Home ATTUALITÀ Dal Campidoglio giro di vite su caos monopattini

Dal Campidoglio giro di vite su caos monopattini

monopattini
foto di repertorio
Esposizione al sole

Dal Campidoglio in arrivo un giro di vite per contenere “l’anarchia” monopattini in città. La stretta è contenuta nella bozza del nuovo regolamento per lo sharing di bici e monopattini che il Comune ha presentato alle aziende del settore.

Targa metallica e un tetto alla velocità, che dovrà al massimo arrivare a 20 chilometri l’ora, con passaggio automatico a 6 chilometri nelle aree pedonali. Poi fotografia obbligatoria dopo il parcheggio, noleggi solo per maggiorenni e obbligo di iscrizione con la carta di identità.

Lo ha anticipato “Il Messaggero” nell’edizione odierna sottolineando che a dicembre scadranno le attuali concessioni e per arrivare ad approvare le nuove assegnazioni il bando deve uscire entro qualche settimana.

Come già più volte annunciato, dovrebbe quindi diminuire sia il numero degli operatori che dei monopattini a noleggio, dagli attuali 7 operatori con 14.500 mezzi ai futuri 3 con un massimo di tremila pezzi ad operatore. Inoltre il Comune dovrà individuare le aree no parking e quelle dove realizzare gli stalli nei quali, per chiudere il noleggio, sarà necessario fotografare il mezzo regolarmente parcheggiato e spedire la foto alla società di noleggio. Verrà poi introdotta la distanza minima di 70 metri tra gli stock di mezzi dello stesso operatore che non potrà piazzare più di 5 unità per blocco. Un’altra novità consisterebbe nel tetto massimo alle tariffe: 12 euro l’ora.

La dislocazione e l’utilizzo dei mezzi dovrà essere monitorata due volte l’ora, attraverso la piattaforma di sharing del Campidoglio, alimentata dai singoli operatori. Ma, sempre da quanto riporta il Messaggero, Assosharing vorrebbe un check su media giornaliera a prescindere dalla frequenza di campionamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome