Home AMBIENTE L’inefficienza dell’AMA che il cittadino paga

L’inefficienza dell’AMA che il cittadino paga

Vigna Clara Comunicati StampaIn relazione al pagamento della tassa sui rifiuti urbani, in scadenza in questi giorni, pubblichiamo il seguente comunicato stampa congiunto del Capogruppo di AN del XX Municipio, Ludovico Todini, e del Consigliere Giovanni del Prete del III Municipio: ”L’inefficienza dell’Ama  è sotto gli occhi di tutti. Cassonetti nuovi impraticabili e già rotti, mancata igienizzazione e lavaggio dei contenitori, spazzamento delle strade occasionale e non puntuale, ritardi nella raccolta differenziata, posizionamento errato dei contenitori, perfino a ridosso di posti auto per disabili, derattizzazioni e disinfestazioni carenti se non mai attuate. La bolletta TA.RI è composta di una parte fissa, uguale per tutti i cittadini, ed una variabile. La parte fissa riguarda i servizi di raccolta a seguito di conferimento, la variabile, invece, è relativa agli interventi di spazzamento strade, igienizzazione e lavaggio cassonetti, nonché dipende dal numero di componenti il nucleo familiare ed i metri quadri dell’abitazione. Ma su tale bolletta non è indicata la frequenza e la determinazione degli interventi, tanto da non rendere noti i servizi effettivamente resi ai cittadini. Inoltre, è stato segnalato che i camion della raccolta rimuovono il contenuto differenziato ed organico nella stessa vasca. Sulla vicenda – concludono Todini e Del Prete – presenteremo un esposto alla Procura della Repubblica e pretenderemo che la bolletta sia completa con la specifica degli interventi, tanto da ridurre la quota variabile per i cittadini che non ricevono il servizio, ma lo pagano. In ultimo è ingiustificata la combinazione mq-nucleo familiare. Un single in 1000 mq, produce meno rifiuti di 4 persone in 100 mq. Ma paga di più il single. E’ semplicemente assurdo “.
(Per contatto diretto: Ludovico Todini  3474990889 Giovanni Del Prete 3358412638)

un video sui disservizi AMA

2 COMMENTI

  1. apprezzo l’iniziativa del consigliere Todini e vorrei suggerirgli di indagare con l’AMA che fine hanno fatto le famose kamoto (motoaspiranti in grado di assicurare il servizio di rimozione degli escrementi canini dai marciapiedi). Nella nostra zona di Vigna Clara, Ponte Milvio e strade attigue non se ne è vista mai una all’opera. Eppure da due anni in qua sono pubblicizzate nel sito dell’AMA come la panacea per risolvere il problema. Viene da pensare che anche questo sia stato un bluff dell’Ama-Roma che Roma non ama, nel senso che l’AMA non ama Roma e Roma non ama l’AMA… scusate il bisticcio di parole…

  2. Gentile Carlo Alberto,
    lunedi scriverò una lettera all’AMA perchè ci fornisca la relazione degli interventi effettuati dalla kamoto nel territorio del XX Municipi, con la relazione dettagliata quartiere per quartiere. Vediamo cosa rispondono e soprattutto la veridicità.
    Il problema di fondo è che non programmano gli interventi, ovvero se li programmano non rendono noti questi programmi. Anch’io ho bisticciato un pò!

    Comunicherò al blog le iniziative.
    Cordialmente
    Ludovico Todini

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome