Home ATTUALITÀ Quei furbetti sulla Cassia che tanto fanno infuriare…

Quei furbetti sulla Cassia che tanto fanno infuriare…

gra-cassia
ArsBiomedica

“Spett.le  Redazione, vorrei sottolineare un malcostume che alcuni che si ritengono furbi eseguono lungo la via Cassia a discapito di chi, come me, rispetta le leggi e le file. Tra le tante furbate che si vedono giornalmente ce ne sono due in particolare che mi fanno letteralmente infuriare”.

Così scrive a VignaClaraBlog.it Maurizio M. citando due fenomeni non nuovi a chi frequenta quotidianamente la Cassia, fenomeni spesso oggetto anche di accesi dibattiti sui social. Ma leggiamolo.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

La prima furbata

“La prima furbata accade sulla via complanare alla Cassia, tanto per intenderci, dove c’è il posteggio dei taxi sotto il liceo De Sanctis; i soliti “furbetti” la percorrono quando c’è la coda (praticamente quasi sempre) ad alta velocità poi immettersi sulla Cassia bloccando di fatto il flusso di traffico. Non comprendono che così facendo, non fanno altro che far allungare la fila di auto in colonna con relativa perdita di tempo.

Ci sarebbero due soluzioni affinché ciò non avvenga e cioè installare un semaforo alla confluenza con la Cassia tarato con un lungo tempo di luce rossa e magari anche con una telecamera che immortali questi furbetti che presumibilmente continuerebbero a passare con il rosso.

Ovviamente questa soluzione non è molto economica e quindi ce ne sarebbe  un’altra molto meno esosa e cioè mettere dei dossi abbastanza ravvicinati che non permettessero di percorrerla a velocità sostenuta e quindi alla fine chi la percorre avrebbe sorpassato si e no due o tre auto. Quindi il gioco non vale la candela”.

La seconda

La seconda furbata avviene all’uscita dal Raccordo per immettersi sulla Cassia verso il centro. Anche qui i soliti furbetti sorpassano tutta la fila cominciando dalla curva di Monte Peloso e facendo finta alla fine di esser usciti dal Raccordo e quindi si intrufolano tra auto in fila. Anche in questo caso, come detto sopra, non fanno altro che rallentare la coda a discapito di chi la rispetta.

Qui purtroppo bisogna constatare che non esiste il quadrifoglio che permetterebbe sicuramente un più rapido scorrimento delle auto, per cui l’unica soluzione è che nelle ore di punta ci siano dei vigili o agenti della polizia stradale che facciano forzatamente girare i furbetti sul Raccordo avendo occupato la corsia dedicata alla svolta.

Una volta sola ho assistito ad un vigile che ha fatto fare questa manovra e vi assicuro che tutte le persone in fila l’avrebbero voluto abbracciare. Se questo accorgimento venisse attuato sempre, sicuramente l’esercito dei furbetti diminuirebbe”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 COMMENTI

  1. E vogliamo parlare di quelli che sulla via Trionfale arrivano sparati fino a quando, costretti a girare a destra per prendere via della Giustiniana, ti alzano pure il dito medio perché non li fai entrare? Certo perché chi fa la fila è un idiota!

  2. Bisognerebbe aumentare la durata del semaforo di Grottarossa. Il rallentamento avviene al semaforo non prima
    Le immissioni dalla corsia dei taxi a mio avviso addirittura velocizzano perché fanno avvicinare più macchine al semaforo.
    IMPORTANTE CHE LE MACCHINE SI METTESSERO IN DUE CORSIE TRA CHI SVOLTA E CHI NO.

    • Si, velocizzano gli scorretti a scapito delle persone civili.. non parliamo poi del supplizio di clacson che è costretto a subire chi abita proprio davanti al famoso punto di immissione..
      Una terza ipotesi sarebbe una telecamera come quelle
      della sosta breve degli aeroporti. Se si percorre la corsia in meno di 2 minuti arriva la multa

  3. vorrei commentare “la seconda”. Io sono una di quelle persone che realmente esce dal raccordo, visto che lavoro fuori Roma, e non riesco mai ad immettermi sulla Cassia perché chi è in fila, inviperito, non solo non mi fa passare pensando che io sia una di quei furbetti, ma mi insulta anche pesantemente.
    e alla mia domanda “scusate, secondo voi, uscendo dal raccordo, come dovrei fare per tornare a casa, se non mi fate immettere?”, mi si risponde “non mi interessa, non ti faccio passare”.
    ecco qui la civiltà

    • Chi fa così è un cretino. Io guardo dallo specchietto chi viene dal GRA e chi fa il furbo. Per i secondi rimettersi in fila davanti a me è un’impresa difficile con i primi vige la regola che si entra a macchina alternata: uno della fila e poi uno che viene dal GRA

  4. Aggiungo al commento di Simonetta che, se per caso il traffico è scorrevole, accelerano quando vedono la luce di immissione e…..rimani nella corsia prendendo poi gli improperi di chi prima non ha attuato la semplice educazione civica di far immettere una macchina in una strada così pericolosa senza il quadrifoglio di uscita.

  5. Nasce spontanea la domanda: perché è stato fatto solo mezzo quadrifoglio, lato Flaminia, e non anche l’altro mezzo, lato Trionfale? Forse ci sono stati dei problemi con l’esproprio dei terreni occorrenti?

  6. Ha ragione andrebbe fatta una rotonda a Grottarossa angolo cassia ed usare quella corsia dei taxi per allargare, troppi incivili. Sarebbe ottimale come è stato dimostrato dalla recente rotonda tanto agognata della Giustiniana. dobbiamo aspettare altri 20 anni per una rotonda?

  7. Ma è mai possibile che ci si debba fare giustizia da sè? E’ incredibile, ma in assenza dei tutori dell’ordine (e del traffico) vale la legge del più forte (in questo caso del più prepotente). E’ da queste piccole cose che si vede il grado di civiltà di una comunità.

  8. Il problema di quelli che scendono da Monte Peloso verso Roma è che vanno anche contromano e se gli lampeggi vogliono avere anche ragione.
    Quando ci sarà il morto metteranno i vigili. Tra l’altro c’è anche la sana abitudine di sorpassare gli autobus sia sulla Cassia che a Via di Grottarossa dove le macchine sfrecciano a più non posso.

  9. Sono d’accordissimo con quanto e’ stato detto sui furbetti della Cassia. Io abito proprio di fronte al liceo De Sanctis e posso assicurare che, per uscire dal mio cancello e girare a sinistra, si rischia davvero la vita. Complice anche il semaforo di Grottarossa che forma una lunga fila nella quale si infilano, a forza, quelli che percorrono quel brevissimo tratto di complanare per risparmiare quanto? Tre secondi?
    E sono d’accordissimo anche sul raccordo. Per girare verso Roma (credo che sia l’unica uscita così disgraziata) ci si può immettere in uno spazio ridottissimo in cui entra solo una macchina. Quella dei furbetti, appunto.

  10. Io penso che il rallentamento è provocato soprattutto dai cellulari, oramai i vigili non fanno più contravvenzioni a questo abuso,

  11. Le rampe che avrebbero completato il quadrifoglio
    non sono state realizzate causa l’esiguità dello spazio
    a disposizione, che avrebbe costretto a ricavare tratti
    di salita/discesa con pendenza fuori norma.
    Questa la tesi ANAS.

    • Per quanto si possa vedere passando in automobile, non mi sembra che ci sia poco spazio. Sarò eccessivamente sospettoso ma penso che non sia voluto/potuto espropriare terreno di “qualcuno”.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome