Home TEMPO LIBERO Visite gratuite all’area archeologica di Grottarossa

Visite gratuite all’area archeologica di Grottarossa

area-archeologica-grottarossa
ArsBiomedica

La Soprintendenza Speciale di Roma, diretta da Daniela Porro, promuove nel mese di giugno 2023 due aperture straordinarie dell’area archeologica di Grottarossa.

Posta al VI miglio dell’antica via Flaminia, che riemerge in più punti tra gli edifici moderni, la piana presenta una grande concentrazione di edifici funerari, alcuni dei quali di straordinaria monumentalità forse per la vicinanza con l’abitato di Rubrae e con grandiose ville residenziali situate sull’altopiano omonimo.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Le indagini compiute dalla Soprintendenza tra il 1980 e il 1989 hanno individuato diversi edifici funerari, un grande complesso residenziale, un impianto tardo antico ed un lungo tratto della via consolare che corre tra i mausolei in parte ancora visibili.

Questi sono del tipo “a torre” (I secolo a. C.-I secolo d. C.), trasformato in fortilizio a controllo del Tevere nel Medioevo, a tamburo cilindrico (seconda metà del I secolo a. C.) ed un sepolcro del tipo a “tempietto” (metà II secolo d. C.).

Più a nord, sullo stesso lato della Flaminia, si succedono altri monumenti funerari, tra cui quello “a nicchie” per olle cinerarie delimitato da un recinto in laterizio (I secolo d. C.). L’angolo sinistro del frontone del sepolcro “a tempietto” in laterizi sagomati, coronato da una raffinata cornice marmorea, è stato recuperato e ricomposto nell’Antiquarium di Malborghetto che accoglie alcuni materiali testimonianza della ricchezza dell’area e della sua lunga frequentazione fino nel Medioevo, quando il sito divenne una cava per materiali da calcinare.

Le visite si terranno martedì 13 e giovedì 22 giugno alle 10.00 e alle 11.00 per un massimo di trenta partecipanti per turno. Il sito si trova in fondo a via della stazione di Grottarossa, sulla Flaminia.

Le visite sono gratuite, a cura dell’archeologo responsabile del sito Roberto Narducci e dell’archeologa Barbara Ciarrocchi, con prenotazione obbligatoria compilando l’apposito modulo cliccando qui.
(fonte www.soprintendenzaspecialeroma.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome