Home CRONACA Fleming, alla Nitti arriva l’app Ridintacc

Fleming, alla Nitti arriva l’app Ridintacc

libro-libri-ridintacc
foto di repertorio
Galvanica Bruni

Quando la tecnologia incontra la scuola e la cultura: arriva Ridintacc, l’app che sprona la voglia di leggere tra gli adolescenti attraverso l’innovazione, ideata da docenti e genitori dell’IC Nitti di Collina Fleming e realizzata da Computime 4it.

La nuova app Ridintacc sarà presentata sabato 27 novembre alle ore 10 nell’aula magna Mia Neri della scuola, in via Francesco Saverio Nitti 61.
“L’idea – dicono gli organizzatori – è quella di stimolare gli adolescenti, creare una community on line di nuovi lettori e rendere divertente e coinvolgente la lettura, adeguandola ai nuovi strumenti a disposizione dei ragazzi”.

L’evento si inserisce nel calendario della settimana di #ioleggoperchè, una lodevole iniziativa sociale che mira ad arricchire le biblioteche scolastiche di tutta Italia. Fino al 28 novembre, infatti, sarà possibile recarsi nelle librerie che hanno aderito per acquistare un libro da donare alla propria scuola.

Per l’IC Nitti ci si può rivolgere alla libreria Velitti (piazza Jacini 1, Vigna Clara), alla libreria delle Pessime idee (via Serra 81, Fleming) e alla libreria San Paolo (via della Conciliazione 16, San Pietro).

Cos’è Ridintacc

La nuova app Ridintacc permette agli studenti della scuola secondaria Nitti di scambiarsi consigli sui libri letti, di dare un punteggio e stilare una classifica delle preferenze, di scrivere recensioni, di scegliere quale lettura affrontare sulla base delle tendenze del memento e dei suggerimenti dei compagni.

L’obiettivo è creare una vera community di giovani lettori in sicurezza e allo stesso tempo modernizzare il catalogo delle biblioteche scolastiche, ampliando la scelta dei titoli a una narrativa più recente e calibrata sulla base degli interessi dei ragazzi di oggi.

L’idea ha preso forma sulla base dei bassi livelli di interesse e concentrazione degli studenti a favore di un eccessivo tempo dedicato ad attività ludiche, come videogame, serie tv e canali social. Tutto confermato dai Rapporto Eurostat del 2020, dal quale emerge i lettori italiani sono i peggiori d’Europa e che tra gli adolescenti si sta perdendo la creatività e il senso critico.

Questo non saper più concentrarsi e comprendere cosa si legge rende impossibile, o quantomeno complesso, raggiungere l’eccellenza nelle materie scolastiche e nella vita in generale”, dichiara Elisamarzia Vitaliano, preside della Nitti.
Abbiamo cercato i fondi attraverso diversi sostenitori, ma purtroppo non siamo riusciti ad ottenerne. Sono stati, invece, dei genitori che hanno deciso di investire lavoro, tempo e professionalità per creare l’app per noi, senza alcuna spesa da parte nostra, e proporla poi sul mercato ad altre scuole o enti interessati”.

Giulia Vincenzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Galvanica Bruni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome