Home AMBIENTE Piazzale Flaminio, uno sciopero della fame sotto silenzio

Piazzale Flaminio, uno sciopero della fame sotto silenzio

Da Cecilia De Toma, responsabile romana del Partito Umanista, riceviamo questo accorato appello.   

foto_presidio_piazzale_flaminio.JPG“Cari curatori di VignaClaraBlog, vi scrivo per chiederVi di pubblicare una notizia che non riguarda solo il XX Municipio ma tutta Roma e tutta L’Europa. Il 19 maggio è iniziato a Roma un presidio fisso giorno e notte a Piazzale Flaminio dove attivisti non violenti hanno iniziato lo sciopero della fame contro lo scudo stellare statunitense che deve essere installato nella Repubblica ceca. La protesta sta attualmente coinvolgendo militanti di 20 città europee e, per chi volesse firmarla, c’è una petizione online, che ha raggiunto quasi le 100.000 firme,e che può essere firmata su questo sito web. Abbiamo contattato tutte le redazioni stampa per sollevare la grave questione di questo pericoloso piano degli Stati Uniti e solo pochissime testate hanno dato spazio a questa tematica, spero che voi vogliate essere fra queste”.

Segnaliamo poi che Martedì 27 Maggio, alle 12.00, Federica Fratini, portavoce di Mondo senza guerre-Onlus, si recherà al Quirinale per consegnare una lettera al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per chiedergli di intervenire affinché si ponga l’attenzione sulla protesta dilagata in Europa contro il progetto statunitense di installare lo scudo stellare in Repubblica Ceca. “E’ già una settimana che digiuno e presidio a Piazzale Flaminio raccogliendo centinaia di firme per la petizione contro l’installazione dello scudo missilistico in Repubblica Ceca – dichiara Federica – e confido nell’intervento del nostro Presidente affinché si rompa questo muro di silenzio e la partecipazione dell’Italia nel progetto scudo spaziale venga diffusa e discussa con l’opinione pubblica.”

La protesta, iniziata a Praga il 13 maggio 2008 da Jan Tamas, portavoce del movimento di protesta che vede coinvolte più di 40 associazioni ceche, sta coinvolgendo oltre 20 città europee, tra cui Roma, Torino, Milano e Trieste ed ha visto varcare i confini europei coinvolgendo attivisti pacifisti anche in Corea del sud, Australia e negli stessi Stati Uniti.

non-violenza.JPG
.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Grazie alla gentile redazione x la pubblicazione e per l’incessante lavoro di informazione per la gente del quartiere.

    Invito tutti i lettori a darci una mano, a firmare la petizione online e farla girare il più possibile!
    http://petice.nenasili.cz/?lang=it

    I coraggiosi attivisti della Repubblica Ceca nonostante le loro precarie condizioni di salute continuano lo sciopero della fame!
    “Le condizioni di salute di Jan Bednar, che insieme a Jan Tamas, è al 14° giorno di sciopero della fame si stanno aggravando giorno dopo giorno. E’ soprattutto un’insufficenza al fegato a destare preoccupazione nei medici che lo seguono, che gli hanno consigliato, insieme agli amici e parenti, di interrompere lo sciopero della fame. Jan Bednar, tuttavia, ha deciso di andare avanti perché, “nè il governo ceco, nè il governo europeo hanno dato alcun segnale di voler aprire il dialogo.”

    A questo link potete vedere un video sullo scudo spaziale
    http://www.youtube.com/watch?v=dln3HtG5o-8&eurl=http://www.nenasili.cz/it/735_video

    I GOVERNI NON CI ASCOLTANO FACCIAMO SENTIRE LA VOCE DELLA GENTE!!!!
    LA GENTE NON VUOLE IL RIARMO NE’ UNA NUOVA GUERRA FREDDA!

    Cina e Russia già hanno dichiarato che non sono d’accordo con lo Scudo Spaziale USA e questo provoca grandi tensioni internazionali.

    AIUTATECI!
    UNITI POSSIAMO, DIAMO UNA POSSIBILITA’ ALLA PACE!
    Venite a trovarci a P.le Flaminio a Roma, siamo in presidio permanenete lì, dove tre attivisti sono in sciopero della fame.

    Ancora grazie alla redazione!
    con affetto e stima,

    Cecilia De Toma
    Partito Umanista Roma

  2. Mi auguro che la stessa astinenza da cibo e la stessa costanza nel manifestare l’abbiate avuta anche nei riguardi dei diritti civili ed umani violati in tibet, in birmania, nel sudan, in afganistan, nello yemen, in iran e perchè no , nella cina stessa.
    Ma non ne ho traccia.

  3. http://www.partitoumanista.it/index.php?option=com_content&task=view&id=515&Itemid=1
    (qui la nostra posizione in difesa del tibet)

    http://www.partitoumanista.it/index.php?option=com_content&task=view&id=454&Itemid=1
    (qui quella in difesa dei birmani).

    Facciamo quello che possiamo con i mezzi che abbiamo ma siamo sempre e cmq contro ogni discriminazione e violenza.
    Vieni a darci una mano così allarghiamo il nostro raggio di azione e la nostra lotta per un mondo nonviolento?

    Un abbraccio,
    Cecilia

    FIRMATE LA PETIZIONE CONTRO LE ARMI NUCLEARI!
    http://www.nenasili.cz/it/

    Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo! (Gandhi)

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome