Home CRONACA La Giustiniana, Casa Giada Gialla, prima comunità alloggio per anziani

La Giustiniana, Casa Giada Gialla, prima comunità alloggio per anziani

È nata a Roma Nord la prima casa completamente dedicata ai più anziani. Spazi condivisi e ambienti comuni, per un alloggio che finalmente consentirà ai nostri nonni di non sentirsi più soli.

Si chiama Casa Giada Gialla la comunità alloggio per la terza età aperta dal Campidoglio a La Giustiniana, un appartamento in grado di accogliere fino a 10 anziani che potranno vivere e condividere le loro giornate.

La terza età in compagnia

Con una cucina e un salotto in comune, gli ospiti avranno l’opportunità di trascorrere la loro quotidianità in compagnia, assistiti giorno e notte da operatori specializzati.

Obiettivo del progetto, inaugurato alla fine di luglio, è proprio quello di favorire l’invecchiamento attivo, l’autodeterminazione dei singoli, la valorizzazione delle caratteristiche individuali e l’inserimento nel tessuto urbano.

Un importante tassello verso la riorganizzazione dell’accoglienza delle persone anziane” – aveva dichiarato alla consegna delle chiavi la Sindaca Virginia Raggi, un percorso finalizzato a rimettere al centro il benessere e la qualità della vita delle persone anziane.

Un edificio dedicato all’assistenza

La nuova casa comunità nasce in un contesto già strutturato e si aggiunge al cohousing Casa Giada, inaugurata dal Comune di Roma nello stesso stabile agli inizi di marzo, edificio che ospiterà anche Casa Giada Verde, sempre dedicata ad anziani fragili.

Un nuovo modello di assistenza per la terza età che mira a superare la logica delle grandi case di riposo a favore di ambienti più famigliari e più vicini all’idea di abitazione privata. Un esperimento già testato in altri quartieri di Roma con i cohousing Casa Gaia e Casa delle Viole, avviati rispettivamente a Torre Gaia e Monteverde.

Con una gestione del personale assistenziale in accordo con l’Irasp, l’Azienda regionale di Servizi pubblici alla Persona, e il supporto dei fondi PON Metro, il Programma Operativo per le Città Metropolitane, la comunità alloggio a La Giustiana avvia, anche per il quadrante nord della capitale, l’opportunità di un servizio di accoglienza delle persone anziane che punti non solo alla quantità ma anche e soprattutto alla qualità.

Un punto di partenza, quello dell’accoglienza dei dieci anziani nel nuovo appartamento condiviso, che dovrebbe in futuro prevedere un iter ben più articolato: la ristrutturazione delle case di riposo oggi funzionanti e l’utilizzo di nuovi immobili, anche confiscati alla criminalità organizzata, per creare al loro interno cohousing, comunità alloggio e mini appartamenti condivisi.

Beni confiscati alla mafia dedicati ai più deboli

Tema, quello dei beni confiscati alla mafia, caro a Roma Nord: secondo il report pubblicato da Roma Capitale, e aggiornato a marzo 2021, di poco più dei 200 beni confiscati alla criminalità organizzata in tutta la città, sono oltre 30 quelli che insistono nel XV Municipio.

Trasferiti a favore di Roma Capitale, e da utilizzare prioritariamente per fini sociali o istituzionali da parte dell’Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati, delle unità presenti nel quindicesimo (tra terreni, parchi, unità immobiliari e altre aree) la maggior parte di queste – ben oltre la metà – sarebbero appunto destinate a finalità sociali.

Un’opportunità per un territorio ancora troppo povero di ambienti destinati a scopi sociali, di condivisione e assistenza alla persona.

Ludovica Panzerotto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome