Home adnkronos ultim'ora Guerra Israele-Hamas, Conte: “È l’ora del coraggio per Italia e Ue”

Guerra Israele-Hamas, Conte: “È l’ora del coraggio per Italia e Ue”

ArsBiomedica

 

(Adnkronos) – “Per noi questa è l’ora del coraggio, è l’ora che i governanti, e quindi l’Italia e l’Unione Europea, si assumano la responsabilità di rappresentare i valori occidentali che non significa proseguire guerre, significa impostare negoziati di pace”. Così il leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte sprona i governi, a partire da quello di Giorgia Meloni, a mobilitarsi. “Questo vale per il conflitto russo ucraino e per il conflitto palestinese”, chiarisce Conte a margine dell’assemblea del M5S Lazio al Teatro Italia.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

E attraverso il social X l’ex premier denuncia “la pavidità della politica sulla strage che si sta consumando a Gaza è vergognosa. Oltre 10 mila morti, per buona parte donne e bambini. Bombardamenti continui, che non risparmiano abitazioni civili e ospedali. Non possiamo tacere – esorta -. Non siamo noi i depositari dei ‘valori occidentali’, i supremi cultori dello Stato di diritto, i massimi difensori del diritto internazionale umanitario? Rompiamo il silenzio: Governo, Ue e comunità internazionale si adoperino per imporre un immediato cessate-il-fuoco nella Striscia di Gaza.

Dal Teatro Italia Conte interviene poi anche sulle questioni di politica interna e attacca il governo sulla manovra. “È un pianto dappertutto, abbiamo raccolto una lista lunghissima di insoddisfazioni e di forti preoccupazioni. Ecco perché – spiega – ci avete sentito dire che questa manovra, nell’impostazione e nelle misure, è completamente sbagliata e se sbagli una manovra economica – avverte l’ex premier – è una sciagura per l’Italia intera perché condizioni in senso negativo qualsiasi prospettiva di crescita e condanni il Paese alla recessione. Così andiamo incontro al disastro, un disastro che ormai è chiaro a tutti tranne che al governo. Ma temo – aggiunge – che il governo abbia un problema, che abbiamo riscontrato anche nella fase di audizioni: non vuole confrontarsi, si riuniscono tra di loro e non aprono le finestre e le porte per dialogare con il Paese”.

Un malcontento che potrebbe avvicinare di nuovo M5s e Pd. “Fermo restando – mette le mani avanti Conte – che noi siamo una forza autonoma, una forza che sta facendo un suo percorso e proseguiremo anche a tracciare una linea molto innovativa per la politica dell’intero Paese, saremo sempre avanti in trincea a raccogliere le sfide. Però – è l’apertura – è chiaro che il dialogo con il Pd è un dialogo che immaginiamo possa intensificarsi sempre di più”.

Quanto al percorso dei Cinque stelle “stiamo costruendo la fase del radicamento territoriale – spiega – sono partiti 220 gruppi territoriali che stanno eleggendo i propri rappresentanti e stiamo recuperando la nostra fondamentale vocazione: alimentare la politica dal basso. La politica non può essere solo di vertice, solo ragionamenti fatti nei palazzi delle istituzioni, deve essere fatta dal basso. Lì c’è la politica”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte ADN Kronos

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome