Home AMBIENTE A Luglio sgombero del campo nomadi a Saxa Rubra

A Luglio sgombero del campo nomadi a Saxa Rubra

Vigna Clara Comunicati StampaRiceviamo da Francesco Scoppola il seguente comunicato stampa che pubblichiamo volentieri:

Sicurezza, Touadì: a Luglio sgombero del campo nomadi a Saxa Rubra
incontro in Regione sui problemi del XX Municipio

Lo smantellamento a luglio del campo nomadi di Saxa Rubra e, per la prima volta, la messa in stato di sicurezza dell’area. Un maggior impegno nel campo della mediazione sociale sul territorio.

Un tavolo tra Comune, Regione, enti pubblici quali la Rai e aziende di servizio quali Acea, Anas e Cotral per monitorare il rispetto del contratto di servizio e per chiedere la manutenzione delle aree di proprieta’.

Il tutto in attesa che fra tre mesi circa gli insediamenti abusivi presenti tra Saxa Rubra e Prima Porta vengano trasferiti tutti in uno dei quattro villaggi della solidarieta’ per i quali il comune sta studiano la collocazione.

Sono queste le soluzioni individuate oggi durante l’incontro tra la Commissione sicurezza della regione Lazio presieduta da Luisa Laurelli e l’omonimo assessorato capitolino rappresentato all’assessore Jean Leonard Touadì in merito alla grave situazione della sicurezza nel XX Municipio.

L’incontro, al quale hanno partecipato, oltre a Laurelli e Touadi’, i consiglieri regionali Peduzzi, Pizzo, Prestagiovanni e Carapella (e i rappresentanti dei comitati locali), e’ stato organizzato per trovare una soluzione ai gravi problemi che affliggono i quartieri dell’area: insediamenti abusivi di Rom ed extracomunitari, carenza di servizi, prostituzione e delinquenza diffusa con particolare incidenza dei cosiddetti reati predatori, ossia scippi e furti.

“Per uscire da questa situazione- ha spiegato Touadì- credo che il Piano per la sicurezza e la reazione dei quattro villaggi della solidarieta’ siano una soluzione.

Nel frattempo, pero’, dobbiamo attuare interventi di ordinaria gestione attraverso un percorso che migliori anche le piccole cose. Ad esempio- ha continuato l’assessore- potremmo allestire in breve tempo un sistema di monitoraggio del rispetto dei contratti di servizio da parte di Anas, Acea e Cotral”.

Un modo, ha ricordato Touadi’, per migliorare i servizi nel territorio del Municipio -come illuminazione pubblica e trasporti- la cui carenza e’ spesso concausa del degrado dell’area.

E’ stata accolta, “con spirito di collaborazione interistituzionale- ha ricordato Touadi’- e tra diverse forze politiche” la proposta del consigliere di An Bruno Prestagiovanni sull’apertura di un tavolo con i gestori dei servizi, ma anche con la Rai, per la manutenzione delle aree di proprieta’ spesso in stato di degrado e quindi terreno fertile per la costruzione di insediamenti abusivi.

L’assessore capitolino alla Sicurezza, infine, prima di accettare l’invito di Laurelli circa la calendarizzazione di altri incontri simili alla Pisana, ha spiegato a quale situazione migratoria sta facendo fronte oggi la Capitale: “A causa di un eccezionale aumento dei flussi migratori, accentuato dall’entrata nell’Ue di Romania e Bulgaria, le ondate di immigrazione rischiano di mettere per la prima volta in crisi il sistema di accoglienza di Roma”.

“L’aggressione quantitativa e’ tale da mettere a rischio la capacita’ di Roma di reggerne l’impatto- ha spiegato Touadi’- E questa ondata si riflette su molte aree periferiche come il XX Municipio con cifre che ormai vanno al di la’ dei calcoli statistici che spesso non fotografano la realta’.

Essi si basano, infatti, sul numero di denunce effettuate ma sappiamo bene che se i livelli di reati e sfiducia crescono non tutti denunciano in Questura i reati che hanno effettivamente subito”.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome