Home ATTUALITÀ Michelle Castiello e Radio Incontro Donna, una radio tutta al femminile

    Michelle Castiello e Radio Incontro Donna, una radio tutta al femminile

    Michelle-Castiello-radio-incontro-donna

    Michelle Marie Castiello, è un’imprenditrice, CEO e Editor di Radio Incontro Donna (RID) 96.8 FM, che ama definirsi “la ragazza di Roma Nord”, nell’accezione positiva del termine, ovviamente.

    Nata e cresciuta proprio nel cuore di Vigna Clara, a Piazza dei Giuochi Delfici, è figlia d’arte. Infatti, il padre è Pino Castiello, lo storico editore radiofonico romano di Radio Incontro Italia. “Sono cresciuta a pane e radio. Mio padre era uno storico editore della radio romana sportiva, al maschile. Lui aveva un carattere forte ed io, che all’inizio ero nell’ombra, con il tempo mi sono guadagnata la sua fiducia oltre quella di mia madre, senza la quale nulla sarebbe stato possibile. Per questo, ho preso in mano le emittenti radio di famiglia e ho portato avanti così, con orgoglio, la mia carriera radiofonica.”.

    Ma Michelle non vive l’eredità paterna come un fardello ma con grande orgoglio e soddisfazione. Lei che nella vita è andata come un treno, ha come scudo il suo sorriso che usa come arma segreta per affrontare ogni avversità con serenità.

    Una radio fatta da donne, per le donne (e non solo)

    Radio Incontro Donna è una radio fatta principalmente da donne. Il palinsesto è variegato, pensato per un ascoltatore che non si vuole annoiare ed in particolare, per le donne che lavorano e che non hanno tempo di approfondire le notizie tramite diverse fonti di informazioni.

    Infatti, con un tocco di femminilità, vengono affrontati molti temi di comune interesse, dal sociale al wellness, passando per l’arte, il cinema e, perché no, anche il calcio. E la sera? Con l’imbrunire ci si rilassa con la programmazione di RID con ottima musica e qualche sorriso.

    Ma non bisogna farsi intimorire dalla parola donna. RID nasce proprio dalla voglia di dar voce alle donne, valorizzarle, e far capire l’importanza della parità di genere, senza che questo voglia significare una qualche forma di prevaricazione delle donne sugli uomini.

    “Vorrei far capire che ogni donna può avere quello che ha l’uomo, la parità, senza perdere la fiducia in se stesse e la propria femminilità. Possiamo arrivare ovunque.”. Con tono sicuro, prosegue l’editrice: “Non bisogna dire che le donne sono meglio degli uomini, ma siamo tutti allo stesso livello e dalla collaborazione possono nascere grandi cose”.

    Come spiega Michelle, “Le donne sono in grado da sempre di lavorare bene insieme ed essere complici, senza ostacolarsi. Spesso ci stuzzichiamo, entriamo in competizione, ma, come dimostriamo noi in Radio, collaborando si cresce e si rafforzano i rapporti”

    Il segreto è la passione

    Come vengono scelte le speaker di RID? Michelle eredita dal padre anche la dote di talent scout, che le consente di individuare nelle persone le capacità e le qualità giuste per questo lavoro.

    Le sue collaboratrici sono tutte persone esperte del settore di cui parlano. “Alcune delle speaker che ho scelto per RID erano mie amiche per le quali nutrivo, e nutro ancora, grande rispetto come professioniste ma anche molta stima come donne. Ho intravisto in loro la possibilità di diventare speaker. Certo, non tutte le persone che sono esperte di qualcosa, possono diventarlo. Ci vuole comunque una predisposizione e le caratteristiche giuste per questo lavoro.”

    Ci confessa la Castiello che “alcune di loro hanno fatto scuola on air”. Nella vita, impegnandosi, si può imparare tutto ma, se non si ha passione, non si arriva da nessuna parte. “Il segreto è la passione. Ho preso persone che hanno passione per il loro lavoro, unita a quella per la radio. Un connubio fortissimo che si trasmette all’ascoltatore, un’arma vincente”, conferma.

    Non solo RID

    Michelle non è soltanto CEO e Editor di Radio Incontro Donna (RID) 96.8 FM. È anche interior designer, oltre ad essere una delle prime persone in Italia ad aver conseguito una specializzazione in Fheng shui, la disciplina orientale che ricerca l’armonia nell’ambiente domestico, tramite la disposizione degli arredi.

    “Sono altre attività che, quando posso, compatibilmente con la radio, porto avanti. In particolare, mi diverto a sfogare la mia passione per l’arredamento d’interni in casa mia. Quest’anno, durante la pandemia, ho partecipato al programma televisivo “Cortesie per gli ospiti”. Ricordo con piacere, in un momento così drammatico, quei due giorni di allegria e festa che ho vissuto in casa mia, per il programma”, ci racconta l’editrice.

    Oltre che una professionista di successo, Michelle ha un compagno ed è anche mamma di una bellissima bambina. Ma come si può conciliare tutto? “Il segreto è l’organizzazione. Cerco di fare il possibile per tenere tutto in piedi, per non trovarmi mai scoperta. È impegnativo, impossibile negarlo, ma la soddisfazione è tanta. Sono fortunata perché, nonostante gli impegni, riesco a trovare gli spazi per stare con mia figlia e il mio compagno, cosa che poche donne impegnate con le loro aziende riescono a fare”.

    Nonostante le responsabilità necessarie per riuscire a conciliare tutte le attività, private e professionali, ci assicura di non aver mai pensato di abbandonare la carriera per dedicarsi interamente alla famiglia. “Mi sono pagata gli studi da sola. Non potrei mai mollare il mio lavoro, non mi annoio mai ed è, soprattutto, una grande passione. A noi donne è stato chiesto di dare quel quid in più. E allora diamolo, possiamo farlo”.

    La ragazza di Roma Nord

    Come anticipato, Michelle è nata e cresciuta a Piazza dei Giuochi Delfici, e ci racconta cosa pensa del  quartiere. “Vigna Clara è sempre rimasta uguale, ma ho vissuto anche la fase in cui Ponte Milvio era vuoto. Impressionante, se penso a cosa è diventato oggi. In generale mi piace molto Vigna Clara, è un bel quartiere tutto è a portata di mano.”.

    Ma c’è qualcosa che Michelle cambierebbe: “il tratto di strada che, da Via Zandonai, entra a Piazza Giochi dovrebbe essere percorribile. Da via Zandonai, infatti, per andare sulla Cassia, bisogna fare un giro lunghissimo, è scomodissimo! Spero venga approvato un progetto che permetta l’ingresso sulla rotatoria anche da via Zandonai.” Inoltre, ci vorrebbero più parcheggi ma, per quello, conferma la Castiello, non c’è soluzione.  “Cambierei anche l’arredamento floreale di Piazza Giochi”, conclude, con la speranza di vedere anche piazzale Ponte Milvio più pulito.

    Caterina Somma

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome