Home CRONACA Fleming, Alessandro Andreucci, 18 anni e già ‘Alfiere del Lavoro’

Fleming, Alessandro Andreucci, 18 anni e già ‘Alfiere del Lavoro’

alessandro andreucci
ArsBiomedica

Alessandro Andreucci, diciottenne romano residente nel quartiere Fleming, è stato premiato “Alfiere del Lavoro” dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La motivazione? Esser stato uno dei venticinque studenti italiani più meritevoli nel 2021.

Il suo nominativo è stato selezionato, sulla base dei risultati di tutta la sua carriera scolastica, tra i 2.789 candidati segnalati dai presidi di tutta Italia.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Il premio “Alfieri del Lavoro – Medaglia del Presidente della Repubblica”, nato nel 1961, viene organizzato ogni anno dalla Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro con l’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica e quest’anno ha festeggiato il suo 60esimo anniversario.

La cerimonia, trasmessa in diretta su Rai Uno, si è tenuta al Quirinale lo scorso 26 ottobre ed ha visto premiati anche i migliori studenti selezionati nell’anno 2020 che, a causa della pandemia, non avevano potuto ritirare il premio nell’anno precedente.

Alessandro si è diplomato pochi mesi fa al Liceo Classico della Scuola Maria Ausiliatrice nel quartiere Trieste ma la chiamata da parte dello staff del Premio gli è arrivata a metà settembre, quando si trovava finalmente in vacanza visto che, dopo gli esami di maturità, aveva trascorso tutta l’estate a preparare il test d’ingresso alla Facoltà di Medicina dell’Università “La Sapienza” di Roma (test brillantemente superato, non c’era da dubitarne).

“Quando ho ricevuto la chiamata ho provato una grande emozione, non me l’aspettavo perché sono tanti i ragazzi meritevoli che vengono candidati ogni anno. – dichiara Alessandro a VignaClaraBlog.it – Però allo stesso tempo sono sicuro che noi 25 dobbiamo considerarci solo uno sparuto gruppo dei tantissimi altri ragazzi che si impegnano a scuola e nello studio”.

Gli studenti selezionati sono stati invitati a Roma per presenziare ad alcune attività organizzate da domenica 24 a martedì 26 ottobre, giorno della cerimonia di premiazione in occasione della quale hanno avuto il privilegio di conoscere il Presidente Mattarella che ha detto loro “soltanto crescendo insieme, cresceremo di più”.

“Ero molto emozionato, sono rimasto colpito dal suo modo di rivolgersi a noi; ha avuto modi paterni, facendoci un augurio molto sincero per il nostro futuro”, continua Alessandro raccontandoci che è già da tre anni che vive al Fleming, quartiere che solo ora, dopo aver finito il liceo, sta scoprendo veramente visto che frequentare il Classico della Maria Ausiliatrice lo teneva legato inevitabilmente al suo quartiere d’origine.

“Anche la pandemia non mi ha dato modo di vivere appieno il Fleming, ma ora sto creando la mia vita qui dove sto molto bene. È una zona che mi permette di fare anche tanto sport, grazie alla vicinanza con il parco del laghetto di Tor di Quinto”.

Caterina Somma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome