistra: passati i due ponticelli, si costeggia il fosso dell’Insugherata entrando in quella che è la parte decisamente più bella della riserva.  Si possono percorrere numerosi sentieri attraversando i rigogliosi boschi di sughere oppure passeggiando lungo profondi pianori dove fiorisce la ginestra,  fino a raggiungere la zona Trionfale. A piedi o facilmente in bicicletta – conclude Robin Hood – si attraversa un paesaggio incredibile in grado di riservare grandi sorprese!”

Prossima verifica: l’accesso da via Campo di mele (Red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome