Home CRONACA Cesano, 17enne segregata e violentata per 2 anni: prima condanna

Cesano, 17enne segregata e violentata per 2 anni: prima condanna

condanna
Roma Nord: I Quartieri Emergenti e Le Opportunità da Non Perdere

Era il 27 maggio del 2021 quando, approfittando di un momento di distrazione dei suoi aguzzini, lei riesce a fuggire. In strada incrocia un passante, gli chiede aiuto, viene accompagnata alla locale Stazione dei Carabinieri che pongono fine all’incubo di cui è stata vittima per due anni.

Due anni nel corso dei quali è stata segregata, costretta a subire violenze e abusi sessuali da parte di due pachistani. Uno, di 27 anni, era il suo fidanzato; l’altro, di 37 e con numerosi precedenti penali, un parente del primo. Lei, la vittima, una ragazza tedesca di 19 anni, ne aveva 17 quando comincia la sua triste vicenda. Il tutto accade nelle campagne di Cesano, estrema periferia di Roma Nord.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

La giovane lascia la Germania nel 2019 – allora era minorenne – insieme al fidanzato per giungere in un agriturismo con maneggio di Cesano dove lui trova lavoro come stalliere, grazie al parente, e dove entrambi trovano alloggio. Alloggio che poco dopo si trasformerà in una prigione.

Quando lei compie 18 anni qualcosa infatti cambia: i due non vogliono che esca da sola. Può andare a fare la spesa solo accompagnata dall’allora fidanzato. I due le distruggono il cellulare e le tolgono i documenti. Quando lei rimedia un altro cellulare i due la rinchiudono in camera da letto. Iniziano le brutalità, poi le violenze fisiche, poi sessuali. Le fanno mettere vestiti lunghi per nascondere i lividi. Finché, quel 27 maggio del 2021, riesce a fuggire e a farsi accompagnare dai Carabinieri che, raccolta la testimonianza, si recano subito sul posto trovando e arrestando i due aguzzini.

Ieri si è tenuto il processo. il 29enne è stato condannato con rito abbreviato in via definitiva per violenza sessuale, sequestro di persona, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia aggravati dal fatto che la vittima fosse minorenne. L’altro, il 39enne, è ora a processo con le stesse accuse. Lei, dopo l’arresto, è tornata a vivere in Germania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome