Home CRONACA Covid, mappa e dati del Municipio XV a inizio aprile

Covid, mappa e dati del Municipio XV a inizio aprile

Tomba di Nerone si conferma il quartiere record del Municipio XV per numeri di contagi. Qui, al primo di aprile, i casi sono arrivati a quota 1595 positivi, con 58 in più rispetto al monitoraggio fatto il 25 marzo. E’ seguito a ruota da Labaro con 1183 casi e un sorprendente balzo in avanti da una settimana all’altra: +86 nuovi contagi.

Restano “isole felici” l’area di Grottarossa Est-Saxa Rubra con 63 casi e solo con 4 quella di Polline Martignano, l’exclave del XV, 11 km quadrati scarsi bagnati dal Lago di Martignano e dal Lago di Bracciano dove vivono una cinquantina di persone.

Questa in estrema sintesi la mappa del Covid, stando alle ultime stime del Seresmi (servizio regionale per la sorveglianza delle malattie infettive) aggiornate a giovedì 1 aprile. Una mappa che descrive l’incidenza cumulativa dei casi covid-19 contati da quando è iniziata l’epidemia. Non quindi  il numero dei casi attualmente positivi bensì il numero di casi complessivi.

Il trend del contagio nel Municipio XV

Nel Municipio XV il totale dei casi da inizio pandemia a giovedì 1 aprile è 8025, quasi mille e trecento in più in un solo mese.

In termini di incrementi settimanali, dopo che a fine gennaio era stato registrato il valore più basso (+123) da inizio febbraio si è invertita la tendenza e a ogni misurazione l’incremento è stato di valore superiore a quello precedente.

E dopo il lieve stop della scorsa settimana quando l’aumento dei contagiati (+320) era stato inferiore a quello della precedente rilevazione (+344) ecco che questa settimana, anche se di poco, la curva ha ripreso a salire con un incremento di +328 casi.

Il XV quartiere per quartiere

+86 a Labaro, +58 a Tomba di Nerone, +35 a Tor di Quinto-Fleming, sono questi i quartieri dove è stato registrato il maggior aumento di casi fra giovedì 25 marzo e giovedì 1 aprile.

Oltre al valore assoluto, il fenomeno va visto anche a livello di tasso di incidenza sulla popolazione residente. In questa ottica, tutti i quartieri del XV hanno un rapporto ben oltre 400 mentre il valore in assoluto più alto viene registrato a Grottarossa-Ovest con 898.1.

Nella seguente tabella sono stati riportati tutti i quartieri elencati in ordine di numero casi in assoluto da inizio pandemia a giovedì 1 aprile con evidenza del numero di residenti (fonte Comune di Roma) e delle situazioni intermedie da inizio anno.

Uno sguardo a Roma

L’ultimo aggiornamento della mappa del Seresmi rivela anche che i romani contagiati da inizio pandemia fino a giovedì 1 aprile 2021 sono 140.063. Rispetto alla precedente fotografia del 25 marzo, quando ne furono contati in tutto 134.498 l’incremento è stato di +5565 casi.

Continua così a crescere, anche se di poco, la curva dei contagi nella capitale. Ricordiamo infatti che la settimana scorsa l’incremento era stato di + 5474; la settimana prima di +5274 e quella ancora prima di +4517.

Test antigenici gratuiti per studenti

Con l’occasione ricordiamo che fino al 30 aprile gli studenti delle scuole superiori possono fare il test antigenico gratuito grazie alla campagna Screening Scuole della Regione Lazio.

Senza necessità di richiesta del medico curante ma solo digitando il proprio codice fiscale ci si può registrare al seguente link https://prenota-drive.regione.lazio.it e fare il test nelle strutture dedicate della Asl Roma 1.

Quelle più vicine ai residenti del XV sono in viale Tor di Quinto nei pressi di Ponte Milvio; in via San Daniele del Friuli, a Labaro, e all’Ospedale Sant’Andrea in via di Grottarossa (lato Flaminia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 COMMENTI

  1. I contagi aumentano..mi sarei meravigliata del contrario a giudicare dal comportamento delle persone! Dappertutto si incontrano persone in giro senza mascherina e che non rispettano le distanze. Non parliamo delle aree verdi, tipo laghetto di tor di quinto ecc,. dove ,fingendo di fare sport, tutti scorazzano liberi. Mi ha colpito particolarmente poi il fatto che le mamme con bambini,forse per solidarietà con i piccoli, evitano di indossare anch’esse la mascherina.

  2. IL fatto più inquietante è vedere situazioni di non rispetto delle regole lasciate indisturbate da vigili urbani o carabinieri seduti in macchina senza intervenire. Ho sentito molte persone confermare ciò che io personalmente ho potuto osservare. Insoiegabile

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome