Home adnkronos ultim'ora Usa-Cina, Biden: “Progressi importanti” con Xi. Ma resta il nodo Taiwan

Usa-Cina, Biden: “Progressi importanti” con Xi. Ma resta il nodo Taiwan

Galvanica Bruni

(Adnkronos) – Gli Stati Uniti e la Cina riprenderanno le comunicazioni militari dopo un lungo periodo di silenzio radio, ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dopo il faccia a faccia con il leader cinese Xi Jinping, definendolo un passo “importante”. “Siamo tornati a comunicazioni dirette, aperte, chiare e dirette”, ha detto Biden per il quale durante questo incontro sono stati fatti “progressi importanti” durante questo incontro. Ma il nodo Taiwan resta. “Errori vitali da una parte o dall’altra possono causare problemi reali e concreti con un Paese come la Cina o qualsiasi altro Paese importante”, ha sottolineato Biden.  

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Secondo la Casa Bianca, durante l’incontro Biden ha anche insistito sul mantenimento della “pace e della stabilità” nel Mar Cinese Meridionale. “Per quanto riguarda Taiwan, il presidente Biden ha sottolineato che la nostra politica di una sola Cina non è cambiata ed è stata coerente attraverso i decenni e le amministrazioni”, ha dichiarato la Casa Bianca in un resoconto dell’incontro. “Ha ribadito che gli Stati Uniti si oppongono a qualsiasi cambiamento unilaterale dello status quo da entrambe le parti, che ci aspettiamo che le differenze tra le due sponde dello Stretto siano risolte con mezzi pacifici e che il mondo ha interesse alla pace e alla stabilità nello Stretto di Taiwan”. Biden ha anche “invitato alla moderazione” nell'”uso dell’attività militare da parte della Cina all’interno e intorno allo Stretto di Taiwan”, ha dichiarato la Casa Bianca. 

Il presidente Usa ha quindi chiesto al leader cinese di ”rispettare il processo elettorale a Taiwan”, affermando che ”Taiwan è la questione più pericolosa nei rapporti tra Stati Uniti e Cina”. Xi, dal canto suo, ha affermato che ”la Cina realizzerà la sua riunificazione e questo obiettivo non può essere fermato”. E ha chiesto a Biden di ”smetterla di armare Taiwan, di onorare il suo impegno a non sostenere l’indipendenza di Taiwan e sostenere la riunificazione pacifica della Cina”. 

Durante lo scambio con Biden, Xi avrebbe espresso inoltre la preoccupazione che la questione di Taiwan sia il conflitto più grande e potenzialmente più pericoloso nelle relazioni tra Stati Uniti e Cina. 

Il presidente cinese Xi Jinping ”è un dittatore”, ha detto tra le altre cose Biden nel corso di una conferenza stampa al termine dell’incontro con Xi. ”E’ un dittatore nel senso che governa un Paese comunista, basato su una forma di governo totalmente diversa dalla nostra”, ha detto il presidente Usa che ha chiesto al leader cinese Xi Jinping di usare la sua influenza per cercare di calmare le tensioni globali e in particolare per cercare di fare pressione sull’Iran, affinché non allarghi il conflitto tra Israele e Hamas. Nell’incontro durato quattro ore, è stato Biden a parlare soprattutto a Xi del conflitto in Medioriente, mentre il leader cinese ha ascoltato, come riferito da un funzionario americano. 

Una lotta commerciale, accuse di spionaggio, tensioni su Taiwan e la posizione della Cina nella guerra in Ucraina hanno incrinato i rapporti tra Usa e Cina. Ma nel complesso, gli Stati Uniti sono intenzionati a indirizzare le relazioni in una direzione ordinata e a evitare che la feroce competizione sfoci in un conflitto vero e proprio. A Pechino, la portavoce del ministero degli Esteri Mao Ning, ha dichiarato questa settimana che la Cina vuole riportare le relazioni su un “percorso stabile”. Anche le droghe illecite provenienti dalla Cina erano all’ordine del giorno e i leader hanno concordato di riprendere “la cooperazione bilaterale per combattere la produzione e il traffico di droghe illecite a livello globale, comprese le droghe sintetiche come il fentanil”, ha dichiarato la Casa Bianca. 

I due leader hanno anche discusso di cambiamenti climatici, con Bident che ha dichiarato che Washington “è pronta a collaborare con (la Cina) per affrontare le sfide transnazionali, come la sicurezza sanitaria e il debito e la finanza climatica nei Paesi in via di sviluppo e nei mercati emergenti”, ha dichiarato la Casa Bianca. Washington e Pechino hanno entrambi ribadito gli obiettivi dell’Accordo di Parigi del 2015, un trattato che mira a contenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2 gradi Celsius – e se possibile di 1,5 gradi – rispetto ai livelli preindustriali. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte ADN Kronos

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome