Home AMBIENTE Via Orti della Farnesina: ancora dell’eterno cantiere

Via Orti della Farnesina: ancora dell’eterno cantiere

cantiere.jpgSiamo stanchi di parlarne ma non ne possiamo fare a meno. Di cosa ? Del cantiere ubicato nel quadrilatero via Orti della Farnesina, via dei Giochi Istmici, via del Golf e via dello Sci che da ben 26 mesi ha scippato una piazza ai residenti, ha ostruito, per circa 50 metri, due terzi della carreggiata di via Orti della Farnesina creando notevoli disagi al traffico, ha inquinato, dal punto di vista acustico ed ambientale, la zona. Per far cosa ? per costruire un parcheggio interrato su suolo pubblico di 70 box pertinenziali che, essendo notoriamente usati solo di notte, non risolveranno né il problema del traffico né quello del parcheggio della zona .Ne abbiamo parlato a Maggio, poi a Luglio, Agosto, Settembre ed infine ad ottobre pubblicando alcune foto che dimostravano lo stato di stallo dei lavori. Ma perché ne riparliamo oggi, ci sono novità?

Ebbene si, da qualche giorno il parcheggio viene usato. Sono state infatti aperte le rampe di accesso e di uscita e gli ingressi pedonali. Abbiamo visto delle auto entrarvi e delle persone uscirvi. Tutto lascia pensare quindi che i box siano stati “rogitati”e che i proprietari ne siano entrati in possesso.

Lavori finiti dunque ? Assolutamente no. La superficie è ancora un cantiere aperto, non si vede traccia delle opere di riqualificazione, del verde, dei giardini e del parco giochi: insomma il progetto della nuova piazza, promesso sulla carta ai residenti, è ancora e solo sulla carta e chissà per quanto ancora ci resterà. Ma nel frattempo la ditta costruttrice sta concretizzando i suoi interessi. Ed ai nostri chi pensa ?

A Settembre, dopo aver coinvolto anche il Difensore Civico,ricevemmo una lettera da parte del Direttore dell’Ufficio Tecnico del XX Municipio nella quale presumendo e sperando che i citati lavori, senza altri inconvenienti, verranno ultimati nel più breve tempo possibile ci rassicurava sul buon andamento degli stessi: peccato che dopo 3 mesi la situazione sia ancora quella descritta, con l’unica differenza che nel frattempo alcuni box sono già in uso (ma i Vigili del Fuoco avranno rilasciato la certificazione di avvenuto collaudo ?) ed il forte timore dei residenti è che, firmato l’ultimo rogito, la ditta lasci la piazza così com’è.

E allora chiediamo: ma prima di autorizzare l’apertura e l’uso del parcheggio l’Istituzione competente (Comune ? XX Municipio ?) non doveva e non poteva pretendere l’ultimazione dei lavori ? Sappiamo già che la domanda resterà senza risposta, come lo sono rimaste tutte quelle precedenti sullo stesso argomento, ma noi cocciutamente la poniamo lo stesso.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Ottima insistenza. Un appunto però: i posti auto “pertinenziali” tolgono auto dalla strada, prima o poi, di giorno o di notte… ma le tolgono!

    Se la sosta abusiva e d’intralcio fosse sanzionata e adeguatamente repressa il traffico sarebbe assai meno problematico. Basta volerlo fare.

  2. è vero, Camillo, quel che dici: i posti pertinenziali tolgono le auto dalla strada, soprattutto di notte. cerco pero’ di spiegare meglio il pensiero dell’affermazione fatta nel mio servizio: visto che il parcheggio viene realizzato su suolo pubblico, quindi di tutti, ritengo che quota parte dell’area poteva essere destinata non a box ma a posti auto rotazionali, anche a pagamento, favorendo il parcheggio estemporaneo a servizio di chi si avvale delle attività commerciali primarie che insistono sulla piazza (farmacia, alimentari, lavanderia etc) evitando in tal modo l’inevitabile sosta in doppia fila ed il conseguente intralcio al traffico. ma ovviamente (e qui scatta la mia malignità) la superficie di ogni due posti auto rotazionali è pari, l’un per l’altro, ad un box in meno da vendere…. ed il business, come lo show, must go on. ma tant’è. che almeno ci ridiano la piazza più bella e più pulita di pria !

  3. Sacrosanto. Ma dovrebbe essere l’Ente concessorio a rendere obbligatoria una clausola simile… ma è chiedere troppo fare ciò per cui si è eletti? Il pubblico interesse?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome