Home AMBIENTE Caro 2008, vorrei un giardino alla Giustiniana

Caro 2008, vorrei un giardino alla Giustiniana

parco.jpgDa Patrizia M., nostra affezionata lettrice della Giustiniana, riceviamo questa garbata mail che merita di essere pubblicata per la pacatezza dei toni e per la semplicità con la quale viene rappresentato un legittimo desiderio, non solo suo ma di centinaia e centinaia di residenti. Ci sarà un Consigliere Municipale di buona volontà che abbia voglia di darle ascolto ?

” Carissimi Claudio e Fabrizio, nel dirvi grazie per quanto fate vi inoltro i miei sinceri auguri di buon lavoro per l’anno che nasce e con l’occasione desidero esprimere, tramite il vostro ed il nostro blog, un piccolo desiderio: dal 2008 vorrei un giardino. Si, proprio un giardino nel XX Municipio e precisamente alla Giustiniana. Un piccolo giardino dove gli anziani possano leggere il giornale, i bimbi giocare e la zona socializzare. Un piccolo giardino, con i giochini per i bimbi, il campo delle bocce per gli adulti, un campetto per giocare a pallone. Insomma un qualcosa per questa zona che cresce soltanto di cemento, di problemi e di numero degli abitanti. Mi auguro che l’anno nuovo ci porti qualche spazio da dedicare a tutti gli abitanti della zona, che permetta loro di uscire di casa ed incontrarsi, senza dover girare a vuoto e senza meta. Insomma un qualcosa che faccia di questa zona qualcosa di umano e vivibile.
Un’altra cosa mi piacerebbe (anche se i miei figli ormai sono grandi), la scuola. Alla Giustiniana abbiamo scuole fatiscenti, abbandonate a se stesse, credo che la scuola come la famiglia dovrebbe dare oltre agli insegnamenti anche un momento di aggregazione, socializzazione, quindi spazi curati ed aperti a tutti.
Buon lavoro e buon anno. Patrizia. “

Visita la nostra pagina di Facebook

7 COMMENTI

  1. Gentile Sig.ra Patrizia, Gentile Redazione,
    in merito al desiderio espresso per il 2008, sul quale possiamo lavorare, vorrei ricordare che:

    1- a Via Guido Guida esiste da qualche anno un’area verde attrezzata, non grande ma molto carina;
    2- nel 2005 il Sindaco Veltroni inaugurò un parco pubblico a Via Antonio Labranca.

    E’ qualche tempo che non faccio sopralluoghi nelle aree summenzionate, mi riprometto di farlo per verificarne lo stato, ma non avendo ricevuto segnalazioni ne deduco che siano vivibili e frequentate. Potrei sbagliarmi.

    Se il desiderio consiste nella realizzazione di una nuova area verde, sarebbe utile avere qualche indicazione da parte della Signora Patrizia sull’ubicazione. Sono pronto a ragionarci e lavorarci insieme. Insieme , però!

    Buon anno…

    Ludovico Todini
    (Capogruppo AN – XX Municipio)

  2. Gentile Signor Todini,

    La ringrazio della sua risposta, vorrei se fosse possibile avere delle piccole aeree verdi più centrali, anche se non ho visto le su menzionate, so dove possono essere locate. Credo che per un anziano arrivare fino là non è facile.
    Io direi che si potrebbe fare o all’inizio della via Giustiniana, anche vicino la chiesa ci sono dei piccoli pezzetti di prato che con qualche panchina potrebbero risultare utili, per passare poi in via Martiri della Storta, dove tutto il verde sta diventando soltanto costruzioni, allora un bel giardino, con bocce, campo di pallone, di pattinaggio insomma un vero parco per tutta la zona e non solo.
    Nel ringraziarla della sua attenzione porgo i migliori saluti.

    Patrizia

  3. Gentile Sig.ra Patrizia,
    La Giustiniana è un bel qurtiere anche se complesso perchè molto segmentato, ovvero non raccolto. Pertanto, come giustamente Lei rileva, è opportuno ed auspicabile realizzare più punti di socializzazione, sempre che vi siano aree disponibili.

    Farò una mappatura degli spazi verdi del quartiere, verificandone gli aspetti patrimoniali, per poi sottoporLe i risultati e tentare insieme una soluzione credibile e praticabile.

    Terrò conto dei Suoi suggerimenti e la terrò informata.

    Ancora Buon Anno!

    Cordialmente
    Ludovico Todini

  4. Gentile Sigra Patrizia,
    ho letto ora la sua nota e volevo dare un mio contributo alla discussione che ne è derivata.
    Come saprà alla sinistra della stazione FR 3 “la Giustiniana” ( nei pressi dell’edificio che molti chiamano “il colosseo”) il XX Municipio dopo 6 anni ha finalmente avviato i lavori per la realizzazione di un asilo nido. Non tutta l’area disponibile sarà interessata dalla costruzione dell’edificio scolastico. Una parte come richiesto dai Cittadini e da diverse forze politiche potrà essere utilizzata per realizzare un’area verde attrezzata.
    Non appena i lavori per la costruzione dell’asilo nido saranno in fase avanzata, potremo dedicarci alla definizione dell’area verde magari anche con una assemblea pubblica.
    Per quanto riguarda le scuole, tra non molto (8-12) mesi dovrebbe essere ultimata la scuola nei pressi del consorzio “case e campi” che contribuirà ad aumentare l’offerta formativa scolastica nel quartiere.

    Un cordiale saluto enauguri di buon anno nuovo.

    Massimo Denaro
    (Capogruppo Partito Democratico-Ulivo XX Municipio)

  5. Bene! La Giustiana!

    Il nostro è un quartiere oggi “spezzato” dalla rotatoria Via Cassia-Via Trionfale che è difficile attraversare (abbiamo chiesto ed ottenuto l’installazione di due semafori pedonali e ne avremo uno). Inoltre, è un quartiere che si estende in lunghezza sulla Cassia dal GRA al bivio per la Braccianense. Ragionare di spazi verdi, dunque, alla Giustiniana vuol dire ragionare almeno su 5 quadranti del quartiere:

    1) Zona compresa tra Via Trionfale e Via Cassia.
    Qui le aree previste sono state in parte realizzate, ma non ancora consegnate al Comune di Roma dai costruttori della lottizzazione convenzionata Casa e Campi (il 21 dicembre 2007, all’ultima riunione in Assessorato LL.PP. sul COnsorzio è emersa la nostra spinta a far presto). Si tratta di aree grandi, sono due, ben vivibili e accessibili, una a valle del fosso, in pieno parco dell’Insugherata, ed una più alta divisa in due aree più piccole con panchine.

    2) Zona Cappelletta della Giustiniana.
    In questa area storica del quartiere mancano aree verdi in senso tecnico (cioè di verde pubblico attrezzato), ma ci sono aree verdi solo in prossimità del centro anziani e della casa di riposo in Via Rocco Santoliquido, ma non sono aperte al pubblico come aree verdi e poi sono molto piccole e non attrezzate. L’urbanizzazione non ha lasciato lotti di terra da destinare a verde, se non alla fine della Via dove si trova il circolo della Casetta Bianca. Andrebbe verificato lì se è possibile costruire un parco, magari acquisendo fondi privati con destinazione non urbanistica.

    3) Zona Piazzale Giustinana.
    Qui avremo, di fronte al nuovo asilo che stiamo costruendo tra il Colosseo (per i non cittadini della Giustiniana il Colosseo è il palazzo a semicerchio all’inizio di Via Trionfale) un parco verde attrezzato esteso dal Piazzale fino al confien con la Scuola Media alla quael ora si accede da Via Maurizio Giglio.

    4) Area Via della Giustiniana-Via Silla passando per Via Italo Piccagli.
    L’urbanizzazione non lascia spazi (ad una prima analisi), ma su Via Piccagli credo si possa intervenire come per ma zona 2.

    5) Zona GRA-Via della Giustiniana.
    L’unico spazio di intervento è in fondo a Via Barbarano romano, ma dopo la chiusura del cantiere ANSA per i lavori al GRA, ossia dopo dicembre 2008. Credo che ci siano aree di prossimità al perimetro Anas interessabili al progetto. Dovremmo verificare con l’UOT del Municipio.

    Ciò detto, fare un parco è meno facile (purtroppo!) di quanto si pensi, perchè oltre l’eventuale onere economico ed amministrativo per acquisire un’area, anche se l’area fosse già a disposizione del Comune, esistono oneri di manutenzione che occorre coprire. Su questo, si possono trovare soluzioni molto carine (già sperimentate dal Dipartimento X del Comune di Roma) per assegnare l’area ad Associazioni e Comitati.

    Mi viene da sorridere, perchè quando i miei nonni dall’Umbria si trasferirono qui alla Giustiniana (nel 1962), mi dicevano che c’era tanto verde che non gli sembrava di aver abbandonato la stupenda terra d’origine. Nel 1986 tornarono a Gubbio lasciando ancora un pò di verde. Oggi, se ci fossero ancora, sarebbero i primi a voler rivedere un pò di verde accessibile.
    Siamo fortunati, noi della Giustiniana, perchè grazie alla presenza da un lato del Parco di Vejo e dall’altra della riserva dell’Insugherata, non siamo stati sommersi nè dal cemento illegate ed abusivo, nè da quello in regola.

    A disposizione e buon 2008 a tutti.

    Alessandro Sterpa
    Pres. Commissione Trasparenza
    Cons. Partito Democratico
    Municipio XX
    alessandro.sterpa@uniroma1.it

  6. il verde che lei nomina Sig. Sterpa è soltanto nei ricordi di chi viveva il quartiere anni fa. Io non comprendo perchè il parco di veio in fondo alla Casetta Bianca è stato chiuso, ove hanno costruito e non si è pensato ad un giardino di nessun tipo, ne tantomento in altri punti dove il verde era veramente esteso, diciamo vicino la chiesa, in altri punti, anche la Cerquetta, sotto il passaggio al livello, dove hanno rovinato letteralmente la zona con costruizioni di vario tipo senza più ombra di un albero. Io credo che questa zona soffra di un indifferenza dei tempi passati, dove si aveva la speranza che venisse fuori un quartiere vivibile sotto tutti i punti di vista, sia dai servizi, scuole, ma anche spazi, dove i ragazzi, i vecchi, e tutte le persone che avevano voglia potevano socializzare, divertirsi, comunicare.
    Grazie della sua collaborazione, spero che questo mio problema porti ad una soluzioni, lo auspico per il quartiere che vivo da ormai 40 anni e quindi conosco abbastanza le sue lacune.
    Buonagiornata Patrizia

  7. Beh credo ,
    che la richiesta della Sig ra Patrizia sia giusta, ma nn è sempre vero, il Parco di via guido guida è un parco costruito da poco e fatto veramente male , l’entrata dei bimbi è la stessa dell l’entrata dei cani e nn sapete quante litigate! Ho abitato lì per molti anni e tutto questo accadeva ogni volta che portavo il mio cane (PENSO CHE LORO I CANI DEBBANO AVERE GLI STESSI DIRITTI) !!! Ora abito alla castelluccia e sarebbe BELLO se i lampioni che ci sono si accendessero visto che è impossibile tornare a casa a piedi senza essere investiti CI SONO PERCHE’ NON ACCENDERLI !?! Per nn parlare della fermata dell’autobus anche li pericolossisimo attraversare, specialmente che ora è inverno . Sarebbe bello fare anche un parco per chi come me ha un cane e non sa dove portarlo per poterlo far correre un pò libero

    Grazie Giulia

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome