Home ATTUALITÀ XX Municipio: Giunta e composizione del Consiglio da oggi definitive

XX Municipio: Giunta e composizione del Consiglio da oggi definitive

 una breve e formale seduta con qualche scossa di assestamento

xx-municipio.jpgSi è tenuta stamani la seduta del Consiglio del XX Municipio convocata appositamente per ufficializzare la composizione della nuova Giunta e le deleghe assegnate dal Presidente Giacomini ai singoli Assessori:

Marco Perina, Vice Presidente del Consiglio ed assessore alle attività e servizi culturali e dello sport ed alle politiche scolastiche.

Umberto Sacerdote, assessore al bilancio, alla programmazione, agli affari generali, alle attività produttive, all’artigianato ed alla tutela della salute.

Marco Daniele Clarke, assessore ai lavori pubblici, alla manutenzione urbana, alle politiche del personale e decentramento.

Giuseppe Molinari, assessore all’urbanistica, al patrimonio, ai grandi parchi (con esclusione del Parco Volusia) ed ai PuP.

Il Presidente Giacomini non ha delegato le responsabilità inerenti i servizi sociali, i trasporti scolastici, le politiche per la famiglia e la sicurezza che restano quindi per il momento in capo alla sua persona.

Le scosse d’assestamento.  

A seguito di tali nomine i neo Assessori, ad eccezione di Umberto Sacerdote (unico esterno), hanno rassegnato le dimissioni da Consigliere (sulla base dello Statuto del Comune di Roma e di quello del Municipio che prevedono l’incompatibilità fra i due incarichi) ed a loro sono subentrati i primi dei non eletti e cioè Rita Brunella e Giorgio Mori per il PdL ed Antonio Derenti per l’UDC.

Subito dopo Giuseppe Molinari ed Antonio Derenti hanno comunicato di abbandonare l’UDC e di entrare nel PdL come reazione alla decisione dei vertici nazionali e locali dell’UDC di schierasi all’opposizione dei governi di centro-destra.  Di conseguenza 4.428 elettori (5,4%) che nel XX Municipio hanno votato per l’UDC restano orfani di rappresentanza  nel Consiglio Municipale.

La composizione finale del Consiglio.

A seguito di quanto sopra il Consiglio risulta così definitivamente essere composto:

PdL:  Antonio Scipione, Daniele Massimini, Stefano Erbaggi, Marco Petrelli, Dario Antoniozzi, Giuseppe Mocci, Giuseppe Calendino, Cesarino Lelli, Cristiano Pasero, Simone Ariola, Clarissa Casasanta, Luciano Sciarretti, Rita Brunella, Giorgio Mori ed Antonio Derenti.

La Destra: Andrea Antonini.

PD: Gaetano Rizzo, Alessandro Sterpa, Marco Tolli, Francesco Scoppola, Daniele Torquati,  Elisa Paris, Alessandro Cozza.

Italia dei Valori: Giuliano Pandolfi

Per completare il quadro istituzionale mancano ora le nomine a Presidente e Vice Presidente delle varie Commissioni  e le eventuali  assegnazioni di specifiche deleghe ad personam dal Presidente Giacomini ad alcuni consiglieri : i Gruppi politici sono già al lavoro per definire le strategie.    

Visita la nostra pagina di Facebook

23 COMMENTI

  1. Come abbiamo evidenziato sul blog Vejo.it, oggi il Consiglio municipale è stato convocato solo per pochi minuti e per informare i consiglieri ed i cittadini di tre cose:

    1) che la Giunta municipale è stata formata, in completa continuità con la precedente Giunta Fasoli (confermati 3 assessori uscenti – Perina, Clarke e Sacerdote – e rispettive deleghe; il Presidente Giacomini era già assessore uscente: 4/5 di Giunta Fasoli sono nella Giunta Giacomini).
    2) che l’unica “novità” è l’assessore Molinari, già delegato ai PUP (Parcheggi) della Giunta Fasoli che esce dell’UDC (partito per il quale – solo pochi giorni prima – correva sia come Presidente del Municipio XX contro Giacomini, sia al Comune di Roma come consigliere). Molinari è il “nuovo”: terzo mandato in Municipio dal 2001 nelle liste dell’UDC.
    3) che la nomina degli Assessori ha prodotto l’ingresso in Consiglio di tre nuovi Consiglieri del PDL, ossia Mori e Brunella (eletti in quella lista) e Derenti (eletto nell’UDC ed ora transitato nel PDL). Derenti, già eletto nel 2006 in Forza Italia era passato poi nell’Udc, dove si è candidato, ed ora è tornato nel PDL.

    Da quanto successo, dunque, si evince che – tra “trasformismo” di poco conto e continuità con Fasoli – la nuova Giunta comincia a lavorare, senza una parola sulle priorità che seguirà e sul modo in cui le perseguirà. La vecchia politica degli accordi e degli accordini occupa la scena del nostro Municipio.

    Agli elettori e agli amici dell’UDC che in questi mesi hanno sostenuto una dura e leale campagna elettorale per il proprio partito e per i propri valori mi sento di dover mandare un messaggio di solidarietà, nella convinzione che il PD, se essi lo vorranno, potrà essere per loro un interlocutore istituzionale credibile. Un interlocutore che non chiede né scambi di favori, né cambi di casacca, ma che è consapevole del patrimonio culturale, umano e politico che l’UDC rappresenta nel nostro territorio; patrimonio che oggi è ferito dal fastidioso ed imbarazzante “voltar le spalle” di due esponenti eletti con quella lista.

    Continua l’impegno del PD, appassionato e libero, per la nostra Comunità.

    Alessandro Sterpa
    Capogruppo PD
    Municipio Roma XX
    sterpa@sterpa.it

  2. Derenti non lo conosco e non mi interessano i suoi trasformismi. Ma della notizia di Giuseppe Molinari sono rimasta stupefatta ! Io ed i miei genitori siamo tre degli oltre 4000 che lo hanno votato credendo nei valori dell’UDC, nelle parole e nelle azioni di Casini che finalmente aveva avuto il coraggio di allontanarsi da Forza Italia. Anche in Molinari credevamo, se non altro perche’ rappresentava l’UDC di questa zona, un partito di centro, con dei valori concreti e moderati. Che delusione ! Ci sentiamo traditi per una poltrona. Spero che ci sia qualcun altro che possa sostituirlo presto perche’ in quei valori noi ci crediamo ancora, questo vale anche per Sterpa.
    Martina

  3. Ritengo azzardata l’affermazione che 4428 cittadini siano rimasti senza rappresentanza.
    Una parte lo sarà senz’altro, ma lasciamo decidere a loro: li potremo contare al risultato elettorale delle prossime elezioni.
    In quanto alle dettagliatissime informazioni forniteci da un Consigliere della minoranza su Assessori e Consiglieri della maggioranza, certo, a molti potrà interessare: strano che non ce ne siano stati comunicati anche l’entità dei pasti e delle necessità fisiologiche. Personalmente, preferirei giudicarne l’operato aministrativo prima di esprimere giudizi comunque poco lusinghieri.
    Infine, trovo quanto meno poco elegante quella pubblicità di partito: “venite da noi, vi hanno tradito, noi siamo buoni, noi vi stimiamo…”. Specialmente quando l’autore ha un “suo” spazio su un giornale locale, ben pubblicizzato su questo blog, dove può già esprimere tutte le sue opinioni politiche e i suoi apprezzamenti personali sugli “avversari”.

  4. SENZA FARE NOMI : I voltagabbana sono eroi maledetti della politica. Sembra diventato il compendio dell’Italia dei nostri giorni. Esempio pratico ne è quello di un certo consigliere del XX° Municipio che ha portato recentemente tanti voti al Giacomini. Praticamente pur di accaparrarsi una poltrona da assessore è saltato con disinvoltura da un partito all’altro beffando 4400 cittadini che lo avevano votato (anche in totale contraddizione ideologica) Lo trovo semplicemente vergognoso ! Martina hai perfettamente ragione e condivido pienamente la tua osservazione. Spero che i gestori del BLOG abbiano il coraggio di pubblicare anche questo commento. RESET .
    Giovanni Maria Tamponi

  5. @sandro bari
    Ritenere che 4.428 cittadini che hanno votato UDC siano rimasti senza rappresentanza non è un azzardo. E’ la realtà.
    Se no avrebbero votato PDL o PD.

  6. Credo che il passaggio da un partito all’altro solo per un ritorno personale sia semplicemente l’ultima brutta figura che in cosi poco tempo il presidente Giacomini e la sua maggioranza hanno fatto:
    1 il consigliere Calandino lotta a suon di votazioni con Ariola per La presidenza del consiglio e una volta perso afferma che lo ha fatto per interrompere una spirale di potere, bene peccato che anche lui ne fa parte.
    2 Il presidente Giacomini non ha fatto nessun discorso programmatico ma ha invitato tutti a leggere il suo volantino elettorale , complimenti!!!!!!!!!!!!!!
    3 Tutti nella maggioranza sono felici di non lavorare più con Fasoli, perchè lo definiscono incapace, noi come potremo essere contenti se tutta la giunta Giacomini è Uguale alla Giunta Fasoli. Perchè il nostro municipio ( anche negli ultimi mesi) ha Problemi enormi e se questi uomini non hanno fatto nulla in 6 anni cosa potrebbero fare ora?
    Senza più scusanti visto anche il comune, speriamobene !!!!!!!
    Serpico.

  7. personalmente credo che la composizione della giunta abbia di fatto consolidato l’idea di una politica trasformista e “arraffona”.

    Al di là delle capacità tecniche degli assessori nominati, delle quali non voglio e non posso disquisire, non avendone conoscenza diretta, si è affermato per l’ennesima volta un pessimo principio: quello per il quale “cambiare sponda” in modo da risultare “vincitori” a prescindere, sia sempre conveniente.
    Personalmente ritengo che il principio di cui sopra ne sottenda uno ancora peggiore perchè di tipo “culturale”: la società “civile” (ma chi fa politica è incivile?) non è in grado di arginare tali fenomeni attraverso una “bollatura” morale, una sorta di marchio invisibile e permanente su chi compie determinate scelte.
    A ben vedere si tratta dello stesso fenomeno che porta ex prostitute a condurre programmi in prima serata, ex omicidi a reclamizzare marchi di abbigliamento, ex ricattatori a trasformarsi in vere e proprie star, ex concubine a diventare ministri di una repubblica che non ha più nulla da insegnare.

    D’altra parte questo ci dicono da 60 anni: che cambiare schieramento da un giorno all’altro – al di là delle parole date e degli accordi stipulati – è possibile e “giusto” se si passa dalla parte dei “giusti” (vai a sapere poi chi sono i giusti).

    Certo suscita in me una certa ilarità il fatto che commenti di tal genere siano svolti dal consigliere Sterpa, “costretto” da ordini di scuderia, a fare la campagna elettorale per un ex di Forza Italia (Rizzo) o da chi afferma l’esistenza di solidi principi “centristi” di chi, per posizionamento politico, può facilmente passare da una parte all’altra, senza particolare problemi di “compatibilità ideologica”.

    Solo una considerazione volante sui 4/5 della giunta uguali a quella Fasoli: non mi sembra che i cittadini del XX municipio abbiano riconosciuto all’opposizione il lavoro svolto; forse, e dico “forse”, i componenti dell’attuale opposizione – eccezione fatta per il sottoscritto e per i pochi che non erano presenti nella scorsa consigliatura – hanno pensato troppo alle preferenze personali e poco all’importante ruolo “istituzionale” che l’opposizione tutta deve ricoprire?

    Forse è mancata quella voglia di “osare” che si richiede a chi deve pretendere – in senso assolutamente democratico…per carità – il rispetto di regole e rapporti istituzionali corretti?

    Forse, e ribadisco “forse”, quel coraggio di cui sopra è mancato anche all’atto della votazione della presidenza del consiglio, momento nel quale l’opposizione avrebbe potuto realmente scompaginare i rapporti di forza consolidatisi negli anni, creando un piccolo terremoto politico e dimostrando di “poter essere destabilizzante”. Non è stato fatto e la motivazione è stata: magari se il candidato dissidente fosse stato un pò più “moderato”………. che rispondere davanti ad una argomentazione del genere? Parlavamo di un bravo ragazzo, un giovane che poco ha avuto a che fare con guerre civili, anni di piombo ed eversione “antidemocratica”. In fondo non si eleggeva il Podestà del municipio….. ma tant’è, meglio continuare a votare il proprio candidato senza nessuna possibilità che venga eletto…

    Chiedo scusa se mi sono dilungato – come ho detto in Consiglio ad una signora del pubblico, è un problema nel quale rischia di incorrere chi ha tante cose da dire – ma mi piacerebbe che le critiche – assolutamente legittime nel caso di specie – fossero elevate da chi non sia già vinto dagli stessi vizi che rendono questo sistema indigesto ai cittadini.

    Andrea Antonini
    Cons. XX Municipio – La Destra

  8. Io però mi domando una cosa.
    Probabilmente solo gli scontenti scrivono di questo argomento su questo blog ?
    Se non sbaglio è da un po’ di tempo che il centrodestra vince alla XX°.
    Ed in questa tornata pare pure abbia fatto proseliti nelle altre circoscrizioni.
    Ed al Comune.
    Delle due l’una :
    o tutti gli elettori della maggioranza sono deficenti e pure orbi rispetto alle malefatte compiute dalla precedente giunta. ( magari ci può stare , effetti della 180 ! )
    O la maggior parte dei cittadini sono soddisfatti , magari anche parzialmente ma tanto basta per sentirsi di riconfermare la squadra uscente.
    Considerando anche gli insuccessi nelle altre circoscrizioni di quanti erano lì maggioranza e qui opposizione.

    Poi che ci sia l’opposizione è giusto, logico e sacrosanto.
    Ma che il salto della quaglia sia onorevole magari solo per il farmacista ed invece reietto per la parte avversaria mi sembra un filo di parte.

    Non entro in merito alla questione casini-pdl-udc-variesponenti politici.
    Ognuno avrà modo di giudicare quando sarà il momento.
    Come comunque è già stato democraticamente fatto in data 14 aprile 2008.

    Il “salto” avviene anche nell’opposizione solo che essendo “cespuglietti” a parte il pd , non si nota.
    Ma avviene anche lì , ahinoi.
    Se non accadesse da nessuna parte sarebbe meglio comunque.

  9. Appunto, caro Aragorn, il punto è proprio nella sua frase ” come comunque è già stato democraticamente fatto in data 14 aprile 2008″. Io non sono una scontenta. Ho 24 anni, non è la prima volta che voto e seguendo la cultura della mia famiglia ho votato sempre al centro, diciamo centro-destra, in questo Municipio. Perchè come ho già scritto qualche giorno fa, credevo e credo in certi valori. Onestamente devo e dobbiamo riconoscere che negli ultimi anni il centro-destra non ha brillato per iniziative qui da noi: poche attività e iniziative per i giovani, pochi servizi, poco o niente per dare maggiore vivibilità alla mia zona, basta pensare a come siamo sotto assedio per ogni partita dell’Olimpico e quasi tutte le sere per quello che accade a Ponte Milvio. Forse era colpa di un Presidente non interessato ai suoi compiti, di un Comune ostile, di una classe politica che vivacchiava. Però l’ho votata allora e l’ho rivotata adesso. O meglio ho rivotato l’UDC questa volta con maggiore convinzione, perchè finalmente mi sembrava di vedere che voleva riscattare la sua dignità mettendosi in proprio.
    E allora, proprio perchè come dice lei tuttto è stato fatto democraticamente il 14 aprile, mi permette di essere scontenta della capriola del sig.Molinari ? Come dice mio padre, scontento anche lui, siamo stati presi in giro perchè come si fa a candidarsi al Municipio e al Comune per un partito, prendere un sacco di voti, quasi 4500, e neanche un mese dopo lasciarlo per passare a un altro che io non ho votato ? Lo sa come mi sono sentita quando ho letto la notizia ? Come quando da bambina chi mi aveva “fregata” in qualche cosa mi faceva maramao con il pollice sul naso ! Da bambina potevo anche accettarlo ma adesso maramao da un uomo politico non lo accetto proprio. Lo sa qual’è il risultato ? Che non mi avvicino ad altri partiti e non cedo alle lusinghe del consigliere Sterpa ma invece mi comincio a disinteressare della politica perchè comincio a capire che non è tutto oro quello che luccica. Buona serata a tutti.
    Martina

  10. Concordo con Martina anche se non mi sento di appoggiare il suo proposito di disinteressarsi alla politica perchè, in questo modo, l’avrebbero vinta “loro”. Loro stanno lì grazie a noi e non possono permettersi di scordarlo ed è un nostro diritto , ed anche un dovere, osservare, partecipare, incoraggiare, criticare, suggerire e magari lottare perchè non deludano le nostre aspettative. Sei troppo giovane, Martina, per rinunciare, soprattutto perchè hai una bella testa , e sicuramente c’è bisogno di tanta gente come te: attenta agli avvenimenti, propositiva nelle critiche, onesta. Sicuramente non è tutto oro quello che luccica ma bisogna fare in modo che lo sia , almeno in una piccola parte.

  11. On. Molinari, ha presente una delle più belle pubblicità dell’ultimo periodo, che è anche diventata un tormentone fra la gente comune, cioè quella che rappresenta una particella di sodio sola e abbandonata in mezzo all’acqua minerale. Ecco come la vedo alle prossime Amministrative. Me lo auguro per Lei e il Presidente Giacomini che ha accettato tale compromesso. Ultima osservazione: come mai non partecipa più alle discussioni del blog? Si è assicurato la poltrona e quindi buonanotte ai bloggher !
    Michelangelo

  12. Oh Martina , mica mollerai proprio adesso !
    E’ proprio adesso che arriva il gusto della verifica di quanto viene fatto.
    Tutte le obiezioni ( giuste ) sono lecite e doppiamente dovute in quanto rivolte proprio a chi si è scelto di votare.

    Trovo semplicente pregiudiziale cominciare già da subito con “contestazioni” fini a se stesse.
    Del tipo l’elenco degli assessori, ce l’hai avuto prima tu che io, è stato dato con un giorno di ritardo, non è già da oggi affisso sul sito, levate quei manifesti con quel faccione da bamboccione di samuele ed altre amenità del genere.
    Le trovo come detto , pretestuose al momento.

    Per giugno ad esempio aspetto la soluzione dell’incompiuta di via dell’alpinismo, mi aspetto un cenno risolutore per via mastrigli, mi aspetto di veder cacciati fuori dagli uffici e mandati a lavorare nelle strade i vigili.

    Un po’ di cose me le aspetto.
    Per ora aspetto , quindi.
    I nodi li ho lasciati stare , sto caricando i pallettoni.
    Un saluto ai tuoi ventiquattroanni, troppo pochi per mollare.

  13. Carissimo Molinari,
    aveva promesso grandi battaglie e sit-in di protesta per la riapertura del Parco AREA, il ripristino delle aree ludiche per i cani, eccetera eccetera. L’hai visto tu il neo assessore ai GRANDI PARCHI ? Sinceramente ha ragione Michelangelo quando dice che Lei ci rappresenta come una particella di sodio comodamente seduta su una poltrona: “C’è nessuno ?” Ma si ricordi che se continuerà così come non ha fatto il suo ex amico, ex Presidente Fasoli non ci sarà veramente nessuno che la voterà alle prossime amministrative . Buon riposo !
    Pamela

  14. Cara Camilla e caro Aragorn, grazie per le vostre belle parole che mi spingono a non disinteressarmi della politica locale. Avete ragione voi, così facendo finirei anche per disinteressarmi del quartiere in cui vivo dalla nascita, dei suoi problemi ed io gli voglio troppo bene per farlo. Passata anche se non del tutto la delusione per non sentirmi rappresentata al municipio e per aver buttato il mio voto voglio continuare invece, nel mio piccolo, a sentirmi una cittadina attiva grazie anche a tutti voi e a questo blog che ci consente di esserlo e di esprimerci. Cari saluti.
    Martina

  15. Brava Martina, non mollare, se vuoi difendere i tuoi valori devi sempre restare come sei ora: onesta, sincera e determinata. Ti abbraccio.
    Al caro Aragorn devo dire che ammiro sinceramente la tua capacità dialettica e soprattutto la tua bravura nel ridicolizzare le umane banalità, un po’ meno le ammiro quando usi queste capacità per minimizzare i sentimenti altrui solo perchè ti infastidiscono. Se un Piccolo bamboccione siede su una poltrona pubblica ben retribuito con le mie e le tue tasse mentre i suoi manifesti enormi sporcano i palazzi della nostra città, per te è un’amenità, per me è disprezzo del rispetto per i cittadini.
    Se un soggetto politico locale ha pensato bene di far diffondere notizie via internet ancora prima che con ufficialità venissero rese note alle istituzioni ed ai cittidini per te è un’amenità, per me mancanza di rispetto verso le istituzioni ed i cittadini.
    E quando soggetti pubblici o politici di qualsiasi bandiera mi mancano di rispetto io mi indigno, divento una furia. Perchè io vivo anche di valori, come anche te immagino. Proprio per questo ti prego, non ridicolizzare i miei riducendoli ad amenità da comari nel cortile. Un caro saluto.
    Clara

  16. Clara , non ti arrabbiare !
    Mica ce l’avevo con te.
    E lungi da me deridere e tantomeno disprezzare le altrui opinioni.
    Solo che mi sembravano ( e mi sembrano ) obiezioni premature per esprimere un’opinione sull’operato di qualcuno o di qualcosa.
    Onestamente rispetto ai problemi che sono in campo ( rifacimenti, degrado, sicurezza, viabilità eccetera ) non mi sembrava ( non mi sembra ) un inizio “costruttivo”.
    Quanto al “posterizzato” difensore dei nonni ( unica nota “politica” conosciuta perlomeno a me ), potremmo farlo eleggere a cogne.
    Battutaccia !
    Laddove lo considero giusto , non lesino certo critiche anche nei confronti di quelli che io ho scelto a rappresentarmi.
    Se non lo fanno bene e soprattutto in modo eticamente corretto.

  17. Clara, ancora con la storia de “un soggetto politico locale ha pensato bene di far diffondere notizie via internet ancora prima che con ufficialità venissero rese note alle istituzioni ed ai cittidini”… Ma non lo sapevi che in Municipio era stato appeso in bacheca il foglio UFFICIALE di nomina ancor prima (ore e ore prima) che venisse pubblicato su internet? Non lo sapevi? Succede, ma evitiamo di fare disinformazione o criticare per colpe che non ci sono.
    Per il resto concordo con aragorn per quanto detto.

  18. Non ho una visione così burocratica come lei del rapporto istituzione locale-cittadini e non mi interessano i foglietti appesi al muro. I cittadini sono donne e uomini e non bacheche, e l’istituzione locale è fatta da donne (sempre troppo poche) e uomini : si chiama Consiglio Municipale, non bacheca. Consiglio Municipale che rappresenta la comunità e davanti al quale sarebbe dovuta avvenire la presentazione della giunta con “ufficialità” (questo è il termine che ho usato, non ufficializzazione) prima di essere appesa al muro come una pubblicazione di matrimonio.
    Il tutto si sintetizza in un principio non tanto difficile da comprendere ma forse per alcuni difficile da applicare: si chiama rispetto dei cittadini, le dice qualcosa ?

  19. E’ uno strumento molto delicato e raro da trovare, si chiama percezione extrasensoriale. Per usarlo serve essere dotati di un sesto senso, di arguzia e sagacia, come sento ne sia dotata Clara, tu e qualche altro uso riflettere a voce alta su principi ed etica nei commenti di questo blog.
    E’ roba da grandi insomma, non adatta ai piccoli (con la P maiuscola o con la p minuscola ? fai tu).

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome