Home CASSIA Minacce di morte a Via Mastrigli

Minacce di morte a Via Mastrigli

vignclarablogcomstampa2.jpgRiceviamo dal Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti il seguente Comunicato Stampa che pubblichiamo increduli.

VignaClaraBlog.it, esprime a nome di tutti i suoi lettori, la solidarietà al comitato con la speranza che gli organi competenti affrettino le indagini per bonificare ed espropriare definitivamente l’area evidentemente oggetto di forti interessi economici.

Comunicato stampa del Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti

19 dicembre 2007

Vi comunichiamo che in data odierna, un aderente al Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti ha ricevuto telefonicamente minacce di morte. Riteniamo che tale atto intimidatorio sia riconducibile alla attività svolta dal Comitato nel corso dell’ultimo anno per il ripristino della legalità e per la bonifica di una area posta attualmente sotto il sequestro da parte del giudice Amendola.

E’ stata immediatamente presentata denuncia al Comando dei Carabinieri affinchè si indaghi sul fatto criminoso e perchè siano assicurati alla giustizia i responsabili.

Confidiamo nelle forze di polizia perche’ tale grave atto non resti impunito e diffidiamo eventuali teste calde, tra l’altro facilmente identificabili, a compromettersi in azioni scellerate e sconsiderate.

Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti

Tomba di Nerone – Roma

Visita la nostra pagina di Facebook

10 COMMENTI

  1. Ormai siamo a questo, segno ineluttabile del declino morale in cui sta affondando l’italia.
    Gente senza scrupoli che affrofittando della latenza delle Istituzioni si sente in diritto di fare quel che vuole, arrivando a minacciare di morte chi tenta di riappropriarsi di un diritto fondamentale, quello alla salute.
    Spero che quest’ultimo, gravissimo atto, risvegli le coscienze anestetizzate di chi dovrebbe vigilare.

  2. Che vergogna.
    Siamo arrivati alle minacce. Ora vediamo cosa faranno le autorità. Speriamo che la vicenda si chiuda in fretta. In questo modo potremo restituire la serenità agli abitanti di Via Mastrigli.

  3. Mi sembra allucinante che si possa essere minacciati di morte per un impegno “civile”.
    O si tratta di una pessima “burla” ma se non lo fosse , si tratterebbe di qualcosa di molto grave.
    Nel senso che :
    Non è che andando avanti nel “ripulire” l’area si troverebbero rifiuti con la firma ?
    Ossia “cose” dalle quali si potrebbe risalire a chi ha commesso l’atto delinquenziale ?
    Non è che aspettando aspettando ( cosa non si sa ) , all’improvviso scoppia un mega incendio che “cancella” tutto ?
    Le Autorità ( o sedicenti tali ) cosa stanno attendendo ?
    Di quali autorizzazioni e timbri non sono ancora in possesso ?
    Quale è la firma che manca ?
    Eppure è tutto lì , in attesa di essere smaltito.
    Quanto poi alle bombole di gas che vengono usate nel residence-lager, costituiscono certamente un grosso problema e pericolo.
    Ma ben più grosso problema sarebbe per le Autorità ( o sedicenti tali ) andare a mettere il naso in un posto con un tasso di clandestinità e promiscuità ( ed altro ancora ) decisamente cospicuo.
    Uno magari si potrebbe chiedere perchè fino ad ora non hanno visto o hanno fatto finta di non vedere.
    Ma poi dove li mettono ?
    O che fanno gli portano il gas ?
    O li costringono alla piastra elettrica in cucina ?
    Meglio continuare a far finta di nulla ( per loro ) !
    Eppoi questi tutti questi problemi, tutti insieme , la discarica , le bombole , i clandestini e volete pure una soluzione immediata e mica stiamo in prossimità delle elezioni !
    Buone Feste.

  4. Vorrei ringraziare sentitamente ed esprimere la mia solidarietà a chi si sta adoperando in prima persona per cercare di risolvere i problemi inerenti alla discarica abusiva di via Mastrigli, e per questo è stato oggetto di minacce.
    Mi auguro vivamente che in questo paese si possa ancora denunciare una situazione di degrado e di scempio ecologico, e rivendicare il sacrosanto diritto alla salute, senza dover rincasare con il sospetto che qualcuno ci aggredisca alle spalle!!

    Spero che le autorità competenti intervengano tempestivamente.(anche se ne dubito fortemente, dato che avrebbero dovuto e potuto farlo più volte negli anni passati e nulla è accaduto).

    Riprenderanno mai i lavori di sgombero della discarica ?

    Cosa stanno aspettando?

    La sensazione è quella di essere “cornuti e mazziati”.

    L’augurio è quello di essere smentiti.

  5. Sono veramente indignata e preoccupata per le minacce di morte ad uno di noi. E’ il momento che, chi è preposto a difendere noi cittadini faccia tutto il possibile per tutelarci e rendere inoffensive persone che, visti i fatti, tanto civili e perbene non sono.
    E’ chiaro comunque che noi ci sentiamo già aggrediti dalla costituzione della discarica abusiva e riteniamo corresponsabili il XX Municipio e del Comune di Roma che hanno permesso che potesse verificarsi una bruttura del genere.

  6. Piena solidarietà da parte mia per il grave gesto da non sottovalutare.
    Speriamo che il magistrato sblocchi la situazione in tempi rapidi.

  7. Questa inquietante vicenda della minaccia di morte a uno di noi non mi trova disarmato, era evidentemente prevedibile che furbetti del quartiere, colpiti nel loro orgoglio delinquenziale, potessero ricorrere all’atto intimidatorio. Oltre alla solidarietà già espressa personalmente e che rinnovo in questo blog, mi vengone nella mente alcune pensieri.
    Vi è evidentemente una (cor)responsabilità delle istituzioni, del XX gruppo dei vigili urbani, del XX municipio, delle forze pubbliche, tutti a conoscenza dello sciempio, del degrado, dei soprusi, della illegalità globale che regna nel residence. L’immobilità delle istituzioni competenti, nonostante gli esposti e le segnalazioni che da anni gli abitanti del villaggio dei cronisti regolarmente fanno, ha fatto sorgere dei sospetti circa l’ipotesi di connivenze e interessi, verosimilmente radicati anche all’interno delle istituzioni pubbliche e che di fatto hanno impedito il rispetto della legalità. Anche questi personaggi sono (cor)responabili delle minacce di morte ricevute da uno di noi.
    L’insopportabilità di una situazione a grave rischio sanitario ha scatenato la normale reazione dei cittadini, aggregati attorno ad un comitato, che ha fatto sentire la propria voce. Evidentemente le intimidazioni ci rafforzano come dimostrano alcuni commenti pubblicati. E non solo. Da oggi chiediamo che tutti gli atti relativi alla discarica e al residence vengano rese pubbbliche, tutte le autorizzazioni che riguardano gli abusi edilizi, i mancati controlli e verifiche delle denunce, vogliamo sapere tutto e soprattutto vogliamo che si faccia giustizia. Organizzeremo controlli più accurati, vigileremo attentamente sulle istituzioni e sul residence, useremo ogni mezzo a nostra disposizione per aggiornare i cittadini. Non ci fermiamo nè ora nè mai più. La nostra è una lotta di civiltà, di tutela dei diritti e di rispetto della legalità. Ci aspettiamo risposte concrete e rapide da parte delle istituzioni competenti.

  8. Attenzione.
    Caro “membro del comitato”, VignaClaraBlog vi è stato vicino dal primo giorno, dunque capiamo l’esasperazione del caso, soprattutto dopo la vigliacca minaccia telefonica.
    Ma è necessario un nostro intervento di moderazione.
    Su queso blog tutto è lecito tranne i casi elencati nel disclaimer a fondo pagina perchè non fanno parte del vivere e del discutere civilmente.
    Abbiamo pubblicato il tuo commento perchè non amiamo a priori la censura, vieppiù su un fenomeno eclatante come quello di via Mastrigli, ma ti ricordiamo che la responsabilità dei suoi contenuti ricade in capo a chi li ha scritti.
    Affermare (o semplicemente sospettare pubblicamente) la connivenza di pubblici amministratori senza documentarla è pura diffamazione e questo non possiamo accettarlo.
    Avvertiamo dunque che non saranno più pubblicati ulteriori analoghi commenti, perdipiù anonimi, che siano o no ispirati da uno giusto sdegno.
    Claudio Cafasso
    corresponsabile di VignaClaraBlog.it

  9. Disinteresse, omissione, carenza di risorse o sospetto di connivenze …io so solo che il degrado cui assistiamo quotidianamente dipende da qualcuno che ha sottovalutato le denunce dei cittadini. Non voglio diffamare nessuno, rispetto il difficile lavoro degli amministratori pubblici, ma chi rispetta gli onesti cittadini?
    Auguri ai responsabili e collaboratori di VignaClaraBlog, ai cittadini del comitato, agli onesti amministratori della cosa pubblica.
    Che all’improvviso nel 2008 succeda qualcosa come un miracolo!
    Juan

  10. Cari residenti di Via Mastrigli
    vi rammento che esiste una legge che vi permette di accedere agli atti pubblici.
    Se ritenete che ci siano state delle irregolarità accedete agli atti pubblici e carte alla mano denunciate il tutto. Noi saremo al vostro fianco.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome