Home ATTUALITÀ Nuova Fascia Verde, Gualtieri: “Attivazione varchi slitta di alcuni mesi”

Nuova Fascia Verde, Gualtieri: “Attivazione varchi slitta di alcuni mesi”

varco-via-flaminia-altezza-via-tuscania
Galvanica Bruni

“Abbiamo trovato oggi l’intesa con la Regione Lazio sulle modifiche della delibera. Abbiamo trovato un punto di equilibrio adeguato, l’accensione dei varchi slitterà di alcuni mesi in attesa dell’attivazione del Move-in e dei carnet d’ingresso”.

Ad annunciarlo è il sindaco Roberto Gualtieri a margine di un incontro con la stampa a Piazza Venezia.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Sembrano quindi essere confermate le novità di cui si parlava già ad agosto: gli euro 4 diesel continueranno a circolare ancora per un anno e le vetture gpl potranno circolare liberamente ovunque, al contrario di quanto previsto nella delibera che ora verrà modificata. Inoltre verranno inseriti due meccanismi di move-in e di bonus all’entrata che consentiranno un uso parziale dei veicoli che già oggi hanno circolazione limitata. Anche per gli Euro 3 a benzina ci sarà una proroga di un anno, ossia fino a novembre 2024.

(ndr, Il move-in è una sorta di ‘telepass’ che misura il chilometraggio percorso all’interno della Ztl. Sforato un certo tetto, che è proporzionale al livello di inquinamento prodotto dal veicolo, scatterà la multa. I bonus sono invece dei carnet di ingressi indipendenti dal chilometraggio. Il cittadino potrà scegliere tra le due soluzioni).

“Restano i limiti previgenti – ha sottolineato però Gualtieri- che saranno temperati dai meccanismi di move-in e di bonus. Questo richiederà un po’ più di tempo del previsto per l’attivazione dei varchi, perché noi vogliamo che questi diventino operativi quando il move-in sarà nelle condizioni di poter essere utilizzato”.

Si parte a gennaio 2024? gli è stato chiesto. “No, non abbiamo dei tempi – ha risposto Gualteri spiegando che “ci vorranno alcuni mesi. Ma alcuni limitazioni esistevano già, erano sulla carta. Col tempo necessario si arriverà a una situazione più ordinata, con limitazioni effettiva ma con strumenti a tutela di chi fa dell’auto un uso limitato e chi non è nelle condizioni di sostenere. I tecnici della Regione hanno eseguito dei monitoraggi rispetto ai nuovi dati sulla qualità dell’aria che sono quelli che sono arrivati in primavera. Sulla base di quei dati è stato possibile rimodulare le misure. Questo sarà il percorso, le tappe tecniche le vedremo con loro, ma la sostanza è che abbiamo avuto un via libera grazie al dialogo e la collaborazione istituzionale tra noi e la Regione”,.

La situazione attuale

Ricordiamo prima di tutto che già ora non possono accedere alla Fascia Verde gli autoveicoli a benzina e diesel, anche se alimentati a Gpl e metano, Euro 2 e precedenti, e tutti i veicoli diesel Euro 3.

Poi in primavera è arrivata la delibera a firma del sindaco Gualtieri in base alla quale dal primo novembre 2023 non potrebbero più accedere alla Fascia Verde le automobili alimentate a diesel Euro 4 nella fascia oraria 7.30-20.30. Stop anche per i veicoli commerciali N1, N2 ed N3 alimentati a diesel Euro 4 in alcune fasce orarie e stop a ciclomotori e motoveicoli alimentati a diesel Euro 3. Previsto in tal senso l’utilizzo di telecamere con installazione di 51 nuovi varchi elettronici.
Infine, dal primo novembre 2024 anche le diesel Euro 5 e le auto a benzina Euro 3 non potrebbero più accedere alla Fascia Verde.

Successivamente, sull’onda delle contestazioni, delle petizioni con oltre centomila firme nonché dei dissapori anche all’interno della stessa maggioranza, il  Campidoglio ha pensato di ammorbidire la delibera con alcuni provvedimenti che sono stati sottoposti alla Regione. E ora pare proprio che ci siamo. Non resta che attendere una nuova delibera che sostituisca quella della scorsa primavera tanto contestata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 COMMENTI

  1. Ma quali mesi.
    Prima il comune metta tutti i suoi mezzi in regola con la normativa. Poi se ne può parlare. Il comune non ha i soldi… nemmeno noi.

  2. Ma per i veicoli a benzina euro 3 il blocco non era già previsto a novembre 2024 (vedi vs articolo del 16 novembre 2022: “Inoltre a partire dal 1° novembre 2024 anche gli autoveicoli alimentati a benzina Euro 3 subiranno la stessa sorte.”)?
    Se ci sarà la proroga dovrebbe slittare a novembre 2025 o sbaglio?
    grazie.

  3. Potreste cortesemente chiarirmi quando leggo:
    stop a ciclomotori e motoveicoli alimentati a diesel Euro 3.
    Alimentati a diesel è solo per motoveicoli o anche ciclomotori?

  4. Trovo assurda l’estensione a Roma Sud est zona Tintoretto etc..una zona piena di verde e non densamente popolata..pur condividendo i temi ambientali propongo la deroga per percorsi inferiori a 1000 km mese per Diesel Euro 4 da stabilre con autolettura o ticket .A 75 anni non ho assolutamente voglia di comprarmi una macchina con i miei 5000 km annuali percorsi!!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome