Home ATTUALITÀ Rifiuti, Torquati: “Aree impianti, troppa confusione ha fatto perdere tempo”

    Rifiuti, Torquati: “Aree impianti, troppa confusione ha fatto perdere tempo”

    biodigestore
    Impianto BTS-biogas, South Milford, UK
    Galvanica Bruni

    RIFIUTI, TORQUATI (MUN.XV): “AREE IMPIANTI, TROPPA CONFUSIONE CHE HA FATTO PERDERE TEMPO. SUBITO TAVOLO PER NUOVE LOCALIZZAZIONI”

    “In relazione alle tante dichiarazioni che ormai da giorni – non ultime quelle di queste ore – stanno circolando sul tema romano dei rifiuti, generando non poca confusione, mi dispiace dover chiarire per l’ennesima volta la mia posizione rispetto al biodigestore che dovrebbe sorgere a Cesano.

    Continua a leggere sotto l‘annuncio

    Mi dispiace per esempio dover ribadire che non si tratta di Sindrome Nimby; il Municipio XV è stato sempre disponibile al confronto senza mai escludere la possibilità di realizzare impianti anche sul proprio territorio. Roma ha bisogno di impianti e anche in tempi rapidi ma per quello di Cesano, come ripetuto più volte, non possiamo negare che la collocazione scelta, frutto peraltro della precedente amministrazione, sia davvero un grosso errore che ha fatto perdere tempo e rischia di farne perdere dell’altro.

    Il parere negativo della Sovrintendenza non è un fatto imprevisto ma è tra le motivazioni che per ben tre volte abbiamo ribadito esprimendo anche parere negativo come amministrazione municipale. Gli “imprevisti” non fanno altro che confermare quanto sostenuto in questi anni.  Parliamo di criticità reali e accertate su viabilità, logistica e collocazione, per un impianto che dovrebbe essere realizzato nella stessa zona in cui già insistono il deposito nazionale di rifiuti radioattivi con oltre 500 metri cubi di materiale e il Centro Ricerche Enea Casaccia, che aveva già espresso da tempo le sue perplessità sulla realizzazione del biodigestore poiché l’impianto ricadrebbe addirittura nell’area di competenza del piano di emergenza.

    Tutte criticità presenti anche nella vecchia Valutazione di Impatto Ambientale per il progetto della precedente amministrazione. Non si tratta quindi di un capriccio o di un no a prescindere, ma di una posizione, la nostra, per non proseguire sulla strada sbagliata e che fa perdere ulteriore tempo; una posizione a garanzia dell’amministrazione capitolina e del Sindaco che intende portare Roma definitivamente fuori dall’emergenza rifiuti.

    Sarebbe quindi forse ora di fermarsi a riflettere e aprire un tavolo di confronto presieduto dall’Ufficio Commissariale con la Regione, la Città Metropolitana e aziende come Anas e Acea, per l’individuazione e la verifica di aree idonee posizionate a ridosso del Grande Raccordo Anulare e dei grandi svincoli delle principali assi viarie che possano finalmente garantire un esito positivo alla vicenda”.

    Così in una nota il Presidente del Municipio XV, Daniele Torquati

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    2 COMMENTI

    1. Ma certo Caro Presidente “fermiamoci a riflettere” …..tanto che problema c’è…..Roma è sommersa dalla monnezza e i romani vivono in mezzo alla monnezza grazie alla politica….ci si sono abituati, la considerano oramai un accessorio necessario …con il suo corollario di schifezze, puzza, liquami……perciò FERMIAMOCI pure a riflettere…..

    2. Isola ecologica dell’Olgiata: non serve a niente

      Caro Presidente Torquati,
      Se per i grandi impianti i tempi sono solitamente lunghissimi, nell’immediato verrei ricordare che nel 2018/2019 AMA rendeva noto che l’isola ecologica Olgiata, l’unica di tutto il XV, veniva chiusa per problemi tecnici di RISTRUTTURAZIONE e invitava i cittadini di Roma Nord a servirsi momentaneamente delle postazioni di via Battistini, zona Pineta Sacchetti, e di via dei Campi Sportivi”.
      A distanza di cinque anni i problemi tecnici di ristrutturazione non Sembra siano ancora stati risolti, e di questo passo mai lo saranno (l’isola ecologica prende solo gli scalci), come se in zona non ci fossero tantissime altre zone verdi e incolte adatte per crearne una nuova, più grande e opportunamente attrezzata, come quelle esistenti in tutti i paesi limitrofi di Roma nord (Formello, Campagnano, i paesi del lago di Bracciano …..)
      Non mi sembra che nel XV Municipio, con il progressivo peggioramento del problema della raccolta dei rifiuti, la situazione sia troppo migliorata (guardare davanti alla scuola elementare e media di La Storta) anche se, ad onor del vero, l’AMA ha compiuto un encomiabile sforzo per cercare di alleviare il disagio dei residenti.
      Forse, dico forse, con un’isola ecologica in zona potrebbero diminuire anche gli abbandoni intorno ai cassonetti e le numerose discariche abusive sempre presenti lungo la strada.
      Presidente Torquati cerchi di corrispondere alle aspettative dei residenti attivandosi in maniera decisa come ha fatto per altre situazioni che richiedevano il Suo intervento. Grazie

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome