Home ATTUALITÀ Raccolta differenziata: il nuovo piano del Comune di Roma e dell’AMA

Raccolta differenziata: il nuovo piano del Comune di Roma e dell’AMA

raccolta-differenziata.jpgIl Comune di Roma e l’AMA hanno annunciato un nuovo programma finalizzato ad incrementare la raccolta differenziata nella capitale ed a garantire un servizio più adeguato alle esigenze della città. Ci riusciranno ? Non siamo nuovi a Roma in quanto a piani annunciati e falliti ma questo sembra avere le premesse giuste e quindi vediamo qui di seguito di cosa si tratta.

Svuotamento dei cassonetti: il servizio verrà potenziato in modo graduale in tutta la città tramite il raddoppio dei giri di raccolta. La frequenza media di svuotamento dei cassonetti per la carta e quelli per il materiale non organico sarà ogni 3 giorni (oggi è fra i 6 ed i 7).  Per segnalare i cassonetti della raccolta differenziata pieni sarà sufficiente inviare un SMS al numero 340-4315588 specificando il punto esatto in cui si trova il contenitore ed il suo colore (ad esempio, via della Farnesina 40, bianco pieno). L’AMA garantisce un intervento immediato.

Mercati, supermercati, bar etc:  da Marzo gli scarti umidi saranno raccolti direttamente in tutti i mercati rionali, nei più grandi supermercati, nei ristoranti per la loro successiva trasformazione in concime di qualità.

Raccolta straordinaria della carta: a partire da fine Febbraio l’AMA avvierà una campagna di raccolta straordinaria della carta: sei domeniche e venti itinerari diversi in tutta Roma.

Raccolta porta a porta:  già avviata – sembra con successo – a Colli Aniene ed a Decima, il servizio verrà esteso nelle zone di Massimina, Trastevere, Aventino, Testaccio, San Saba, Cinecittà Est, Eur Torrino, Magliana-Portuense e Villaggio Olimpico interessando circa 100.000 romani che così dovranno cambiare le loro abitudini nella gestione dei rifiuti domestici.

In presenza di tante nuove regole non poteva mancare l’aspetto sanzionatorio per chi non le rispetterà. Sono previste multe di importo non indifferente: vanno da 50 a 300 euro per chi non differenzia i rifiuti e li getta in contenitori impropri, da 25 a 619 euro per chi abbandona l’immondizia fuori dal cassonetto, da 50 a 300 euro per chi parcheggia davanti ai cassonetti, li imbratta o li sposta dalle postazioni assegnate. E per controllare il comportamento dei cittadini scenderà in campo, o meglio sulle strade, una task-force composta da Agenti della Polizia Municipale e Agenti accertatori dell’AMA.  Assieme alle multe, che entrano in vigore da subito, partirà anche una campagna di informazione: nei prossimi tre mesi  200 operatori dell’AMA che indosseranno una casacca con la scritta “raccolta differenziata” saranno ogni mattina davanti alle postazioni più critiche per spiegare ai cittadini i razionali della campagna. (fonte Comune di Roma)

municipi_differenziata.jpgNel frattempo LegaAmbiente ha pubblicato la classifica, Municipio per Municipio, in termini di raccolta differenziata procapite nel 2007 dalla quale apprendiamo che il XX Municipio è terz’ultimo. Lo leggiamo su La Repubblica .

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Sarebbe cosa simpatica ed utile se riuscissero ad allargare i “buchi” dei cassonetti dedicati alla carta-vetro-plastica.

    Non si capisce perchè si debba infilare il tutto, un pezzo alla volta , è un incentivo a lasciare tutto per terra o per non perdere tempo o per non sporcarsi.
    Come esperto “massaio” trovo difficile inserire contemporaneamente un flacone di ammorbidente ed uno di detersivo assieme nel pertugio a disposizione.
    Figuriamoci se nella busta ci sono pure bottiglie ed altro.

    Un piccolo accorgimento ma di grande utilità.
    Tanto comunque nessuno lo ascolterà, però l’ho detto.

  2. Caro granpasso,
    proprio oggi stavo pensando la stessa identica cosa.
    Stavo facendo un giro con il mio cane, quando passando davanti ai soliti cassonetti normali e per la differenziata, mi sono accorto che dietro a questi ultimi c’erano delle buste appoggiate per terra…
    Che delusione (mista anche a arrabbiatura)…
    Ho pensato “magari non fanno buchi più grandi per evitare che qualcuno ci butti oggetti inadatti alla raccolta differenziata?”
    In ogni caso, buchi più grandi credo invece possano solo aiutare…

  3. Ciao,
    la vostra riflessione l’ho fatta anche io dopo aver visto un addetto di un ristorante che buttava 2 buste nere piene di bottiglie nel cassonetto verde affiancato a quello blu .
    Forse avrei dovuto dirgli:- adesso tu prendi le bottiglie una ad una e le metti in quello blu, poi visto che è gia pieno mandi un sms e aspetti che lo svuotano e poi continui.
    Poi però sono arrivata ad un’altra riflessione e se lo licenziano perchè è stato via un’ora potrei averlo sulla coscienza, così sono stata zitta ed ho buttato le mie 8 inutili bottiglie nel cassonetto blu.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome