Home CRONACA Cassia, a teatro con i ragazzi dell’IC Publio Vibio Mariano

Cassia, a teatro con i ragazzi dell’IC Publio Vibio Mariano

In questo anno davvero singolare noi ragazzi abbiamo resistito e tenacemente voluto questo piccolo sogno”. Scrivono così gli studenti dell’Istituto Comprensivo Publio Vibio Mariano sulla locandina delle rappresentazioni teatrali che proprio in questi giorni stanno andando in scena nel cortile della loro scuola.

Si chiama “Frammenti – Appuntamenti teatrali al tempo del Covid” il progetto che l’Associazione Culturale Teatrale Domus Artis, in collaborazione con l’istituto di Tomba di Nerone, è riuscito a realizzare nel corso di un anno scolastico tormentato dalla pandemia.

Il teatro contro la pandemia

I ragazzi sono stati davvero più forti di tutto, lo hanno voluto veramente e finalmente ora vedono il loro sogno realizzarsi” – ha confidato alla nostra redazione l’insegnante Fabio Barbetta, che insieme alle maestre Carla e Mafalda e il collega Giuseppe e un gruppo di genitori, ha portato avanti il progetto.

Un progetto teatrale molto più ampio quello che la Domus Artis, ogni anno di questo periodo, offriva agli alunni; i ragazzi avevano infatti l’opportunità di partecipare a rassegne teatrali in varie regioni d’Italia, programma saltato per questa edizione e necessariamente riadattato a causa del Covid.

Visto le difficoltà dovute al Coronavirus abbiamo deciso di ripartire dal nostro quartiere, con la volontà di riunire una comunità. E’ un segnale importante di ripartenza e un’opportunità per tutti per ritrovarsi dopo questi mesi difficili” – ha proseguito Barbetta.

Così i giovani di Tomba di Nerone, dai più piccini della scuola materna fino agli studenti della secondaria, sono ripartiti proprio da lì, dal cortile della loro scuola, portando in scena tutto il loro entusiasmo.

I prossimi appuntamenti

In scena proprio questa sera, giovedì 10 giugno, con “I bambini sono sempre gli ultimi” il terzo dei cinque appuntamenti previsti per questo mese: l’appuntamento per tutti, a ingresso libero, è alle 18.45 nel cortile esterno della scuola primaria “Sesto Miglio” in via Al Sesto Miglio 78.

Ancora due le date da segnare sul calendario: domani 11 giugno alle 21 per “Tra cielo e terra” e il 12 giugno sempre alle 21 per “Il re è nudo”, in scena anche questi nel cortile esterno della scuola primaria.

Un percorso, quello teatrale, che gli alunni svolgono nel corso dell’anno in orario extrascolastico tramite l’associazione che, come spiegato proprio dall’insegnante, non è altro che un gruppo affiatato di docenti e genitori che da anni collaborano insieme a progetti educativi rivolti ai ragazzi.

Educare al senso di comunità: genitori e insegnanti insieme

La Domus Artis nasce infatti nel 2015 proprio per volontà di alcune famiglie e insegnanti dell’Istituto Comprensivo Publio Vibio Mariano con lo scopo di accrescere e sviluppare il senso di partecipazione e appartenenza al territorio, in particolare a quello del XV Municipio, attraverso il linguaggio dell’arte.

E’ proprio attraverso questo tipo di linguaggio, e soprattutto con il teatro, che genitori e insegnati insieme ai propri figli e studenti, intendono ricreare un nuovo senso di comunità, la stessa che è andata perduta a causa della pandemia.

Il distanziamento ci ha insegnato che “insieme è più bello” e che fare comunità è il solo modo per affrontare e superare momenti difficili” – si legge proprio sulla locandina delle rappresentazioni teatrali.

Da luglio a settembre in scena a Roma Nord

Ma i progetti non finiscono qui e in programma per i prossimi mesi, con il supporto del XV Municipio, ci sono ancora tante altre rappresentazioni teatrali che questa volta la Domus Artis vorrebbe realizzare proprio in differenti quartieri di Roma Nord.

“Ci piacerebbe essere sul territorio, avvicinare i residenti con i nostri spettacoli, ricreare quel senso di comunità andato perduto in questi mesi difficili – ha proseguito Fabio Barbetta – Vorremmo davvero tramandare ai nostri ragazzi l’amore per l’arte e per il territorio in cui viviamo e attraverso loro trasmetterlo anche al nostro pubblico. Vi aspettiamo numerosi, non mancate.”

Ludovica Panzerotto

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento

  1. Un progetto di qualità che merita tutto il riconoscimento del pubblico. Bravi bambini e ragazzi, siete la nostra speranza!
    Complimenti al maestro Fabio e a tutti i maestri, in particolare quest’anno la magia dei vostri lavori teatrali ci ha regalato momenti di gioia e condivisione di cui c’era davvero bisogno!
    Grazie!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome