Home ATTUALITÀ Tor di Quinto, la Caserma Carabinieri a Cavallo apre ai bambini

Tor di Quinto, la Caserma Carabinieri a Cavallo apre ai bambini

carabinieri-a-cavallo
Lavanderia Oblò, tradizione e innovazione nel cuore di Roma Nord

Domenica 8 maggio, dalle 10, a Tor di Quinto il 4° Reggimento Carabinieri a Cavallo apre ai bambini le porte della Caserma Pastrengo per mostrare loro come vivono i cavalli, straordinari compagni di vita.

Partner dell’evento l’Ente Nazionale di Protezione Animali, mentre testimonial dell’iniziativa saranno i 6 piccoli veterinari della Kids Vet Academy, la serie trasmessa da RaiGulp.

Al loro fianco i volontari della Asd “Io e il Cavallo” e della Onlus “Teniamoci per mano”, che coordineranno le varie fasi dell’evento. Sono previste un’esibizione equestre dei Carabinieri (un carosello da 24), un’introduzione all’Ippoterapia coi suoi protagonisti, la visita alla Clinica Veterinaria (dove tutto è a misura di cavallo), la Caccia al tesoro, basata su quiz utili per approfondire l’argomento del benessere animale e, infine, l’arrivo di Garibaldi a cavallo.

C’è infatti una storia particolare che lega in modo speciale l’Arma dei Carabinieri e l’Ente Nazionale di Protezione Animali: si tratta di Marsala, la cavalla di Garibaldi. L’eroe dei due mondi è stato infatti il fondatore dell’Associazione e quindi tra i precursori del protezionismo in Italia.

“Il rapporto tra uomo e cavallo – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale ENPA – ha origini antiche e il nostro fondatore ne aveva colto l’essenza. Iniziative come questa con i bambini sono essenziali perché ancora oggi il cavallo è un animale che viene sfruttato e maltrattato in troppe occasioni. Come ENPA con il nostro ufficio legale portiamo in tribunale tutti i casi che emergono dalle indagini delle nostre Guardie zoofile e dei Carabinieri, da sempre alleati strategici nella lotta allo sfruttamento degli animali. Ecco, quindi, che la sensibilizzazione dei più giovani diventa essenziale”.

“Quando parliamo di cavalli – dichiara il Colonnello Francesco Maria Chiaravalloti, Comandante del 4° Reggimento – per noi significa dare valore alle origini: l’Arma è nata a cavallo. Da 200 anni viviamo insieme condividendo la buona e la cattiva sorte. Garantisco che in tutte le situazioni più pericolose, il nostro fedele compagno di viaggio ci ha dato sicurezza e affetto. Il suo benessere è il nostro”.

Obiettivo della giornata è dunque sensibilizzare le generazioni più giovani nei confronti di un animale d’affezione che seppur estremamente familiare non appartiene al quotidiano. Sarà una  mattinata all’insegna del divertimento, ma anche un’occasione per avvicinarsi al cavallo che da sempre accompagna gli uomini in innumerevoli avventure classificandosi, a pieno titolo, tra i suoi migliori amici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome