Home ATTUALITÀ Ospedale S.Andrea : inaugurate le nuove cucine

Ospedale S.Andrea : inaugurate le nuove cucine

Vaste oltre 700 mq, potranno fornire ogni giorno 1500 pasti e 40 diete specifiche

santandrea.jpgIeri, alla presenza del Direttore Generale Vitaliano De Salazar , di Monsignor Brambilla e del Consigliere regionale Augusto Battaglia sono state inaugurate le nuove cucine dell’Ospedale Sant’Andrea, una scelta dalla parte dei “pazienti” a vantaggio della qualità e dell’accoglienza. Locali moderni e sicuri che si estendono su più di 700 metri quadrati dove sarà possibile preparare 40 diete specifiche tra le quali quelle per i bambini, i malati di celiachia, le persone colpite dalle intolleranze alimentari.

“Le cucine dell’Ospedale Sant’Andrea completate in otto mesi di lavori danno l’avvio ad una nuova fase con scelte sempre più a vantaggio della qualità e del benessere dei pazienti” ha dichiarato il Direttore Generale Vitaliano De Salazar.
“Questa necessaria implementazione è stata sostenuta anche dai risultati di un’indagine svolta sulla Customer satisfaction, il giudizio dei pazienti sul nostro Policlinico. Da una prima elaborazione dei dati – aggiunge il Direttore De Salazar – emerge che il Sant’ Andrea si afferma come struttura d’eccellenza, ma con una dovuta richiesta di miglioramento dell’appetibilità dei pasti che, pur rispettando gli standard di qualità, essendo fino ad oggi preparati all’esterno risentivano obbligatoriamente dei tempi di trasporto”.
[GALLERY=180]

I nuovi locali, ultimati dopo un processo di ristrutturazione e messa a norma di locali individuati nel corpo dell’Ospedale, sono stati progettati e realizzati secondo i più aggiornati dettami della sicurezza e della tecnologia e – costati 530 mila euro come previsto da un gara d’appalto licenziata nel 2005. Nelle nuove cucine saranno preparati quotidianamente i 1500 pasti destinati ai pazienti, al personale interno e agli studenti e la preparazione in loco permetterà di eliminare i tempi d’attesa tra la cottura e la distribuzione, causa della non sempre accertata appetibilità dei pasti.
Le nuove cucine equipaggiate con forni “intelligenti” autoprogrammabili e con sistema d’abbattimento della temperatura per cibi destinati alle celle frigorifere, sono divise in nove aree destinate ai diversi tipi di cottura (tradizionale e dietetica), alla lavorazione delle carni fresche e delle verdure, a quelle per lo stoccaggio derrate deperibili più alcune specifiche per il lavaggio delle pentole e dei vassoi.
[GALLERY=181]

Con le nuove cucine sarà avviato anche l’utilizzo dei carrelli Burlodge, un innovativo strumento che permette di proporre ai pazienti pasti sempre gradevoli e alla giusta temperatura.Questo tipo di carrello, infatti, studiato per la ristorazione collettiva, è diviso in due parti con differenti motori, che permettono di mantenere durante la distribuzione nei piani la temperatura costante fino a 75 gradi per i cibi caldi e 4 gradi per quelli freddi.
 (Testo da Maria D’Amico – Uff.Stampa Osp.S.Andrea – foto da Monica Palermo) 

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome