Home ATTUALITÀ XX Municipio: aperte le iscrizioni alle scuole materne

XX Municipio: aperte le iscrizioni alle scuole materne

scuola-materna.jpgSono state aperte le iscrizioni, per l’anno scolastico 2008-2009, alle scuole comunali dell’Infanzia del XX Municipio alle quali possono essere iscritti i bambini, residenti nel Comune di Roma che, alla data del 31 dicembre 2008, abbiano compiuto il terzo anno di età o che non superino, alla stessa data, il sesto anno di età. E’ prevista anche l’iscrizione dei bambini che compiranno tre anni entro il 31 gennaio 2009 (la loro ammissione, però, è subordinata all’esaurimento della lista d’attesa di tutti i bambini che abbiano compiuto 3 anni entro il 31 dicembre 2008). 

La domanda, presentabile dal 7 gennaio all’8 febbraio 2008, va consegnata nella Scuola d’Infanzia dove la famiglia intende iscrivere il bambino ma, attenzione, la stessa può essere presentata in una sola scuola e presso un solo Municipio da scegliere tra:

  • Municipio di residenza del bambino
  • Municipio nel cui territorio almeno uno dei genitori presti attività lavorativa
  • Municipio di residenza dei nonni
  • Municipio di residenza del genitore non affidatario
  • Municipio dove si intende trasferire la residenza del nucleo familiare
  • Municipio limitrofo a quello di residenza.

E’ in distribuzione in questi giorni l’opuscolo “Comunicazione alle famiglie” (nel quale è inclusa la domanda di iscrizione) che può essere ritirato presso le Scuole comunali dell’Infanzia, l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del XX Municipio (in Via Sabotino 4) o presso l’Ufficio Scuola dello stesso Municipio (in Via Carlo Poma, 9). Per ogni utile dettaglio cliccare qui.

Visita la nostra pagina di Facebook

25 COMMENTI

  1. aggiungo un informazione che può essere utile.
    Il Municipio Roma XX ha attivato un servizio Caf Gratuito per tutti i residenti del Municipio nelle sedi istituzionali, precisamente: via Sabotino 4 – Lun. Mar. Merc- Via Cassia 472 Mart- Giov. Via Falcioni Giov- Ven-
    Il Servizio Caf segue gli stessi orari di apertura e chiusura delle sedi municipali .
    Chiunque avesse bisogno dell’elaborazione della pratica ISEE necessaria alla domanda di iscrizione per l’asilo nido può rivolgersi direttamente in Municipio la pratica sarà elaborata e consegnata in tempo reale gratuitamente

  2. perchè il servizio non è stato attivato anche nell’ufficio municipale di Prima Porta ? chi abita in questa zona sembra sempre essere dimenticato. grazie
    Anna Maria

  3. rispondo alla sig Annamaria: il servizio non è stato attivato a Prima Porta per il semplice fatto che nella zona sono presenti numerosi Caf – a memoria ricordo un Caf in vIa Delle Galline Bianche ( vicino alla farmacia) un Caf in via Offanengo ( Vicino alla ASL) un Caf proprio vicino alla delegazione di Prima Porta . Il servizio attivato dal Municipio con una spesa di fondi minima ( credo che sia il servizio meno costoso tra quelli che il Municipio eroga) è stato attivato per facilitare quegli utenti che vivono in quartieri dove ci siono poche strutture Caf e dovendo scegliere si è dato la precedenza laddove era più necessario. Gli unici residenti del Municipio che , purtroppo, sono stati veramente penalizzati sono i cittadini di Cesano che non hanno nessun Caf sul territorio e per l’elaborazione di una pratica sono costretti a a spostarsi a Prima Porta oppure a La Storta ( immagino quelle mamme che magari devono spostarsi con i mezzi pubblici ed i bambini piccoli a seguito, oppure le persone anziane ) da consigliere di Municipio io stessa ho provveduto a fare dei sopralluoghi a Cesano per suggerire la possibilità di attivare il servizio in quella zona , purtroppo la dirigente dell’ufficio non ha ritenuto opportuno allestire un piccolo spazio da destinare al servizio Caf . Per i cittadini di Cesano sono veramente dispiaciuta e vorrei che anche il resto della maggioranza , dirigenti comprese, lavorassero per trovare le soluzioni migliori per agevolare i cittadini.

  4. Gent.ma Cons.Casasanta,

    incuriositi dai suoi commenti siamo andati sul sito del XX Municipio a cercare – non conoscendolo – maggiori dettagli sul “servizio gratuito CAF per i cittadini” ma, fra tutti quelli erogati e pubblicizzati nella homepage, proprio di questo non c’è alcuna traccia.

    Sfogliando le pagine del sito abbiamo quindi appurato che nel 2007 il XX Municipio, dopo aver effettuato una gara, ha assegnato al “CAF UGL Srl” di Roma un appalto per l’espletamento di tale servizio, come da seguente graduatoria:

    http://www.comune.roma.it/was/repository/ContentManagement/node/N1962633157/caf.pdf

    Chiedendo in giro ci è stato detto che tale servizio è a fronte di un corrispettivo di 15.000 euro (non pochi in realtà) per 12 mesi e che viene svolto presso le sedi municipali dal personale (salvo errori) dell’ufficio del CAF UGL Srl di via delle Galline Bianche (zona Prima Porta).

    Fin qui nulla di trascendentale.

    Ma un po’ di perplessità ci è venuta quando sul sito del Comune di Roma abbiamo poi casualmente trovato questo documento:

    http://62.77.53.204/repository/ContentManagement/information/N651374327/CAF%20UGL.pdf

    non sappiamo se oggi sia ancora attuale ma, se lo fosse, stando allo stesso parrebbe che Lei, Consigliere Casasanta, sia la responsabile di questo ufficio del CAF UGL Srl di via delle Galline Bianche.

    Sia chiaro, non vogliamo fare scandalismo gratuito né gettare ombre sul fatto che per caso uno stesso soggetto rappresenti contestualmente un committente pubblico ed un fornitore privato.

    Come facciamo da tempo, vogliamo invece solo invocare (per fugare le legittime perplessità che fatti come questi possono far sorgere in chi ne viene per caso a conoscenza) una maggiore trasparenza da parte del Municipio (per esempio, perché il servizio non è pubblicizzato sul sito ?) ed anche da parte sua Consigliere, perché dire ad un cittadino (come Lei ha fatto) “…a memoria ricordo un Caf in via delle Galline Bianche..” ci è sembrato poco etico, non proprio consono ad una carica elettiva.

    Il tutto sempre che quel documento presente sul sito del Comune di Roma – di norma fonte attendibile – sia veritiero ed in tal senso gradiremmo sue notizie.

    Distinti saluti.
    Fabrizio Azzali e Claudio Cafasso

  5. …che delusione e soprattutto che vergogna!!!! …ho provato a chiamare il Caf per parlare con la responsabile, ma purtroppo è chiuso per ferie fino al 6 Gennaio! Ho notato tra le altre cose che l’unico intervento su questo blog della cons. Casasanta casualmente riguarda proprio il Caf, a cui evidentemente interessa molto! Spero che il Presidente del Municipio, il Direttore e la Commissione Trasparenza o la Procura della Repubblica ci diano ampie ed esaustive risposte.
    Quanto a lei cons. Casasanta, perché non prende esempio dagli Stati Uniti? Faccia un atto responsabile e un bel esame di coscienza e poi … SI DIMETTA!!

  6. signora Casasanta, grazie per la sua risposta e grazie per avermi presa in giro facendo finta di non ricordare che il caf di via delle galline bianche è quello in cui lavora lei e che lavora anche per il municipio. me ne ricorderò alle prossime elezioni. stia bene. Anna Maria

  7. Rispondo molto volentieri a tutti , in primo luogo al signor Claudio Cafasso che sembra essere stato l’unico a cercare qualche informazione senza lasciarsi andare a giudizzi sommari :
    il servizio non è stato pubblicizzato dal Municipio perchè evidentemente c’è stata in tal senso una qualche dimenticanza da parte degli uffici, ma non è nessun politico e quindi neanche la sottoscritta che può entrare in merito a questo, dato che, potrebbe essere interpretata come una prevaricazione della politica sugli organi amministrativi.
    Nella gara invece era espressamente richiesto tra i requisiti per partecipare l’onere per il sindacato aggiudicatario del servizio di pubblicizzare il servizio stesso a proprie spese e così è stato fatto con l’affissione di manifesti che sono già stati affissi nel mese di settembre e suppongo, saranno ancora affissi in coincidenza con la scadenza delle pratiche fiscali. Rispetto invece al documento del Comune di Roma , posso affermarne la validità , ma le confermo anche che non è aggiornato in quanto la sottoscritta si è dimessa da circa 18 mesi , ovvero da quando è stata eletta .
    Per verificare invece chi sia l’operatore responsabile degli sportelli, basta andare in Municipio farsi elaborare una pratica Isee e così come la legge prevede , sulla pratica è specificato il nome dell’operatore responsabile e certo vedrete che non si tratta della sottoscritta.
    Terzo , mi permetto di contraddirla perchè conti alla mano 15.000 euro sono veramente pochi se non pari allo zero . Dai 15.000 bisogna togliere Iva ( perchè la struttura aggiudicataria è obbligata ad emettere fattura) quindi circa 3000 euro, ne rimangono 12.000 da suddivedere per i 12 mesi dell’anno quindi circa 1000 euro al mese, da suddividere per il numero degli sportelli ( tre) ne consegue che ogni operatore ha come rimborso spese circa 300 euro mensili .
    Sinceramente credo che qualsiasi professionista sia pagato meglio.
    se a tutto questo aggiunge che la promozione è a spese della struttura aggiudicatrice , che la struttura ha dovuto fornire a proprie spese computer, stampanti, e lettori ottici per ogni sportello, che nelle trecento euro mensili devono essere incluse anche le tasse per prestazioni di collaborazione, ad occhio non ci vuole molto a capire che quella somma non và a coprire neanche il rimborso benzina degli operatori .
    Rispetto invece alla nota circa il Caf di Galline Bianche , vi ricordo che pari a quello ne ho citati altri due che non sono nemmenio dell’UGL , e che non ho voluto dire che io ero in passato responsabile di quel centro semplicemente per non utilizzare la mia posizione di consigliere per fornire pubblicità indiretta ad centro caf rispetto agli altri , ( per questo ne ho citati tre ) proprio come gesto di correttezza estrema, così come non ho l’abitudine di vantare per fini politici una mia professionalità acquisita in passato , anche su altri settori.
    Ultima nota : non è il centro raccolta Caf di Galline Bianche che ha l’affidamento del servizio ma il CAF UGL nazionale ,e l’affidamento non è stato dato con trattativa privata ma con bando pubblico al quale hanno partecipato anche la Coldiretti e la CIA , la differenza che molti non conoscono è nel fatto che l’UGL CAF è tra le poche strutture Caf in Italia se non addirittura l’unica, ad evere una Certificaziobne EUROPEA di qualità ovvero l’ISO 9001 .

    Posso dire invece alla signora Monica che il suo commento è al limite della delazione e potrebbe essere oggetto di denuncia ( possibilità che stò valutando) . Il centro Caf di Galline Bianche come qualunque altro centro Caf può rimanere chiuso come e quando preferisce perchè non utilizza fondi pubblici , e di legge, non ha alcun obbligo di orari.
    Rispetto invece il mio interesse per i servizzi sindacali , sottolineo per tutti, lo confermo e a questo punto vanto anche il fatto di essere tra i pochi consiglieri che prima di essere eletti si sono preoccupati di fornire servizzi utili alla gente e che hanno una qualche competenza da vantare.
    Se la signora Monica ha però tempo e voglia di fare polemica di basso livello dovrebbe rivolgere la sua attenzione altrove, ma soprattutto dovrebbe imparare a documentarsi ( posto che ne abbia la capacità) perchè veramente al mio posto potrebbe esserci qualcuno che decide di denunciarla per diffamazione .

    Ultima la signora Annamaria: ai tre Caf , ne aggiungo altri due sulla Via Giustiniana ( uno altezza edicola) altro altezza Vicariato, un terzo che mi viene adesso in mente , Via Inverigo. Evidentemente la Signora non conosce bene la zona nella quale vive, e rispetto al voto , le dico che non spero ( per impostazione mentale ) di avere consenso politico attraverso dieci righe scritte è talmente vero che l’unica volta che avevo risposto è stata per dare un informazione utile e non per fare propaganda politica come invece fanno molti. Sono soddisfatta invece che il consenso politico me lo hanno riconosciuto quei cittadini che invece mi conoscono.

    Distinti Saluti A tutti

  8. Gentile Signora Casasanta, la ringrazio per l’attestato di affidabilità riconosciutomi nella sua risposta, così dettagliata da indurmi ad una replica altrettanto puntuale; chiedo venia ai lettori se ciò li annoierà.

    Veniamo subito alla sostanza del mio primo commento: la mia indignazione è nata dal confronto di due atti pubblici. In uno si dice che il CAF UGl Srl “nazionale” ha vinto l’appalto del XX Municipio, nell’altro si dice che lei, Consigliere del XX Municipio, è il responsabile del CAF UGL Srl di via delle Galline Bianche.
    Resta poi il fatto che è proprio il personale di via delle Galline Bianche che presta tale servizio per conto del XX Municipio (perché questa particolare informazione lei non l’ha smentita).
    Chiunque dunque si sarebbe sdegnato, per usare un eufemismo, del fatto che lei, Consigliere Municipale, risultasse essere responsabile di un fornitore del Municipio (ed è questo che, presumo, abbia indignato anche la lettrice Monica, dov’è la delazione, dov’è la diffamazione delle quali la accusa ?).

    Prendiamo dunque atto con sollievo che Lei non è più la responsabile del Caf Ugl srl di via delle Galline Bianche essendosi dimessa dall’incarico al momento della sua elezione e che quindi è al di sopra di ogni sospetto. Bene, mi consenta però un consiglio: faccia aggiornare dall’UGL, dal Comune (o da chi altri non so) i 6 documenti che sono in internet, su siti diversi, nei quali invece lei risulta avere ancora tale incarico, altrimenti l’equivoco si protrarrà nel tempo.

    Per quanto riguarda la mancata pubblicità del servizio CAF ai cittadini sul sito del Municipio dissento da quanto lei dice e cioè che “…nessun politico e quindi neanche la sottoscritta può entrare in merito dato che potrebbe essere interpretata come una prevaricazione della politica sugli organi amministrativi..” perchè se il servizio è veramente un servizio di pubblica utilità lei ha il diritto-dovere di pretendere che venga reso noto ai cittadini perbacco, altro che ingerenza !
    Chi è che rappresenta gli elettori ed i cittadini, chi è deputato a curarne gli interessi, gli organi amministrativi o lei, in qualità di Consigliere ?
    Suvvia, non si nasconda, o meglio, non nasconda il CAF Ugl Srl dietro un dito solo per il pudore politico di non voler pubblicizzare l’aggiudicazione di una gara ad una struttura appartenente alla stessa area politica della quale lei è componente e che governa il Municipio.
    Se l’aggiudicazione è stata corretta, e non ho motivo di dubitarne, perché affidarne la conoscenza agli utenti solo tramite qualche volantino ed un paio di manifesti anziché ricorrere allo strumento pubblico rappresentato dal sito web del Municipio ?

    Ripeto, se le aggiudicazioni avvengono in modo corretto, trasparente, alla luce del sole non scandalizza nessuno il fatto che organismi, società ed anche associazioni sportive-culturali vicine od addirittura fondate da un Consigliere ricevano dal XX Municipio contributi per attività culturali, od appalti per attività sportive a favore del territorio, purchè lo stesso Consigliere si astenga da qualsiasi influenza che nella sua posizione potrebbe esercitare sull’organo aggiudicante e non ricopra incarichi all’interno delle stesse.

    Venendo ora alla dovizia di dettagli economici non richiesti ma che ci ha gentilmente forniti (excusatio non petita accusatio manifesta, direbbe un latinista) mi permetta un paio di dubbi, da dietrologo quale sono.
    Il primo è che le sorti di questa Srl le devono stare comunque molto a cuore, nonostante le sue dimissioni di 18 mesi fa, vista l’accurata analisi di costi e ricavi in suo possesso ed illustrataci.
    Il secondo è che fin dalla pubblicazione della gara era noto che l’appalto valeva 15.000 euro iva compresa. Una Società (spa od srl che sia) nasce con la missione ed il dovere di remunerare il capitale investito, cioè di produrre utili e quando partecipa ad una gara con corrispettivo prefissato, di norma lo fa dopo aver valutato a monte costi, ricavi e benefici (ho qualche esperienza in merito) e quando questi ultimi risultano essere negativi la società, sempre di norma, non partecipa proprio alla gara perché in caso di aggiudicazione farebbe beneficienza anziché produrre utili.
    Dunque, di grazia, cos’ha spinto il CAF UGL Srl ad andare comunque in rosso su questo progetto ? Perché questo si evince dalle sue parole, che il CAF UGL Srl non guadagna un euro nel prestare tale servizio, anzi ci perde.
    Però la sua analisi economica è monca, mi permetta, di un piccolo dettaglio che invece ne modifica la lettura: per ogni pratica gestita, tutti i CAF ricevono un compenso dallo Stato.
    Quindi nel caso specifico, il conto economico si presenterebbe in modo diverso: i 15mila euro non saranno tanti ma servono comunque a coprire tutte i costi mentre i ricavi, quelli veri, provengono dai numerosi nuovi clienti acquisiti (perché per loro il servizio è gratuito) tramite l’appalto pubblico.
    Anche qui nulla di scandaloso, sia chiaro, l’analisi sarebbe la stessa qualunque altro CAF si fosse aggiudicato la gara, ma perchè queste cose non dirle ed invece dipingere la situazione come se il CAF UGL Srl fosse un missionario intento solo a fare beneficienza sul territorio del XX Municipio rimettendoci di tasca propria ?

    Ed ora concludo con un rimbrotto (me lo permetta in virtù dei miei capelli – eufemisticamente- bianchi): è stimolante e gratificante, per Fabrizio, me ed i lettori, vedere che sempre più Consiglieri Municipali accettano di confrontarsi e di mettersi in discussione con i cittadini su questo blog ma per quanto attiene al suo intervento di cui sopra per favore, almeno sulle nostre pagine, non reagisca più alle critiche con offese e minacce di denunce: queste ultime non attengono alla corretta relazione fra eletto ed elettore, il dialogo invece si. Perché Monica ed Annamaria sono elettrici, lettrici e cittadine che hanno espresso liberamente e con sincerità una loro opinione e, vivaddio, per questo vanno rispettate avendolo vieppiù fatto pubblicamente.
    Se deve proprio prendersela con qualcuno se la prenda con me perché la legittima indignazione di Monica ed AnnaMaria è sorta sulla scia di quanto io ho scritto nel precedente commento (basandomi però su atti pubblici così come ho fatto, ne sia certa, nello scrivere queste nuove righe…)

    Tanto le dovevo. Mi auguro che voglia continuare a partecipare ai dibattiti ed ai confronti di questo blog, non so da lei ma dagli oltre 123.000 nostri lettori, tutti residenti nel XX, sicuramente apprezzati.
    I miei migliori saluti.
    Claudio Cafasso

  9. Prendo atto di quanto esposto dai cittadini e di quanto dichiarato dalla Consigliera Casasanta. Mi sembra obbligatorio inserire il tema all’ODG della Commissione Trasparenza al fine di accertare i dati amministrativi e fare un’utile chiarezza per tutti, cittadini e consiglieri.
    Vi aggiornerò.
    Alessandro Sterpa
    Pres. Com. Trasparenza Municipio Roma XX
    Gruppo Partito Democratico

  10. Rinnovo la mia delusione! Leggendo quanto scrive la Consigliera Casasanta non posso che provare grande indignazione. Chiedere trasparenza è forse un reato? aspettarsi un chiarimento dal Presidente del municipio, dal Direttore,dalla Commissione Trasparenza o, se ce ne fosse bisogno, dalla Procura della Repubblica su come vengono spesi i soldi pubblici è forse un reato? Ringrazio il Sig. Capasso che mi ha anticipato nella risposta e concordo con la sig.ra Anna Maria quando dice alla consigliera me ne ricorderò alle prossime elezioni! Non posso che ribadire …che delusione e che vergogna!
    Distinti saluti, Monica.

  11. Mi scusi Dott. Sterpa ma ignoravo che esistesse in ogni municipio la Commissione Trasparenza, con tanto di Presidente.
    Lo apprendo ora dai titoli di seguito alla sua firma.

    A che serve ?

    Ma soprattutto a che serve se deve intervenire dopo le eventuali segnalazioni dei cittadini ?

    Come commissione trasparenza non dovrebbe occuparsi PRIMA di definire regole e modalità per la partecipazione a bandi , concorsi o similari ?

    Come commissione trasparenza non dovrebbe occuparsi anche DURANTE lo svolgimento delle stesse ? Controllando i requisiti dei partecipanti e segnalando poi eventuali anomalie o discordanze ?

    Se la commissione trasparenza se ne occupa dopo e pure su segnalazione credo che non svolga un’attività preventiva e di controllo a monte.

    Se poi per caso non dovessero essere questi i compiti della commissione trasparenza , la pregherei di fornirmi le informazioni relative alla reale occupazione della stessa.
    Grazie

  12. La Commissione Trasparenza interviene ovviamente sia dopo le segnalazioni dei cittadini, sia su propria iniziativa.

    In Municipio sono depositati i verbali della Commissione, che può leggere. Dai verbali può vedere le moltplici attività svolte su mia iniziativa e proposte alla Commissione, ma – ovviamente – la spinta propulsiva dei cittadini è fondamentale.

    Non è una Commissione “Sceriffo” di tipo investigativo, ma si occupa della regolarità amministrativa dei procedimenti nei quali è coinvolto il Municipio, ai sensi della normativa sul procedimento e sull’accesso.

    Per quanto riguarda i bandi del Municipio, l’attività preventiva della Commissione è stata vietata, da una circolare del Segretariato generale su richiesta dalla Giunta di centrodestra, dopo che io avevo chiesto di vedere i bandi prima della pubblicazione.

    Se volesse darmi una mano, ne sarei felice davvero, per convincere la Giunta di Centrodestra dell’importante ruolo della Commissione Trasparenza. Sul sito del Municipio XX trova il regolamento con gli articoli che descrivono la Comm. Trasparenza.

    Se vuole mi telefoni per sapere qualcosa di più specifico.
    Notte.

    Alessandro Sterpa

  13. Caro Sterpa,

    mi dispiace contraddirti ma non è la Giunta di centrodestra che vieta questa o quell’altra cosa ma semplicemente il Segretariato del COMUNE di ROMA (maggioranza di centrosinistra se non sbaglio) ti ha ricordato che esiste un regolamento che deve essere rispettato e che indica le competenze di ogni organo istituzionale.
    Cordialmente,

    Stefano Erbaggi
    Cons. AN Municipio Roma XX
    347-0345297
    stefanoerbaggi@hotmail.it

  14. se la prima volta poteva esserci un qualche equivoco dovuto alla scarsa informazione, adesso dopo la mia dettagliata risposta , la polemica non trova giustificazioni, a meno che, non sia utile e strumentale a qualcuno !
    basatevi su documenti ufficiali perche’ se date anche un altra sola informazione non corretta , o se, continuate ad insistere utilizzando toni offensivi , vi prenderete le relative responsabilita’ legali . Da questo momento, vista la malafede, interrompo ogni forma di comunicazione ed anzi rivolgetevi agli organi competenti perche’ e’ esattamente quello che faro’ io .

  15. aggiungo una sola cosa, sia la Signora Monica che Annamaria dovrebbero lasciare il loro cognome perche’ e’ facile parlare utilizzando l’anonimato . questa si che e’ una vergogna !

  16. Polemica ? Assolutamente estranea alle nostre intenzioni. Noi chiediamo, e non da ora, solo trasparenza (prova ne sono le nostre decine di articoli sul tema), tutto qui.
    Basarci su documenti ufficiali ? E’ quel che facciamo sempre, non c’è un articolo su questo blog che non abbia un link (quando occorre) ad un documento, un atto pubblico da terzi pubblicato. Come nel caso in questione.
    Anche per noi il caso si chiude qui.

  17. Caro Claudio Cafasso non capisco perche solo alcuni commenti rimangono giorni mentre altri vengono cancellati dopo solo 2 minuti ??????????
    A si capisco il tuo sito e a senso unico e fai rimanere solo ciò che ti fà comodo
    MA NON CAPISCO PERCHE I CONSIGLIERI DI CENTRO DESTRA NON SI RENDONO CONTO CHE SEI SCHIERATO A SINISTRA MA PROPIO TANTO TANTO TANTO TANTO
    DOVEDE IGNORARE QUESTO SITO DI COMPAGNI
    VOGLIO VEDERE QUANTO RIMANE QUESTO COMMENTO
    SALUTI FRANCO

  18. Franco , oh franco – come declamerebbe quel comico di zelig – , che succede ?
    Credo che 3 commenti successivi abbiano scatenato la mia curiosità.
    Essendo neofita di questo “spazio” magari ignoro vicende passate.
    C’è qualcosa che non funziona ?
    qualcosa che è stato negato o celato ?
    qualcosa di nascosto che noi frequentatori del blog ignoriamo ma ne siamo inconsapevolmete partecipi ?
    Intanto qusto tuo commento è rimasto abbastanza a lungo perchè io potessi leggerlo.
    E magari come me parecchi altri.
    Il fatto che sia stato pubblicato indica se non altro un rapporto “franco” con i lettori.
    E su questo tipo di rapporto non puoi non essere d’accordo , franco.
    Ti pregherei comunque di non lasciarmi “appeso” ma di spiegarmi i fatti e magari pure agli altri.
    Anche perchè magari non siamo proprio tutti comunisti e magari l’ulivo qualcuno lo apprezza solo dopo averne frantumato i frutti.
    Ma , ti ripeto, se esiste qualche oscuro piano bolscevico , mettimi al corrente.
    Ringrazio anticipatamente.

  19. Spieghiamo ad uso e consumo di Franco e dei lettori. Tempo fa ci vennero proposti su questo articolo tre commenti un po’ “esuberanti” che, pur essendo ognuno con una firma diversa, erano stati proposti dallo stesso indirizzo IP e con lo stesso indirizzo mail rivelatosi poi falso, perché inesistente. Essendo ciò contrario alle regole di questo blog (si veda il disclaimer a piè di pagina) dopo un paio di giorni decidemmo di non pubblicarli ma per quei due giorni rimasero visibili solo a chi li scrisse, oltre che a noi ovviamente.
    Come farà Franco ad esserne a conoscenza ?
    Mah, a voi la risposta.
    Oggi però Franco ci propone 3 nuovi commenti (uno qui e due nella sezione “partecipate”) tutti a sua firma, ed avendo preventivamente verificato, come sempre facciamo, che l’indirizzo mail questa volta è esistente noi li pubblichiamo.
    Perché non si dica che temiamo il confronto.
    Per quanto al contenuto degli stessi per noi è sufficiente un no-comment, non sappiamo per voi.
    VignaClaraBlog

  20. ….attendo ancora pazientemente una spiegazione esaustiva, se a noi umili cittadini, è consentito! Chissà se il presidente, il Direttore, la Commissione Trasparenza o qualche Consigliere di buona volontà, si degnerà di renderci qualche informazione sull’utilizzo dei fondi pubblici? ….aspettando Trasparenza, saluto, Monica.

  21. Ho letto tutti i commenti pubblicati sull’argomento sportello caf del XX Municipio e debbo complimentarmi per la qualità degli interventi del sig. Claudio Cafasso che risultano ben documentati e corrispondenti alla realtà dei fatti. Per completezza di informazione ed a beneficio dei residenti di Cesano è bene che si sappia che a Cesano esiste ed è operante tutto l’anno un centro servizi Caf in via Marino Dalmonte 54 ove è possibile avere tutte le prestazioni di assistenza fiscale compreso l’ISEE (gratuito) che è gestito in totale autonomia senza alcun onere a carico di Comune o Municipio.
    orario martedì e giovedì 16-20 sabato 10-12,30.
    telefonando al 329 08 54 485 è possibile avere un appuntamento in giorni ed orari diversi

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome