Home ATTUALITÀ Sicurezza: a Roma pronti 900 militari per vigilare nelle strade

Sicurezza: a Roma pronti 900 militari per vigilare nelle strade

militari1.jpgSono 51 gli obiettivi sensibili individuati a Roma fra i quali, nel XX Municipio, la stazione di Tor Di Quinto e quella de La Storta, come già anticipato da VignaClaraBlog  nei flash del 26 Giugno e dell’11 Luglio.
Lo hanno dichiarato stamani Roberto Maroni, Ministro degli Interni, e Ignazio La Russa, Ministro della Difesa, in una conferenza stampa al Viminale nella quale hanno presentato il piano operativo che fa seguito al decreto legge sull’impiego del personale delle Forze Armate nel controllo del territorio. A Roma quindi, da lunedì 4 agosto, 888 militari dell’Esercito, della Marina, dell’Aeronautica e dell’arma dei Carabinieri  saranno utilizzati per il pattugliamento e per lo svolgimento di servizi di vigilanza a siti e obiettivi sensibili.

I compiti loro assegnati, ha dichiarato Ignazio la Russa, sono chiari: sostituzione dei poliziotti e carabinieri impegnati nella vigilanza ad obiettivi sensibili e partecipazione a pattuglioni misti, rigorosamente a piedi per una maggiore visibilità. Indosseranno divise diverse in funzione del compito: la mimetica in caso di vigilanza e la divisa di ordinanza per il pattugliamento; quest’ultimo sarà effettuato con armi corte e non con i mitra e comunque dello stesso faranno sempre parte uno o due rappresentanti delle forze di polizia. Resta fermo che i militari potranno compiere arresti solo in caso di flagranza di reato e che le relative regole di ingaggio saranno decise dal Prefetto di Roma.

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. Francamente non sono d’accordo sull’uso dell’esercito così come è stato ideato.

    Ossia , se l’esercito non ha – come mi sembra di aver capito – funzioni da “pubblico ufficiale” e cioè non è in pieno possesso di tutte le “strumentazioni normative ed operative” della forza pubblica. perchè non inviarlo in sostituzione laddove possibile ?

    Ad esempio quella camionetta di polizia e/o carabinieri che staziona immota ed immotivata in via zandonai a custodia dell’ambasciatadelnonmiricordochicacchioc’è, perchè non sostituirla con 5 bersaglieri,alpini,marò ed inviare invece la polizia alla stazione di tor di quinto o comunque al presidio di zona ?
    E via dicendo ..
    Così come – non c’entra niente ma siamo in argomento – perchè non spostare quell’esercito in esubero di dipendenti statali, provinciali,comunali presso i commissariati a fargli timbrare i passaporti e prendere denunce ?
    Oppure metterli allo sportello di via caprilli a consegnare le multe-truffa, così da liberare gli zelanti vigiuli al loro compito in strada ?

    Così la vedo.

  2. L’EREDITA’ DELLA SINISTRA – L’elenco sarebbe lungo. Limitiamoci al disordine morale e materiale. Indisciplina dovunque. Libertà per chiunque di violare beni e persone; di insediarsi e bivaccare dovunque. Ora che il testimone è passato alla destra, se a tutto quello che accade (frutto dell’utopia di sinistra) non si riesce a porre rimedio, e subito, la colpa è del governo. L’assurdo è che quest’ultimo è libero di agire fino ad un certo punto, perché la sinistra pone limiti alle azioni possibili.
    Quattro militari a Ponte Mammolo! Sarebbe stato meglio lasciarli nelle loro caserme.
    Per avere una presenza effettiva ce ne sarebbero voluti almeno sedici, cioè quattro militari distribuiti su quattro turni. Ma la sinistra non vuole! Silfo

  3. Silfo, di quale sinistra parli ? c’è ancora una sinistra in italia addirittura in grado di condizionare il governo ? Forse eri in paupasia questa primavera ? Perchè delle elezioni in italia e della schiacciante vittoria della destra ne hanno parlato per settimane i giornali di tutta europa. Ti sfugge il particolare che è un governo di destra ed una maggioranza di destra a governare il paese e la città di Roma e se quindi a Ponte Mammolo ci saranno solo 4 soldati chiedine il perchè al Sindaco di Roma che insieme al Prefetto ha individuato i siti ed il numero di soldati per ciascuno.
    Altro che sinistra che pone limiti alle azioni possibili !
    Ma dove ce l’ha tutta questa forza la sinistra….. anzi dov’è la sinistra ??
    sei rimasto solo tu (e il cavaliere) a vederla, soprattutto come uno spauracchio.
    Eretico

  4. Ogni volta che vedo camionette militari in strada mi viene sempre da pensare ai paesi sudamericani della fine degli anni 70, abbiamo veramente bisogno dell’esercito in strada per fronteggiare l’ “emergenza sicurezza” ? Secondo me usiamo i militari perché con i tagli che ci saranno non si potrà certo reclutare nuove forze dell’ordine né tantomeno potenziare i loro mezzi.
    Ma che dicono i dati relativi all’andamento della criminalità degli ultimi anni? Sono giorni che li cerco su internet ma non so dove sono pubblicati e per cercare di ragionare con la testa e non con la pancia dovremo averli sottocchio, sono stanca di sentire commenti di chi mi ripete a pappagallo quello che sente in televisione sugli ultimi fatti di cronaca nera.

    Per Silfo: non amo chi non rispetta le regole del viver civile, ma parlare di disordine morale e materiale in un paese dove le regioni del sud sono ormai in mano alla criminalità, il malaffare e la corruzione sono imperanti (un assaggio? basta leggere la recente intervista a Tavaroli) , i nostri politici sono impresentabili , la gente non arriva a fine mese ma….Capri e la Costa Smeralda sono prese d’assalto (saranno tutti ricchi arabi?), francamente mi sembra eccessivo.

  5. La stazione di Tor Di Quinto è chiusa per lavori di ristrutturazione.

    I militari vigileranno i lavori in corso ?

    O daranno una mano per finire prima ?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome