Home TEMPO LIBERO Labaro, la tragedia di un uomo comico suo malgrado

Labaro, la tragedia di un uomo comico suo malgrado

teatro le sedie
Galvanica Bruni

Nella serata di ieri, venerdì 18 febbraio, il Teatro Le Sedie (via Veientana Vetere, 51) ha tenuto a battesimo la prima rappresentazione assoluta di «Io per te come un paracarro», il nuovo spettacolo scritto e interpretato da Daniele Parisi.

Solo sulla scena, l’attore romano racconta una storia tragica con il linguaggio della comicità, interpretando tutte le parti in commedia. Una coppia sta per avere un figlio e decide di andarsene per dare al nascituro un avvenire migliore. I due vengono ostacolati dai familiari di lui e nel corso del viaggio, che comunque intraprendono, incontrano un’umanità alla deriva.

Con a disposizione un separé e un attaccapanni e tramite l’utilizzo di una loop machine, con cui vengono incisi dal vivo i quadri sonori, Parisi diventa nove persone e un cane, evocando un microcosmo dissonante e ostile, dove ciascuno è prigioniero delle proprie ossessioni e in cui si è smarrita la capacità di riconoscere l’altro come un proprio simile.

Senza pretese intellettualistiche, attraverso la tragicomica ripetizione del gesto e della parola e grazie a momenti in cui cade la quarta parete, che separa l’interprete dagli spettatori, Parisi propone un atto unico di sessanta minuti in cui molte voci, pur incrociandosi, non si ascoltano mai, ostaggio come sono delle proprie paure e della propria meschinità. Così, il protagonista, agli occhi degli altri, è come se non esistesse, è come se fosse…un paracarro.

Save the date

«Io per te come un paracarro» è in scena al Teatro Le Sedie (via Veientana Vetere 51) per altre due repliche: sabato 19 (con inizio alle ore 21) e domenica 20 febbraio (ore 18). Il biglietto costa 10 euro (ridotto 8), la tessera associativa 2. Per informazioni e prenotazioni si può inviare una mail a info@teatrolesedie.it o chiamare il numero 3201949821.

Giovanni Berti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome