Home AMBIENTE Via Mastrigli e le elezioni Municipali 2008

Via Mastrigli e le elezioni Municipali 2008

vignclarablogcomstampa5.jpgComunicato stampa del Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti

25.2.2008 – Sono passati 83 giorni dall’interruzione dei lavori della rimozione della discarica di Via Mastrigli. Sono trascorsi 481 giorni dalla nostra iniziale denuncia pubblica dell’esistenza nel cuore di un quartiere residenziale di Roma di una situazione di profondo degrado e di disastro sanitario ed ambientale. Ad oggi non siamo riusciti a sapere se l’area della discarica sia ancora sottoposta a sequestro e, soprattutto, quando verranno ripresi i lavori di rimozione delle tonnellate di immondizia stoccate nell’area protetta del Parco dell’Insugherata, nel cuore di una area residenziale. I cittadini del Villaggio dei Cronisti hanno ormai la certezza di essere stati abbandonati e traditi dai propri rappresentanti politici al Municipio XX e al Comune di Roma.

Vogliamo dire a voce alta che questo non è il Municipio che vogliamo, che questo non è il Comune di Roma che vogliamo. Non è più tempo di chiacchere, ne abbiamo piene le tasche di promesse e di finti impegni a risolvere drammatiche emergenze. Soprattutto non vogliamo più essere rappresentati al Municipio XX e al Comune da coloro che incassano la fiducia dei cittadini e che, appena si spengono le telecamere della televisione e se ne vanno i giornalisti, tradiscono il mandato amministrativo e politico che li lega ai Cittadini.

Sia chiaro che alle prossime elezioni municipali e comunali, daremo indicazione ai nostri 203 sostenitori, ai loro amici, alle loro famiglie, di votare per la persona o le persone che avranno permesso la risoluzione DEFINITIVA della emergenza della discarica di Via Mastrigli. Nel corso della competizione elettorale, sosterremo, e a chiare lettere, chi sarà stato capace di svolgere efficientemente il ruolo di Amministratore Pubblico e che riterremo essere in grado di rappresentare degnamente i Cittadini Metteremo nella buca della posta di tutti i residenti della area interessata l’invito al voto per la persona che avrà fatto ripartire, e soprattutto, concludere la bonifica. Ne parleremo in famiglia, nei bar, nelle riunioni condominiali, su internet, nelle sedi dei partiti, in parrocchia, nei circoli sportivi, nei mercati, ovunque.

La sicurezza delle nostre famiglie, la sanità pubblica, la difesa dell’ambiente, la lotta contro il degrado cittadino non sono negoziabili. Lo ripeteremo su questo e su altri blog, giornali e televisioni locali fino a perdere la voce. Non faremo sconti a nessuno. Non regaleremo il nostro voto a nessuno.

Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti, Tomba di Nerone – Roma (email ccvcronisti@live.it)

Visita la nostra pagina di Facebook

17 COMMENTI

  1. Condivido il vostro sfogo e le vostre legittime esternazioni, ma come ben sapete il terreno è ancora sotto sequestro e solo il Magistrato può sbloccare la situazione!
    ….ma si candida? …perdonatemi l’ironia, ma non esistono salvatori della Patria!
    Quello che posso dirvi con certezza è che nessuno si è dimenticato di voi, tanto che sia io che il Cons. Todini stiamo continuando a seguire la vicenda.
    Risulterebbe infatti che il terreno sia ancora sotto sequestro, forse in affidamento al Nucleo Decoro Urbano del Comune di Roma, ma interpellati hanno smentito l’informazione. Stiamo cercando di parlare direttamente con il Responsabile del X Dipartimento per avere delucidazioni in merito a questa notizia.
    …cercherò di tenervi informati. Cordiali saluti, Simone Ariola.

  2. Cons. Ariola , come ben sa il magistrato che era stato incarico di seguire la faccenda era Gianfranco Amendola , il famoso e soprannominato pretore d’assalto.
    Ha compiuto evidentemente tanti assalti che è inciampato all’ultimo ostacolo del 14 febbraio 2008 con la dismissione non dell’incarico ma – se non sbaglio – proprio della mansione.

    Ora , mi verrebbe da pensare che sia stato fatto apposta da non so chi.
    Ossia deputare un magistrato che si sapeva andare fuori ruolo dopo 3-4 mesi.
    Magari il mio è un rozzo pensiero ma potrebbe essere invece un’altrui sottile strategia per bloccare tutto o comunque – come di fatto è – rimandare nel tempo il più a lungo possibile.

    Perchè è vero che c’è una discarica , abusiva , contenente non si sa bene cosa ma c’è anche una situazione di degrado sociale che una volta messoci il “naso” non è possibile poi voltare tutta la faccia.
    E’ – anche – questo ,credo, che impedisca di procedere.
    Lì , non si possono fare finti sgomberi con spostamenti di baracche da un lato all’altro del tevere.
    Lì, una volta che ci vai , devi gestire svariate centinaia di persone , bonificando per dieci ed espellendo per mille.

    La cosa che mi lascia perplesso ed anche un po’ sconcertato è ( non ) avere la certezza che qualcuno si prenda carico di questa patata bollente che va oltre una semplice “ramazzata”.

  3. Gentile Redazione, Gentile Comitato del Villaggio dei Cronisti, Gentili lettori,
    credo che sia profondamente sbagliato attribuire in questa fase responsabilità al Comune od al Municipio.

    Sicuramente sia il Comune che il Municipio hanno sottovalutato, dall’inizio, la vicenda, ma poi è stata affrontata, almeno da quando noi consiglieri municipali, ne siamo venuti a conoscenza perchè investiti direttamente.

    I lavori di bonifica sono iniziati ma, per ironia della sorte, diciamo così, subito sospesi perchè l’area è stata posta sotto sequestro. In Italia vale l’azione penale obbligatoria e, la magistratura venuta a conoscenza della notitia criminis, ha fatto il suo dovere e sta facendo il suo dovere.

    Ora, non spostando l’attenzione sulle vicende politiche della campagna elettorale, perchè non avrebbe senso, si tratta di attendere il compimento delle indagini ed intervenire. Se le indagini sono state compiute e l’area dissequestrata si può ricominciare l’azione di bonifica.

    Stamane, con il Cons. Ariola, abbiamo chiamato il Nucleo Decoro Urbano che non sa nulla; abbiamo chiamato il Direttore del X Dipartimento che non risponde al telefono. Tutto questo per capire lo stato dell’arte e nel caso sia possibile, sollecitare la ripresa dei lavori di bonifica.

    Il punto, secondo me, è: possibile che in Italia vi sia tutta questa tolleranza nei confronti dell’indecenza? Da una parte vi sono le competenze di ciascuno, ma dall’altra vi è la sopportazione, ormai giunta al culmine, dei cittadini di Via Mastrigli di una situazione indecorosa e pericolosa.

    Noi non abbiamo mai fatto mancare e mai faremo mancare il nostro sostegno attivo alla soluzione di problematiche che affliggono i quartieri ma troviamo un limite, quello di una cultura dominante dell’ indifferenza che dobbiamo scardinare con forza e determinazione. Per fare questo, almeno nella fase storica odierna, non dobbiamo badare a destra e sinistra, ma a comporre una diffusa alleanza tra persone per bene, capaci ancora di indignarsi e reagire.

    Cordialmente
    Ludovico Todini
    (dal 26 febbraio ex Capogruppo AN – XX Municipio)

  4. Todini , io direi di bloccare via mastrigli mettendo auto per traverso nella strada.
    Ne basta una poi.
    Potremmo poi appiccare fuoco alla macchina ed incendiare la discarica e magari erroneamente e sbadatamente ( o per ironia della sorte, diciamo così ) innaffiare di liquido infiammabile anche qualche monolocale adiacente , così, tanto per esempio.
    Potremmo in caso di intervento lanciare sassi ed oggetti contundenti verso le forze dell’ordine ed i pompieri che volessero intervenire.
    Ci facciamo poi intervistare dalle tivvù che potremmo – per caso – avvertire prima dei fatti e secondo me il gioco è fatto.
    Così si risolvono le cose.
    Oggi in italia.
    Ma che stiamo ad aspettare il magistrato !
    Chissenefrega dell’azione giudiziaria obbligatoria, creiamola noi la notitia criminis.
    Se il Nucleo Decoro Urbano che non sa nulla ed il Direttore del X Dipartimento che non risponde al telefono perchè sta in settimane bianche, avvertiamoli noi in questo modo.
    Non ne vedo altri.
    D’altronde oggi se non sei un clandestino, un drogato, un disadattato cronico, un ex ergastolano, un rom, un alcolizzato, un disoccupato dalla nascita non hai spazio, manco costanzo te se piglia al suo show per una comparsata.
    Nulla , non conti un emerito ca..zo.
    Ed io persona assolutamente normale mi sento che dovrei fare qualcosa per avvertire qualcuno che esisto.
    Ed anche se la mia esistenza non vive i tormenti di un atteso permesso di soggiorno ( chè mica è obbligatorio concedere tra l’altro .. ), o di una vita in baracca sul tevere, o di un attesa al sert, ha anch’essa diritto dell’attenzione di colui o di coloro che con la mia assolutissimamente normale e banale esistenza e lavoro campano e pure bene.

    So’ che sarebbe contro la legge.
    So’ che sarebbe incivile.
    So’ che sarebbe contrario alle regole di umana convivenza.

    Mappoi so’ pure che a me , mi beccherebbero subito.
    Non lo so perchè ma sicuramente sarebbe così.
    E’ un po’ come la gerit che se io ritardo di 5 minuti a pagare già mi ha inviato la raccomandata di sollecito, a quello di luxottica , a valentino, alla muti, al fu pavarotti e compagnia bella, ci impiega anni e pure con lo sconto, se li pigliano e se gli va.

    Quindi scarto l’intenzione ma conservo l’idea.

    Ma perchè invece voi, rispettosi uomini della legge e delle istituzioni non andate ad esempio mano nella mano, destra e sinistra a fare un sit in di protesta nella piazza del campidoglio ?
    Magari vi seguiremmo.
    E nessuno potrebbe dire di non sapere.
    O no ?

  5. Granpasso, conosciamo nei minimi dettagli il caso avendolo seguito – anche fisicamente – da quasi un anno fianco a fianco del portavoce del Comitato dei Cittadini e capiamo quindi tutta la rabbia che la mancata soluzione suscita.

    Ma da moderatori recalcitranti, ma pur sempre moderatori, di questo blog dobbiamo chiedere gentilmente di contenere, su queste pagine, la veemenza – per quanto solo verbale, ironica e teorica – nei giusti limiti ffinchè la stessa non scivoli, o possa essere letta inconsapevolmente come istigazione alla violenza.

    E dunque, nel ruolo di pompieri virtuali di questo blog, ci corre l’obbligo di gettare un po’ d’acqua sul tuo commento precedente: esistono tanti altri modi ragionati per far valere le proprie ragioni.

    VignaClaraBlog

  6. Anche se conosco poco la questione, non vedo tutta questa fregola da parte del municipio e del comune di farla finita una volta per tutte con questa cosa della discarica, altrimenti sarebbe spuntato un gruppo di consiglieri o un partito che avrebbe preso seriamente il problema e lo avrebbe gestito dall’inizio alla fine. questi consiglieri o questo partito avrebbero detto ai cittadini ed elettori:”non vi preoccupate, ci pensiamo noi a risolvere questo problema, seguiremo questa questione dall’inizio fino alla fine, vi promettiamo che lo faremo entro 100 giorni e su questo impegno, e soprattutto sui risultati, vorremo essere giudicati e votati”.

    mi sembra che, in generale, ci sia molto dilettantismo e superficialità nel gestire la cosa pubblica e una enorme irresponsabilità da parte delle forze politiche di interpretare correttamente il loro ruolo nella amministrazione locale, sia come forze di governo che come forze di opposizione. la logica perversa e menefrighista che traspare dalla gestione di questa emergenza è che il consigliere o assessore o presidente una volta messo il timbro al pezzo di carta se ne lava le mani e non soltanto non vuole sapere come è andata a finire la cosa, ma si adombra e si scoccia se gli fanno notare che sarebbe etico e politicamente corretto se, come amministratore, consigliere etc, facesse pressioni sugli altri uffici e seguisse in prima persona lo sviluppo della vicenda (Napoli insegna). E’ logico che i cittadini esprimano la propria disaffezione per questo stile di amministrazione e di politica e che vogliano votare sui fatti e sui risultati, non sulle promesse, sul “faremo domani”, “non dipende da noi”, “abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare”, “l’Italia è così e non cambierà mai”, “ci ho provato, ma è colpa dell’altro ufficio”. Faranno bene gli elettori a votare, questa volta per coloro che, dalla destra tradizionalista alla sinistra massimalista passando per il bianco centro, avranno dato soluzione a questa vergogna. Se posso, a titolo di solidarietà con i miei concittadini, mi voglio aggiungere alle altre 203 persone che sostengono il comitato dei cittadini contro la discarica.
    204

  7. A chiosa dell’intervento di granpasso (sicuramente esasperato come il
    sottoscritto da istituzioni carenti o addirittura assenti – tengo fuori – per ora – i consiglieri Sterpa, Todini e tutti gli altri che si sono almeno prodigati per la vicenda)
    e di aragorn (che avrei il piacere di conoscere, ma non riesco a contattarlo)
    vorrei evidenziare un generale peggioramento della situazione nel residence e in generale nella zona.

    Mi rendo conto che considerata la logistica “di nicchia”, il problema è sconosciuto
    ai piu’, ma invito tutti a considerare la qualità di vita dei residenti di Via Federico Mastrigli che oltre ad avere una discarica sotto il naso, sono giornalmente
    costretti a convivere con l’inciviltà cronica di alcuni abitanti del residence.

    Rumori molesti a tutte le ore, urla, canti, tamburi a notte fonda, immondizia abbandonata a ciclo continuo in mezzo alla strada da personaggi…. nati stanchi, motorini parcheggiati nei modi piu’ stravaganti , bottiglie di birra, cartoni di vino e quant’altro accatastati su muretti e ringhiere.

    Questa è via Federico Mastrigli !!

    Noi ci siamo stufati!
    Di seguire le regole, di affidarci alle istituzioni, di aspettare.
    Forse è il caso davvero di riporre il fioretto e il bon ton e di riproporre con veemenza
    il problema a chi avrebbe il dovere di risolverlo.

  8. Cara Redazione , faccio mio il vostro invito alla moderazione.

    Probabilmente ho leggermente esagerato anche perchè poi in verità , non mi ero fatto bene il conto di quanto sarebbe costata la benzina necessaria con i nuovi aumenti , non posso permettermelo.

  9. Questa mattina ho provato a chiamare il Capo di gabinetto del Comune di Roma per avere notizie. La segreteria mi ha detto di non saper nulla in merito ma di contattare il Presidente dell’Ama Giovanni Hermanin. Provato a contattare, anche qui la segreteria mi dice di non sapere nulla,ma di provare a contattare l’ing. Perrone (responsabile U.O.T. Ovest dell’Ama). L’ing. Perrone non c’è, ma la segreteria mi farà chiamare direttamente dall’ingegnere appena possibile! ….aspettiamo fiduciosi!
    Cordiali saluti, Simone Ariola.

  10. Cari amici,

    una buona notizia.

    DOMANI “) FEBBRAIO “==( alle ore 8 ricominceranno i lavori di AMA spa per bonificare il sito di via Mastrigli.

    In questi giorni, grazie al capo del Dipartimento X arch. Mastrangelo e al Direttore dell’AMA Miglio, siamo riusciti a creare le condizioni amministrative e legali per ricominciare a lavorare.

    Permettetemi di ringraziare loro e l’amministrazione comunale, ma anche i cittadini ed il blog che aiutano a tenere sempre presente il problema di Via Mastrigli. Anche quando non accade nulla di nuovo, sappiatelo, qualcuno fa riunioni, telefona, urla e chiede lo stesso. Per i cittadini.

    Sarà un lavoro lungo e difficile, ma cerchiamo tutti di collaborare.

    Vi abbraccio.

    Alessandro Sterpa
    Cons. Municipio XX
    Partito Democratico
    http://www.sterpa.it

  11. Cari amici,

    vi confermiamo che questa mattina sono ripresi i lavori di bonifica della discarica abusiva.
    L’AMA è presente con alcuni camion di diverse grandezze per poter affrontare la difficoltà del trasporto nella scomoda e stretta strada di Via Mastrigli. Ci auguriamo che questa volta i lavori di bonifica non si arrestino dopo pochi giorni e soprattutto che vengano terminati PRIMA delle elezioni.

    Cordialmente,
    Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti

  12. A completezza dell’informazione del mio collega consigliere e del Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti, questa mattina verso le 9 circa il sig. Empler, del nucleo PICS (Pronto intervento centro storico) facente parte a sua volta del GSSU (Gruppo sicurezza sociale urbano) ha provveduto alla nostra presenza a togliere i sigilli all’area che rimane comunque sotto sequestro.
    Il GIudice ha infatti concesso un nulla-osta per la bonifica dell’area, in quanto sono ancora in corso indagini per reati ambientali e abusivismo edilizio. Al momento non c’è dato sapere gli sviluppi di tali indagini.
    La nota importante è comunque il nuovo inizio di pulizia e bonifica della discarica abusiva. Al termine della quale, lo stesso sig. Elmer provvederà, salvo nuove disposizioni, ad apporre nuovamente i sigilli.
    Cordiali saluti, Simone Ariola. 338/2750564 simoneariola@tiscali.it

  13. Cari Amici,

    Vi informiamo che l’On. Storace (La Destra) incontrerà i cittadini del Villaggio dei Cronisti lunedì 3 marzo alle ore 17.30 presso Via Mastrigli n.29, portando la sua solidarietà e il suo impegno per la assicurare la conclusione della rimozione della discarica abusiva e per contrastare il degrado dell’area residenziale.

    Cordialmente,

    Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti

  14. non un solo rappresentante della Camera, del Senato, della Regione, della Provincia, del Comune e del Municipio, fatta eccezione per due o tre consiglieri di quest’ultimo, si sono occupati del caso o hanno sentito il bisogno di portare la loro solidarietà agli abitanti di via Mastrigli. Adesso che siamo in campagna elettorale comincia invece il pellegrinaggio strumentale. Che tristezza.

  15. Ringraziamo vivamente l’On. Storace e La Destra per visitare Via Mastrigli e dare con la loro presenza un contributo concreto alla soluzione della emergenza sanitaria e della sicurezza del Villaggio dei Cronisti.

    Ci auguriamo di incontrare presto altri leader politici che garantiscano la bonifica della discarica PRIMA delle elezioni. Ci aspettiamo RISULTATI CONCRETI ed IMMEDIATI, non parole e promesse elettorali.

    La lotta contro il degrado del nostro quartiere, per la difesa della sanità pubblica, per la salvaguardia dell’ambiente e del Parco dell’Insugherata, per il ripristino della legalità e della sicurezza dei residenti sono principi basilari della civile convivenza, non hanno nè colore politico e nemmeno orientamento partitico, sono valori condivisi da tutti i cittadini.

    Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti.

  16. Riceviamo notizia da parte del consigliere Alessandro Sterpa (Partito Democratico) che l’AMA ha concluso la prima parte dei lavori di rimozione della discarica abusiva di Via Mastrigli. Grazie all’efficiente intervento della squadra dell’AMA, nel corso dei giorni passati sono state rimosse decine di tonnellate di rifiuti accatastati nel terreno attiguo al cosiddetto residence di Via Mastrigli. Rimane ancora da rmuovere la carcassa di una autovettura gettata nel vallone dagli stessi ideatori della discarica.

    La bonifica del terreno è però ancora lontana dall’essere conclusa: la parte più difficile ed onerosa della bonifica deve ancora iniziare: rimangono seppellite sotto un sarcofago di cemento e sotto il parcheggio realizzato abusivamente nel parco dell’Insugherata altre tonnellate di rifiuti in gran parte costituite dalle carcasse di elettrodomestici, lavatrici, macchine del gas e quant’altro.

    Nel corso dei prossimi giorni dovranno essere fatti i carotaggi nel parcheggio del residence per permettere all’AMA di effettuare una stima più precisa del lavoro da svolgere e per quantificare i costi che il Comune e i cittadini dovranno anticipare di tasca propria, nell’attesa che i responsabili di questo disastro ambientale e sanitario vengano individuati e paghino per il danno causato alla sanità pubblica, all’ambiente e alle casse erariali.

    Ringraziamo vivamente il consigliere Sterpa per avere seguito di prima persona tutte le fasi della gestione della bonifica della discarica e ringraziamo il formidabile impegno profuso dagli operatori dell’AMA e dal dott. Miglio che ha consentito di conseguire in breve tempo risultati tangibili.

    Restiamo in attesa di sapere come e quando verranno completati i lavori di bonifica della zona.

    Cordialmente,

    Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti
    ccvcronisti@live.it

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome