Home ARTE E CULTURA Teatro Olimpico, il 18 Ottobre il musical Don Bosco

Teatro Olimpico, il 18 Ottobre il musical Don Bosco

A ottobre il debutto a Roma, il ricavato per sostenere due case famiglie salesiane. Il cantante Marcello Cirillo interpreta il santo torinese a 150 anni dalla fondazione dell’ordine dei salesiani (di Emanuela Micucci)

 

manifesto.jpgDon Bosco diventa un musical e debutterà in prima nazionale tra un mese, il 18 ottobre, al Teatro Olimpico di Roma per la regia di Piero Castellacci. Mentre la congregazione dei salesiani, fondata dal santo, si appresta a festeggiare nel 2009 il 150° anniversario, lo spettacolo ripercorre le tappe più importanti della vita di don Bosco e racconta le difficoltà legate alla nascita degli oratori e i successi ottenuti con la creazione delle prime missioni. Obiettivo di Don Bosco il musical: “far rivivere i momenti salienti di questa storia straordinaria ai tanti che già la conoscono ma anche e soprattutto farla conoscere a un pubblico più vasto”, spiegano i promotori dello spettacolo.

Proprio il rettore maggiore dei salesiani, don Pascual Chàvez, in occasione della celebrazione del 150esimo della fondazione dell’ordine ha raccomandato ai salesiani di “narrare ai giovani la storia degli inizi della congregazione, della quale essi sono stati ‘confondatori’ insieme a don Bosco” e di essere consapevoli del compito ad essi affidato: “evangelizzatori dei giovani e animatori di una famiglia carismatica”. Non mancheranno i riferimenti alle realtà storiche e sociali del periodo. “Abbiamo deciso di intraprendere questa nuova avventura”, spiega Castellacci, “perché don Bosco è un personaggio attualissimo”.

Ma la rappresentazione sarà anche l’occasione “per fare un piccolo regalo a quei ragazzi che a don Bosco stavano tanto a cuore”. Parte del ricavato della vendita dei biglietti del debutto, infatti, andrà alle Case famiglia salesiane del Lazio federate alla Scs (Salesiani per il sociale), Provvidenza e Borgo Ragazzi don Bosco. “Il teatro – concludono gli organizzatori – si riconferma non solo mezzo di diffusione di cultura, svago e intrattenimento, ma anche strumento per sensibilizzare sui problemi dei ragazzi in condizioni di disagio e marginalità e per fare qualcosa di concreto”. Sull’esempio di don Bosco, un sacerdote di strada semplice, che viveva in mezzo alla gente, educava i giovani ai valori per sottrarli alla “malavita”. “Un operario di Dio”, come recita il titoloni uno dei brani più importanti del musical. Nei panni del santo torinese uno straordinario Marcello Cirillo, cantante e presentatore televisivo in “Mezzogiorno in famiglia”.

locandina2.jpgNel cast del musical alcuni storici interpreti del celebre “Forza venite gente” come Renato Biagioli. I compositori sono Achille Oliva ed  Alessandro Aliscioni, la coreografia è di Claudio Meloni e la scenografia di Pepi Morgia. I testi sono stati pensati da Castellacci su ispirazione di un testo di Renato Biagioli e le musiche sono di Alessandro Aliscioni e Achille Oliva con la collaborazione di G. Belardinelli, A.M.Maiello, O.Petrossi, M.Cirillo.
In perfetto stile salesiano, tra anelito educativo e umiltà del cuore, il produttore dello spettacolo, Elia Faustini, ha deciso di realizzare un musical senza effetti speciali con una produzione funzionale ma frugale. Dopo il debutto romano lo spettacolo sarà in un tuor lungo la Penisola. Attesissimo il doppio appuntamento dell’1 e 2 a novembre a Torino, la città di don Bosco.
Emanuela Micucci

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome