Home CRONACA Variante Delta, impennata di nuovi casi nel Municipio XV

Variante Delta, impennata di nuovi casi nel Municipio XV

vaccino-variante-delta
Galvanica Bruni

Nel Lazio la Variante Delta è all’80,8% ed è in crescita su tutto territorio regionale. Circa il 93% dei casi è non vaccinato o vaccinato con una sola dose. Si raccomanda dunque di vaccinarsi e di chiudere il ciclo vaccinale.

E’ quanto ha fatto sapere l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, spiegando  che “Nell’ultimo report del Seresmi-Spallanzani la variante Delta risulta in notevole incremento e rappresenta l’80,8% dei casi snella nostra regione. Sono stati sequenziati tutti i tamponi positivi e l’età media dei casi è 24 anni. La circolazione sul territorio regionale mostra che la variante Delta è presente in tutte le Asl con una progressiva diffusione sull’intero il territorio“.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

L’altissima capacità di diffondersi della variante Delta registrata nel Lazio trova riscontro nella capitale dove il totale dei casi di contagio da inizio pandemia a ieri, 29 luglio, è arrivato a 177808, con un notevole balzo in avanti nelle ultime tre settimane.

Variante Delta nel Municipio XV

A questo trend non è immune il Municipio XV dove, sempre da inizio pandemia al 29 luglio 2021, il totale dei casi si attesta a 10.079 ma quel che balza agli occhi è il fatto che fra fine giugno e fine luglio ci sia stato un incremento di 380 nuovi casi di cui oltre la metà solo negli ultimi sette giorni.

Come si evince dal grafico, gli incrementi settimanali avevano iniziato una lunga discesa da metà marzo arrivando di volta in volta a valori assai irrilevanti, come quello di fine giugno, quando i nuovi casi dell’ultima settimana del mese furono solo 17. Poi l’effetto campionato europeo di calcio, festeggiamenti e relativi massicci assembramenti nei quali le mascherine si contavano sulle dita di una mano hanno colpito nel XV come nel resto della città.

E così, nel vasto territorio compreso fra la Cassia e la Flaminia il contagio è tornato a far contare ogni settimana sempre più nuovi casi: 44 nella prima settimana di luglio, 46 nella seconda, 88 nella terza e addirittura 185 nella quarta, più della somma delle tre settimane precedenti.

La situazione nei quartieri

Il trend si riflette in parecchi quartieri del XV. Il più popoloso, Tomba di Nerone, si conferma quello col maggior numero di persone contagiate (sempre da inizio pandemia al 29 luglio): sono 2100, di cui 68 nel mese di luglio di cui quasi la metà negli ultimi sette giorni.

Secondo, sia per popolazione che per numero di casi, è Labaro con 1554 casi, di cui 37 in tutto luglio ma più della metà dal 21 al 29.

Terza, anche in questo caso per popolazione e numero di casi, è l’area di La Storta-Olgiata: 1197 casi, di cui 47 a luglio e ben i due terzi di questi negli ultimi sette giorni.

Nella seguente tabella sono stati riportati tutti i quartieri elencati in ordine di numero casi in assoluto da inizio pandemia a giovedì 29 luglio, con evidenza del numero di residenti, della situazione a luglio e dell’incremento nello stesso mese e nell’ultima settimana.

La fonte di questi dati è la mappa dei contagi da Covid-19 aggiornata ogni settimana dal Seresmi (servizio regionale per la sorveglianza delle malattie infettive) della Regione Lazio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome