Home ATTUALITÀ I fantasmi di Roma di Fabrizio Falconi

    I fantasmi di Roma di Fabrizio Falconi

    La storia della città eterna attraverso i suoi misteri, le sue inquietanti presenze, le sue figure spettrali

    ArsBiomedica

    Lo spirito di Messalina, le ombre che frequentano le catacombe cristiane, i celebri spettri di Beatrice Cenci e Lucrezia Borgia o altri meno conosciuti come la bella Costanza De Cupis. E poi i fantasmi di Shelley e Keats fino alle ossessioni di Dario Argento.

    Con I fantasmi di Roma” Fabrizio Falconi ripercorre la storia millenaria della città dei papi e degli imperatori da un punto di vista insolito, attraverso i racconti dei suoi fantasmi e delle sue presenze occulte.

    Continua a leggere sotto l‘annuncio

    Ne emerge una Roma dai tratti magici, legata alle religioni e ai riti misterici del passato, alla tradizione etrusca, ai culti orientali, ai primi riti cristiani.

    Si parte dai fantasmi che si dice infestino i teatri della città antica e imperiale, per passare a quelli creati dai roghi e dai processi della Santa Inquisizione, e arrivare infine ad alcune presenze più vicine a noi: una finestra su una Roma esoterica misteriosa, inquietante e dal fascino sorprendente. 

    Tra i fantasmi di Roma la storia infelice di Berenice, l’amante dell’imperatore Tito, e del suo fantasma; la notte delle streghe e il fantasma di Salomè al Laterano; il fantasma di Donna Olimpia Maidalchini, la Pimpaccia, la donna più temuta di Roma; Beatrice Cenci, il più famoso fantasma di Roma fino ai fantasmi di Emmeline e di Lord Allen e Villa Stuart. Già, perché forse non tutti sanno che Villa Stuart, la famosa casa di cura sulla Trionfale nel mezzo della Riserva Naturale di Monte Mario, una volta era una “casa stregata”

    Le altre nostre recensioni

    Libri per lei e libri per lui recensiti da noi

     

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome