Home POLITICA Domani c’è Consiglio in XV, ecco di cosa si discuterà

Domani c’è Consiglio in XV, ecco di cosa si discuterà

municipio-xv-flaminia-872
Ottica Artigiana Carli

Venerdì 15 aprile, i lavori del Consiglio del Municipio XV prenderanno il via alle 10 e potranno essere seguiti in diretta streaming.

La prima risoluzione all’ordine del giorno è relativa al piccolo edificio di via del Podismo, a Vigna Clara, all’interno di un giardino di 3075 metri quadri teatro della recente vicenda il cui protagonista è stato Poldo, il cinghiale solitario.

Per questo edificio abbandonato e degradato e spesso oggetto di articoli di Vignaclarablog.it, la precedente giunta municipale Giunta ad aprile 2021 ha approvato un progetto di ristrutturazione per un importo di 120mila euro. Ad agosto è stato dato il via alle procedure di scelta della ditta a cui affidare l‘appalto e da allora non s’è saputo più nulla.

E’ per questo che la risoluzione presentata impegna il Presidente del Municipio e l’Assessora ai Lavori pubblici “a valutare tutti gli strumenti per restituire l’edificio alla pubblica utilità“.

A seguire si parlerà della realizzazione della rete fognaria a Cesano Borgo e zone limitrofe con un documento col quale si impegna il Presidente del Municipio “ad attivarsi presso il Sindaco di Roma, la Giunta Capitolina, il Dipartimento SIMU di Roma Capitale e ACEA Ato 2 Spa, al fine di sollecitare la realizzazione della rete fognaria nelle aree limitrofe al Borgo di Cesano nel più breve tempo possibile e a provvedere alla realizzazione della rete idrica in Via Cesanense, Vicolo Cesanense, Via dei Monti di Sant’Andrea e Via Guido Miotto“.

Terzo argomento, le macchinette mangia – plastica.   Visto infatti che il Campidoglio ha già installato in alcune stazioni metro e mercati rionali queste macchinette e visto che ora si possono ottenere fondi ministeriali, col documento in discussione si chiede alla Giunta municipale di ottenere il contributo previsto per l’acquisto e l’installazione sul territorio di due macchinette del valore di 30mila euro ciascuna.

Molto complicato il quarto e ultimo argomento. Si parlerà infatti di corretto calcolo in bilancio ambientale dei costi derivanti da consumo di suolo. Altrettanto complesso il documento che si discuterà e col quale, in sintesi, si chiede al Sindaco e alla Giunta capitolina “di impegnarsi a sollecitare il Parlamento a riprendere e portare a compimento l’iter del Disegno di Legge finalizzato al contrasto del consumo di suolo e attualmente sospeso in Commissione congiunta Ambiente e Agricoltura del Senato, e a svolgere una concreta opera di sensibilizzazione rivolta al concreto contrasto del consumo di suolo…”

al Presidente del Municipio e alla Giunta Municipale si chiede invece di adeguarsi “al principio della riduzione del consumo di suolo in ogni occasione, adottando le strategie necessarie per preservare il suolo naturale e, laddove possibile, per deimpermeabilizzare il suolo già consumato nell’ambito di tutti i lavori pubblici di competenza municipale“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome