Home ATTUALITÀ Elezioni amministrative 2008 – il XX Municipio al ballottaggio

Elezioni amministrative 2008 – il XX Municipio al ballottaggio

ballottaggio.jpgÈ sempre problematico trarre qualche significato politico univoco dalle elezioni amministrative nel nostro Municipio dove sono in gioco dinamiche e situazioni che variano da quartiere a quartiere, ciascuno con la propria specificità. Ecco perché non vogliamo avventurarci su un campo così minato, anche perché politologi non siamo. Registriamo solo il fatto che abbiamo due settimane a disposizione per decidere chi votare, il 27 ed il 28 Aprile, alla guida del XX Municipio. Ci attende infatti un ballottaggio, non avendo nessuno dei sette candidati alla presidenza raggiunto il quorum del 50%+1 dei voti. Si contenderanno dunque la nomina Gianni Giacomini e Gaetano Rizzo probabilmente apparentati con le altre liste che hanno raggiunto un minor numero di consensi. Ma chi appoggerà chi ?

Lo si saprà entro Domenica 20 stando al comunicato del Servizio Elettorale del Comune di Roma il quale precisa che “i candidati alla carica di Sindaco e di Presidente del Municipio ammessi al turno di ballottaggio hanno facoltà di dichiarare il collegamento con ulteriori liste rispetto a quelle con le quali erano collegati al primo turno. Le dichiarazioni di ulteriori collegamenti devono essere depositate, entro sette giorni dalla prima votazione, e cioè entro domenica 20 aprile, alla Segreteria del Comune di Roma”.

A latere dei risultati definitivi ci piace invece evidenziare come questa tornata abbia appassionato fortemente i cittadini del XX Municipio tanto da convincerne 10.000 in più, rispetto alle precedenti, a recarsi alle urne per eleggere il nuovo Presidente ed il nuovo Consiglio Municipale. Infatti, quasi a parità di aventi diritto, a Maggio 2006 votò il 62,8% degli iscritti mentre Domenica e Lunedì scorsi l’affluenza è stata del 71,4% . E ci auguriamo che al ballottaggio questa non scemi, che il possibile lungo ponte festivo dal 25 Aprile al 1 Maggio non distolga l’attenzione, che l’invito “tutti al mare anziché alle urne” di infausta memoria non si ripeti.

Sempre a latere dei risultati definitivi, da analisti improvvisati quali siamo, ci piace trovare conferma alla nostra teoria che sul territorio vince l’uomo, o la donna, e non il partito; che il voto, in un microcosmo elettorale, è espressione di fiducia nelle capacità del candidato, è stima più che manifestazione di identità politica. La soluzione dei problemi di quotidianità del territorio non ha, e non dovrebbe avere, colore politico: una buca da chiudere (minimizzando) od una discarica abusiva da 3000 mq da bonificare (estremizzando) sono problemi che vanno affrontati col buon senso, con quello del dovere, con quello della solidarietà e con quello del rispetto dei cittadini più che con una dottrina politica. E dunque gli elettori si lasciano guidare nella scelta del candidato (a Presidente od a Consigliere) dalla più o meno fiducia che questi possa ispirare. Tasso di fiducia che deriva anche dal conoscere o dal non ben conoscere il candidato come persona. E’ il fenomeno del localismo.

Ripetiamo, siamo solo nottambuli analisti improvvisati, ma troviamo conforto alle nostre idee dal confronto fra i voti presi nel XX Municipio dal Candidato a Sindaco e dal Candidato a Presidente dello stesso partito o coalizione. Ci saremmo aspettati ad esempio (non ce ne voglia la gentile Alessandra se la usiamo come test) che i 439 elettori del Movimento Nazionale del Delfino che hanno votato per Alessandra Agostinelli a Presidente votassero tutti per David Gramiccioli a Sindaco. Ed invece no, il localismo, inteso come fiducia alla persona e non al soggetto politico, ha spinto 214 persone a votare in modo diverso, premiando l’una a discapito dell’altro, pur riconoscendosi nelle idee dello stesso movimento.

Lasciamo ad ognuno di voi l’interpretazione del confronto di questi dati. Noi, come sempre, abbiamo lanciato la palla in alto perché il primo che la raccolga apra uno dei nostri consueti e vivaci dibattiti.

Candidato Presidente Voti Candidato Sindaco Voti +/-
Alessandra AGOSTINELLI 439 David GRAMICCIOLI 225 – 214
Ottavio PASQUALUCCI 455 Dario DI FRANCESCO 492 + 37
Andrea ANTONINI 3.296 Francesco STORACE 2.902 – 394
Giuseppe MOLINARI 4.428 Luciano CIOCCHETTI 2.483 – 1.945
Gianni GIACOMINI 39.238 Giovanni ALEMANNO 41.952 +2.714
Gaetano RIZZO 32.528 Francesco RUTELLI 30.413 – 2.115
Carolina DI NAPOLI 1.509 Mario BACCINI 789 – 720
Visita la nostra pagina di Facebook

17 COMMENTI

  1. attenzione, i candidati alla carica di presidente del Municipio hanno la “facoltà” ma non l’obbligo di dichiarare il collegamento con altre liste al ballottaggio. Facoltà vuol dire che possono apparentarsi senza doverlo dichiarare pubblicamente.
    Beh io spero che per rispetto dei cittadini Giacomini dichiari pubblicamente se si farà appoggiare o no dall’estrema destra. Abbiamo il diritto di saperlo prima del voto e lui, facoltà o non facoltà, per onestà politica ha il dovere di dirlo.
    Carlo

  2. La mia interpretazione è che più di 2700 elettori di Alemanno hanno votato lui come sindaco ma non hanno dato fiducia a Giacomini come presidente. E che ci vuole allora ? Basta che Rizzo ne convinca altri otto o novemila e il gioco è fatto ! Ciao.
    Maurizio

  3. Carlo A. , la chiarezza anzitutto.
    Sarebbe corretto che Giacomini dichiarasse gli apparentamenti così come sarebbe logico che lo facesse anche il Farmacista.
    Nel caso accettasse voti dai no-global, centri sociali, action o dalle varie frange di autonomia.
    O magari da quei partiti che oggi fuori dal parlamento per volontà popolare, vogliono reiniziare la loro avventura con falce e martello.

  4. Caro Granpasso, lei è sempre molto attento ma questa volta le è sfuggito un particolare. Rizzo i suoi apparentamenti li ha dichiarati da subito in quanto sulla scheda elettorale c’era già la lista ” Sinistra Arcobaleno per Rizzo”. No-global, centri sociali e action non hanno liste, sono solo cittadini che votano come me e lei ed ai quali non si puo’ impedire di votare per uno o per un altro. E’ Giacomini invece che dovrà dire se si accorderà con “la destra” (ho letto poco fa che Alemanno lo ha già fatto con Storace) per convogliare sul suo nome i loro voti perchè io da elettrice vorrei esserne informata prima e non dopo il voto. Ma secondo me Giacomini ha anche il problema di recuperare i voti che gli sono mancati dalla sua base.
    Buon pomeriggio da Clara

  5. Carissima Clara R. , storace è stato presidente di regione, la santanchè è stata deputato della repubblica e malgrado non abbia votato per loro , di loro non dubito in termini di democraticità ed appartenenza al concetto di italica patria quindi ivi compresa la Capitale.
    Di conseguenza eventuali apparentamenti con loro non avrebbero nulla di negativo o di incostituzionale o di antidemocratica scelta , a parte il fatto di voler far “ricicciare” vetusti concetti di antifascismo nati dalla resistenza e dalle lotte partig……. e via dicendo.
    Chè non trovano riscontro nella attualità o perlomeno per la succitata formazione politica.

    Riguardo a no-global&C., li ho citati solo per evidenziare che hanno l’appoggio dei verdi, di rifondazione e dei comunisti italiani ( i soli rimasti d’altronde ! ).
    Avere i voti da quelle formazioni , significa anche avvallare i loro sostenitori che, ci mancherebbe altro, possono e debbono esprimere liberamente il loro voto.
    Ma sulla cui democraticità dialettica ed operativa dubito fortemente.

    E perchè il Farmacista non ci ha avvertito a suo tempo che una volta eletto in forza italia sarebbe poi passato all’avversario ?
    Fulminato sulla via di damasco ?

    Saluti

  6. Caro Granpasso, “rubo” la risposta alla signora Clara per dire che io invece dubito e come “in termini di democraticità” dei signori da te citati e ti ricordo che nella trasmissione televisiva di febbario 2008 “In Mezz’ora” di Lucia Annunziata fu proprio la signora Santanchè ad affermare “sono orgogliosa di essere fascista”.
    Ma te l’ho ricordato solo per chiarezza, non voglio assolutamente aprire un noioso e superato dibattito fascismo-antifascismo.
    A me interessa solo sapere, quando andrò a scegliere se votare per Giacomini o Rizzo, da chi saranno appoggiati perchè, da quello che capisco io, mentre Rizzo le sue scelte le ha già fatte da subito visto le liste che lo hanno sostenuto, Giacomini potrebbe ancora fare nuove alleanze.
    Per quanto riguarda lo sport del salto della quaglia mi meraviglia che ti meravigli: nello scenario politico di questi anni c’è stato di tutto e di peggio a livello nazionale,eppure continuano ad essere eletti e ad apparire in TV come tante bocche della verità.
    Dunque, scusami, non per difendere Rizzo, ma mi sembra un po’ strumentale da parte tua dargli addosso per essere passato da forza italia al centro-sinistra.
    E se fosse stato veramente fulminato sulla via di Damasco che ci sarebbe di male ? Nè più nè meno dei tanti che hanno fatto il passaggio opposto provenendo addirittura da posizioni estremiste (non credo che ti servano i nomi che già conoscerai).
    Ma faccio a tutti una proposta: perchè non torniamo all’argomento localismo lanciato dall’articolo ? mi sembrava interessante….. tanti saluti
    Carlo

  7. Sempre buoni a rigirarvi la frittata come vi pare, eh?
    “Io i no-global non li prendo con me, ma se mi votano…..eh…..che ci posso fare!”
    Facile così, no?

    E che dire dei COMUNISTI che per fortuna non ci saranno in parlamento? Quelli sono apparentati fin dal primo turno! (con grande coerenza tra il voto nazionale e locale…..no comment)

    Infine io credo una cosa: l’udc e la destra cosa preferiscono? Un presidente della sinistra o della destra? A me viene facile da immaginare…

    In ogni caso credo che il divario tra pdl e pd sia troppo grande da colmare visto anche se sicuramente la destra sosterrà giacomini (ufficialmente o no che sia) e sperando che l’udc ed i suoi elettori abbiano anche il buon senso di non sostenere chi si è alleato con comunisti, no-global, centri sociali, ecc.

    Saluti!

    Pierluigi

  8. Qui nessuno rigira la frittata, qui si discute e si dibatte, piaccia o no, fra persone serie con argomentazioni sentite a livello personale ed in quanto tali tutte da rispettare.
    Per cortesia, moderiamo i toni.
    VignaClaraBlog

  9. Non mi riferivo alla redazione del blog io, mi riferivo ai commenti che leggevo riguardo alle coalizioni, richieste di alleanze, ecc.
    Inoltre non ho mica criticato le persone in sè, ci mancherebbe.
    Credo solo che quanto detto, per quanto vada rispettato, non stia nè in cielo nè in terra, semplice. 🙂

  10. Non ci riferivamo certo a noi stessi ma proprio ai commenti espressi civilmente dai lettori.
    Ogni commento, per chi lo esprime e non per altri, sta dove la sua testa ed il suo cuore gli dicono che debba stare: in cielo, in terra od a mezz’aria e tale posizionamento va comunque rispettato perchè dietro il commento c’è una persona e non una frittata.
    VignaClaraBlog

  11. Permettimi Carlo A. ma tra una che si definisce “fascista” perchè riconosce che alcune di queste idee possano essere definite positive e benemeriti molti dei fatti , leggi ed opere compiute ( fatte salve , ti anticipo , le leggi razziali, l’inopinata scesa in guerra e francamente molto altro ) e un’altro che vuole portare la salma ammuffita di lenin in Italia , beh francamente mi piglio la prima.
    E certamente non per un fatto estetico , che pure ha il suo peso.

    Ed altrettanto certamente tra un eja eja alala gridato da quattro squinternati senza convinzione e un 10-100-1000 nassirya urlato da quattrocento imbecilli mi prendo sempre i primi.

    Non è che voglia neanche io aprire stucchevoli dibattiti politici , solo che mi chiedo sempre perchè alcune forze non sono state reputate funzionali ad un programma politico e di conseguenza sono state cancellate mentre invece per altre competizioni vanno bene e fanno numero.
    Ed in questo numero ci sono quelli che ho descritto.
    Però se glielo vai a chiedere , diomiono, mai con quella gente.
    Però basta che voti.

    Ma poi che è il lupo e l’agnello , che ciavete sempre ragione pure quando perdete di 10 punti ?

    Se fosse poi stato veramente fulminato , il Farmacista non si sarebbe potuto presentare.
    Credo.
    O forse possiede pozioni miracolose nel retrobottega.

    Saluti

  12. Piccola precisazione:

    non mi sembra che ci siano state perdite di voti nel centrodestra…. Gianni Giacomini ha preso il 48% dei voti che va molto al di sopra del risultato del centrodestra di due anni fa.
    Perchè allora, vi ricordo, oltre a FI e AN la coalizione era composta anche dall’UDC (ora 5,41%) e La Destra non esisteva (ora 4,02%) e si era vinto con un 50,1%….
    Perciò se fate le somme il centrodestra è aumentato e di molto!!
    Comunque, in attesa di ufficializzazioni della compagine per il ballottaggio, tengo a precisare che non avrei remora alcuna ad affiancarmi con La Destra e l’UDC soprattutto dopo che vedo l’Armata Brancaleone di Rizzo (dai centri sociali ai cattolici passando per i radicali).

    Infine una piccola risposta a Maurizio: i 2700 cittadini del XX che hanno votato Alemanno sono elettori di centro sinistra che sono schifati dalla possibilità che Rutelli ritorni a fare il Sindaco di Roma e ciò si vede dal fatto i voti di lista del centrosinistra al comune sono calati mentre quelli della coalizione di centrodestra sono rimasti identici al comune come al municipio.

    Buon ballottaggio!

  13. Scusate, ma solo per la precisione, ricordo che alla sig.ra Annunziata, la sig.ra Santanchè rispose che si riteneva fascista se per fascista si intendeva chi non voleva immigrati clandestini e criminalità. Francamente penso che su questo dovremmo essere tutti d’accordo. E poi… non toccatemi la Santanchè, che da quando a dichiarato che a Berlusconi non la darà mai, ha riacceso le mie speranze: Daniela, a me la daresti?

  14. Mica per andare a supporto di granpasso ma volevo ricordare a tutti quelli che dovranno andare a votare per il sindaco ( speriamo nuovo ! ) che concordo con quanto da sempre affermato dal buon antonio di pietro.

    Ossia evitare di eleggere coloro che siano stati condannati per reati del tipo peculato, corruzione, eccetera.

    Moh , cicciobello francesco mi sembra che ci dovrebbe personalmente ridare circa 301.674.228 Lire ( fatevi la conversione in euro ) per un totale di condanna di 1.090.547.564 di Lire ( arifatevi la conversione in euro ).
    Reato risalente a quando era sindaco di Roma e lui e la sua la giunta avrebbero autorizzato delle “consulenze” le cosiddette “consulenze d’oro”.

    Per tale reato e relativa condanna Il ricorso in cassazione è stato rigettato e quindi la condanna dell’appello risulta confermata.

    Vogliamo votare per un condannato per peculato ?
    Contrariamente a quanto si sgola il buon antonio di pietro ?
    Direi di no !
    Ma poi ci ripenso e mi ricordo che il buon antonio è insieme a cicciobello in coalizione!
    Ma allora come funziona ‘sta cosa ?
    Mica varrà solo per gli altri ?
    Spero.

  15. elezioni del xx municipio – è incominciato lo scrutinio, naturalmente sono spariti dei verbali di alcuni sezioni – si continua come su nulla fosse successo – i voti di mille e più elettori sono andati in fumo – questa sì che è vera democrazia – per cui ogni commento lo lascio a voi

  16. Ti ringrazio aragorn per il supporto ricevuto.

    Volevo solo ricordarti , nel caso non te ne fossi accorto , che certamente “‘sta cosa ” funziona solo per qualcuno e non per altri.

    Ti domandi del buon antonio e cicciobello ?

    Vedo che l’incipiente ( od avanzata ) senilità ti ha fatto scordare la faccenda Arcus S.p.A..

    Vedo la tua faccia perplessa, beh , mo’ te lo ricordo ..

    ………Arcus spa, società del ministeri dei Beni Culturali e delle Infrastrutture e come tali facente capo ai ministri Francesco Rutelli e Antonio Di Pietro ………

    ….. era nata nel 2004 per sostenere iniziative nell’arte, nella cultura e nello spettacolo, con l’obiettivo di realizzare progetti «a minori costi per lo Stato».
    Ma lo sai che la Arcus è in stato di commissariamento dal 10 novembre 2006 ?

    E sai perchè è stata commissariata ?A causa di ripetuti e pesanti rilievi effettuati dalla Corte dei Conti sia in merito alla gestione interna, considerata dai magistrati contabili eccessivamente «privatistica» dei soldi pubblici con assunzioni con stipendi elevati opinabili e consulenze record,.

    Ma lo sai che solo il 2006 si è concluso con un passivo di 46,3 milioni di euro ?
    Fischi !!

    Se proprio non te lo ricordi e se per caso qualcuno volesse verificare la cosa , un piccolo salto a :
    http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getarticle&id=31194

    Chi va con lo zoppo impara a zoppicare.
    Oppure chi vuole insegnare a zoppicare va con lo zoppo per imparare ?

    Votate gente votate.
    Saluti a tutti.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome