Home POLITICA Lettera Morta

Lettera Morta

rifiutata.jpgLeggendo le varie risoluzioni del XX municipio mi sembra di capire che gran parte restino lettera morta.
Tre esempi su tutti:

  1. La risoluzione 54 del 2003 “risolveva” di chiedere al IX e X Dipartimento del Comune di Roma di revocare le autorizzazioni concesse in merito all’installazione dell’edicola nell’area cani di Via dell’Alpinismo.
    RISULTATO: L’edicola è stata costruita nel parco dei Cani di via dell’alpinismo. Scarica risoluzione
  2. La risoluzione 62 del 2003 risolveva di chiedere al XX Gruppo di Polizia Municipale di istituire il doppio senso di marcia su Via Zandonai nel tratto compreso tra Via del Nuoto e Via Liuzzi.
    RISULTATO: la viabilità è rimasta la stessa.Scarica risoluzione
  3. La risoluzione 1 del 9 gennaio 2007 Richiedeva il doppio senso di marcia Via cassia Antica.
    RISULTATO: è stato espresso parere negativo.

Il risultato è comunque lo stesso. Siamo ignorati come cittadini e mi sembra poco considerati anche come XX municipio.

Chiediamo pertanto ai nostri amministratori:

  1. di tenerci informati sull’andamento delle risoluzioni
  2. di coinvolgerci maggiormente nelle loro scelte
  3. di chiederci un aiuto per attuare specifiche e civili forme di protesta.

Questo Blog è a loro disposizione.

Chi decide e chi paga siamo noi.

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. La prima risoluzione che metti in evidenza forse ha avuto lo stesso esito della terza: il Comune (o il dipartimento dello stesso) avrà dato parere negativo e perciò la risoluzione è andata a farsi benedire, ma questo non è neanche tanto colpa del Municipio…e qui mi colleggo a quello che dici te.
    Siamo poco considerati? Ricordati pur sempre che il Comune, Provincia e Regione sono in mano al centrosinistra, così come gli altri 18 municipi, mentre il nostro è l’unico di centrodestra…..ci sarà forse sotto una bella motivazione politica? Ovviamente sì. Quindi tocca darsi da fare e cercare di ottenere il più possibile come cittadini e chiedere lo stesso ai nostri consiglieri del Municipio XX.

    Colgo l’occasione cmq per fare ancora i complimenti a questo blog, perchè sto scoprendo ancora cose nuove anche in zone che conosco bene e perchè noto una buona partecipazione dei cittadini.
    Forza, diamoci da fare!

  2. No Pierluigi, a mio avviso non è (solo) un problema di ostruzionismo politico; sono un discreto conoscitore del funzionamento della macchina amministrativa e posso dirti che la lentocrazia ha un suo forte peso in queste situazioni. Lo dice anche il Cons.Erbaggi in un altro commento di questo blog (vedi caso via Belloni): una volta fatte approvare una risoluzione in consiglio municipale, il consigliere propositore deve farsi parte attiva per seguirne assiduamente l’iter amministrativo altrimenti la stessa viene imbrigliata nei lacci e lacciuoli della burocrazia e lì si ferma. E’ quindi nella forza, nella caparbietà o nella capacità del singolo consigliere municipale, o del gruppo politico a cui appartiene, che sta il successo di un’iniziativa a favore del territorio. Certo, tutto ciò costa fatica e tempo mentre, a volte, per incassare
    un risultato politico, basta dimostrare (o vantarsi) di aver fatto votare una risoluzione anche se poi rimane lettera morta (ma non vorrei così essere troppo maligno…). Ma qui entrano in gioco i cittadini , come noi, che vogliono avere un ruolo attivo nella gestione della cosa pubblica e gli strumenti per farlo non mancano: già scrivere su questo blog è un fatto concreto; esiste poi un Difensore Civico a cui poter segnalare (anche via mail) le disfunzioni amministrative, esiste un URP del Municipio cui chieder conto (anche via mail) delle cose non fatte (e fornire una risposta in tempi e modi precisi è obbligo di legge), esistono le associazioni di zona, etc etc. Raccolgo volentieri il tuo invito, diamoci da fare ! Da dove cominciamo ? Io direi dal ripristino del doppio senso di marcia su via Cassia antica.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome