Home ATTUALITÀ Multe pazze a Roma: atto secondo

Multe pazze a Roma: atto secondo

Della Gerit Spa e delle multe pazze ne abbiamo già parlato il 18 Ottobre ma è intervenuto un fatto nuovo che ci suggerisce di parlarne ancora.

aulagiuliocesare.jpgE’ notizia di questi giorni che il Consiglio del Comune di Roma ha approvato col voto unanime di tutti i consiglieri una mozione con la quale si chiede perentoriamente al Sindaco la sospensione di tutti gli atti esecutivi (relativamente alle sole multe elevate da qualsiasi ufficio che faccia riferimento al Comune di Roma) inviati dalla società Gerit SpA ai cittadini romani fino alla verifica e definizione certa di ogni singolo caso alla quale dovrà seguire l’eventuale conseguente cancellazione. La mozione chiede anche che ai cittadini risultanti avere delle posizioni pendenti siano inviati dei semplici avvisi contenenti solo un invito a presentarsi presso gli sportelli della GERIT per chiarire il proprio caso.

gerit.gifLa mozione chiede inoltre che la GERIT aumenti i propri uffici in proporzione di uno ogni municipio, che vengano stabiliti dei veri e propri livelli di servizio il cui risultato dovrà essere mensilmente verificato e dispone che il Comune di Roma realizzi al più presto un sistema integrato di dati che consenta il collegamento on-line tra gli archivi informatici dell’Ufficio del Giudice di Pace, della Prefettura e del Comune stesso con l’obiettivo di aver un visione completa, aggiornata ed univoca dell’iter amministrativo di una sanzione.

Un grande passo avanti quindi verso la soluzione di un caso che ha assunto fin dal 2006 e poi nel corso del 2007 enormi proporzioni: migliaia di atti fra fermi auto, ipoteche sulle case, prelievi forzati dai conti correnti si sono infatti abbattuti sulle spalle dei cittadini in tale periodo.

La GERIT SpA si trincera dietro il fatto che eventuali errori sono a monte del suo operato e che vanno ricercati nella elevata difettosità degli enti impositori e nell’aver ereditato un enorme arretrato, viziato da gravi errori e inadempienze, dal vecchio Concessionario delle imposte romane come ha dichiarato proprio questa sera il dr Enzo Leone, Amministratore Delegato GERIT, alla trasmissione televisiva “mi manda rai tre” nella quale sono stati presentati casi, anche recenti, al limite dell’assurdo.

Ora non resta che attendere che il Sindaco di Roma traduca in atti e fatti concreti la volontà espressa dal Consiglio documenti.jpgComunale con la mozione di cui sopra e che l’Ufficio Contravvenzioni del Campidoglio venga dotato di strumenti e personale a sufficienza per ripulire in fretta gli elenchi dei debitori distinguendo quelli veri da quelli falsi: sembra infatti che ancora migliaia di multe annullate dal Prefetto e dai Giudici di Pace negli ultimi sei anni siano rimaste prigioniere del caos nei ruoli di riscossione del Comune (chi scrive ne sa qualcosa per esperienza personale).

Bando allo sconforto dunque, gli ultimi pesanti interventi del Difensore Civico, dell’Assessore al Bilancio del Comune, delle associazioni a difesa dei consumatori, del Prefetto di Roma e non ultimo del Consiglio Comunale stanno facendo intravedere l’uscita da questo tunnel kafkiano.

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Mi chiamo Fabio Massimo Carnicelli e sono anche io una vittima delle cartelle esattoriali impazzite della GERIT.
    Ho partecipato al programma televisivo “Mi manda Raitre” il 2 Novembre come parte lesa chiedente spiegazioni alla GERIT. Secondo voi le spiegazioni fornite dall’amministratore delegato della GERIT e dal direttore di produzione sono state esaurienti? Dite la vostra sul mio blog:

    http://blog.libero.it/vivaverdi

    Uniamoci e combattiamo il mostro che vuole rubarci la casa ed i risparmi

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome