Home AMBIENTE Ponte Milvio – promessa mantenuta, è di nuovo qui

Ponte Milvio – promessa mantenuta, è di nuovo qui

Con estrema puntualità – si sa, tutta la comunità locale è in trepida attesa – torna l’ennesimo mercato a Ponte Milvio. Stamani, da camion targati AP (Ascoli Piceno) diligentemente parcheggiati sul piazzale (area pedonale) all’ombra della Torretta Valadier, alcuni operai, dall’accento più di un paese dell’est che marchigiano, scaricavano e montavano tende su tende a tutt’andare.

[GALLERY=279]

Promessa mantenuta quindi quella presente sul sito OsteriaMuseo.it, società organizzatrice di mercati con sede ad Ascoli Piceno ma ormai habituée del nostro territorio, nel quale da un paio di settimane veniva anticipato che, tanto per cambiare, questo fine settimana saremo stati allietati dalla presenza di un altro suo mercato. Ormai il piazzale è suo appannaggio a quanto pare.

[GALLERY=280]

L’abbiamo scritto decine di volte e non ci stanchiamo di ripeterlo: la nostra non è paranoia. E’ amore per questo spicchio di territorio, per questo angolo di storia che meriterebbe di ospitare eventi di cultura, d’arte, di  musica, occasioni di arricchimento e di socializzazione anziché tendopoli e bancarelle a piè sospinto. Ma essendo dei comuni mortali ci sfuggono le logiche della fine politica di gestione del territorio che portano a privilegiare i mercati alla cultura. Qualcuno prima o poi vorrà spiegarle alla comunità? (Red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

5 COMMENTI

  1. Di nuovo qui, ancora tende e banchi fino alla nausea. Sono stufa, siamo stufi !!!!!!!
    Che dobbiamo fare noi cittadini di Ponte Milvio, una manifestazione di massa ??
    Meno male che domani dovrebbe piovere, così forse li smontano prima tutti questi banchi e se ne tornano a Asscoli Piceno. Vorrei proprio sapere chi è questo organizzatore e perchè viene così favorito. Martina

  2. Segnalavo, in un commento del dicembre scorso, che il consigliere Erbaggi ha avuto modo di spendere parole di incoraggiamento in favore dell’organizzazione di Brandozzi, invitandolo a tornare a Roma per “una mostra di antiquariato e collezionismo di pregio.”

    Brandozzi è tornato (più volte) ma, a sentire quel he riferiscono i visitatori, le esposizioni raccolgono oggetti di infima qualità e di valenza artistica o culturale nulla.

    E se lo si invitasse, cortesemente, a rimanersene nelle belle Marche? Ed Erbaggi, dal 2007 ad oggi… ha sempre la stessa idea?

  3. Se restasse il marchigiano nelle Marche la settimana dopo avremo magari il fiorentino da Firenze o il casertano da Caserta.
    Caro Camillo, visto che ogni settimana ce n’è uno, qui il problema non è chi espone ma chi autorizza ad esporre, chi ha deciso che questa piazza deve essere una succursale di porta portese. Questo è il primo problema, poi il secondo è anche giustamente chi espone, nel senso che com’è che espone quasi sempre questo sig.Brandozzi, che rapporti ha con il municipio, perchè sempre lui e non altri ?

  4. E’ ormai chiaro che dobbiamo rassegnarci al mercato a Ponte Milvio.

    Continuare a ricordare che è ritornato ogni volta che si montano i gazebo per mercato secondo me, come scrisse qualcuno su questo blog in passato, è solo un modo di fare nuova e gratuita pubblicità allo stesso.

    Silenzio e soprattutto il divieto di farvi visita e acquisti mi sembra la forma migliore e più efficace di protesta.

    Angela

  5. E perchè dovrei rassegnarmi ad una imposizione ? Per fare un favore a chi avalla e a chi organizza i mercati ? Non ci penso proprio a rassegnarmi e non voglio proprio il silenzio stampa ! Sono invece grata a vignaclarablog che continua a martellare su questo argomento e io come tanti altri residenti sulla piazza e nelle strade perimetrali siamo con loro e gli chiediamo di continuare a documentare quello che accade ogni settimana a Ponte Milvio.
    Martina

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome