Home ATTUALITÀ Campo Nomadi Santa Maria di Galeria – Contrari i comitati di Roma...

Campo Nomadi Santa Maria di Galeria – Contrari i comitati di Roma Nord

Comunicati StampaRiceviamo dal Coordinamento dei Comitati di Roma Nord il seguente comunicato stampa in merito all’installazione di un campo nomadi a Santa Maria di Galeria. Del Campo Nomadi di Santa Maria di Galeria si è diffusamente dibattuto in questo Blog. Per vedere tutte gli articoli e le discussioni clicca qui.

Al Sindaco di Roma
Al Presidente del Consiglio e ai Consiglieri del Comune di Roma
Al Presidente del Consiglio e ai Consiglieri del XX Municipio del Comune di Roma
Al Presidente del Consiglio e ai Consiglieri del XIX Municipio del Comune di Roma

Alla Redazione di Vignaclarablog.it
Alla Redazione di Vejo.it

Il Coordinamento dei Comitati di Roma Nord dichiara di essere assolutamente contrario all’installazione di un campo nomadi nel territorio di Roma Nord ed in particolare nell’area individuata fra Osteria Nuova e Santa Maria di Galeria.

Il Coordinamento dei Comitati di Roma Nord è altresì assolutamente contrario all’installazione del megadeposito di autodemolitori previsto nell’area compresa fra Cesano e Osteria Nuova.

Ricordiamo che il territorio di Roma Nord costituito dalle zone di Santa Maria di Galeria, Cesano, Osteria Nuova, Olgiata, La Storta, Isola Farnese, è soggetto da molti anni a degrado ambientale determinato dall’impianto nucleare dell’ENEA della Casaccia, dal deposito di scorie nucleare gestito dalla Nucleco posto nel medesimo sito dell’ENEA, dalle immissioni elettromagnetiche a radiofrequenza della centro trasmissioni radiofoniche intercontinentali della Radio Vaticana di Santa Maria di Galeria (via Braccianese) e del centro trasmissioni della Marina Militare di Santa Rosa (via della Storta).

Ricordiamo che attualmente al Tribunale di Roma sono in corso due procedimenti penali nei confronti di alcuni responsabili dei due impianti:

1. procedimento penale giudiziario di 2° grado per getto pericoloso di cose (ex art. 654 c. p.) nei confronti di due responsabili della Radio Vaticana, già condannati in 1° grado a 10 giorni di reclusione, con sospensione della pena, ed al pagamento dei danni e delle spese processuali.

2. procedimento indiziario per omicidio plurimo colposo e lesioni plurime colpose contro alcuni responsabili della Radio Vaticana e del centro trasmissioni della Marina Militare, che si sta esplicando attraverso incidente probatorio tramite indagine epidemiologica volta a accertare, entro 6 km. di distanza dai due centri trasmittenti, il nesso fra:

-immissioni elettromagnetiche a radiofrequenza

e

– mortalità per patologie a carico del sistema emolinfopoietico (leucemie, linfomi e mielomi) negli adulti (individui di età superiore a 14 anni);

– incidenza delle medesime patologie nei bambini (individui di età fra 0 e 14 anni) .

Coordinamento dei Comitati di Roma Nord.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome