Home ATTUALITÀ Il Sindaco Alemanno: strisce blu gratis da oggi fino a nuovo ordine

Il Sindaco Alemanno: strisce blu gratis da oggi fino a nuovo ordine

 In calce all’articolo il testo integrale della delibera 104/2004 e relative planimetrie delle aree soggette a fascia blu: cioè tutte quelle oggi esistenti  

colonnina-parcheggio.jpgIl Comune informa: stop alle strisce blu su tutte le aree della capitale definite “di particolare rilevanza urbanistica” dalla deliberazione n. 104 del 2004 (annullata dal Tar), da oggi fino a nuova deliberazione. Lo stabilisce l’atto di indirizzo firmato questa mattina dal sindaco Alemanno e inviato all’Atac, al Comando della Polizia Municipale e all’Ufficio Contravvenzioni per un’immediata esecuzione delle disposizioni impartite. L’atto di indirizzo, alla luce della sentenza del Tar pubblicata il 28 maggio – che ha accolto il ricorso del Codacons e annullato la delibera del 2004 -, si è reso necessario, si legge nel provvedimento, per “prevenire contestazioni suscettibili di arrecare a questo Comune maggiori pregiudizi rispetto ai proventi della sosta a pagamento”.

In queste ore in tanti si stanno chiedendo quale sia il contenuto della delibera annullata e quali siano le aree nella stessa definite “di particolare rilevanza urbanistica”. Ve lo diciamo noi. 

Per leggere o scaricare il testo della delibera della Giunta del Comune di Roma n.104 del 3 Marzo 2004 è sufficiente cliccare qui. L’abbiamo scovata negli archivi digitali del Comune e ve la proponiamo in versione integrale, scritta in burocratese ma abbastanza comprensibile. Nella stessa vengono riepilogate tute le aree di rilevanza urbanistica, sia quelle istituite in quella seduta di Giunta e sia quelle preesistenti. E’ un atto riepilogativo. L’annullamento dello stesso da parte del TAR comporta quindi l’annullamento di tutte le zone a fascia blu di Roma.  Da oggi gratis, fino a nuova disposizione Sindacale.  

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. La sosta tariffata (nei tempi e nelle estensioni in cui era prevista) era indubbiamente “eccessiva, ma auspicare una qualche turnazione della sosta (anche onerosa) in aree di particolare richiamo e traffico – mantenendo per legge aree “libere” – mi pare cosa ragionevole. Purché non si riduca il controllo al capriccio del momento di qualche “ausiliario”, ma venga effettuato con costanza, attenzione ed intransigenza.

  2. E’ da tempo che si parlava (ma solo a chiacchiere) di istituire una tessera di abbonamento per il parcheggio sulle strisce blu un po come avviene per metrebus o altre forma di abbonamento mensile : il Comune di Roma avrebbe avuto a disposizione grosse introiti mensili (invece di fogli e fogliettini vari) e l’automobilista avrebbe pagato un prezzo forfettario mensile senza dubbio più conveniente e senza il patema d’animo di correre a rinnovare il ticket per orario scaduto.Spero che questo provvedimento sia da stimolo per il Comune di Roma nel caso di un eventuale (per ora mi sembra aver capito è in corso la positiva disattivazione delle strisce blu) ripristino dei pagamenti.Grazie.Distinti Saluti

  3. Veramente le “tessere” per parcheggiare c’erano già: elettroniche, con 50,00 euro prepagati e – cosa ottima – a scalare sul tempo effettivo (sosta di 20 minuti e pagamento di 20 minuti…).

  4. Forse non sono stato chiaro: io parlo di un abbonamento a cifra fissa mensile sia che uno lo adoperi o no. Niente prepagati a scalare come già esistono.Sarebbe ottimo per coloro che usano frequentemente per lavoro la sosta sulle strisce blu , esattamente come lo sono gli abbonamenti mensili ai mezzi pubblici (visto che sono servizi pubblici anche i parcheggi blu).Grazie.Distinti Saluti

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome