Home CRONACA Cassia, tutti i pericoli di via Pareto

Cassia, tutti i pericoli di via Pareto

via-vilfredo-pareto

Via Vilfredo Pareto: disastrata e soprattutto molto pericolosa. Stretta, a doppio senso e con un triangolo maledetto, ma è un’arteria fondamentale per gli abitanti di Roma Nord perché congiunge Via Cassia Nuova con via Cassia “Antica”. I cittadini reclamano con urgenza un intervento.

Quando Corso Francia diventa via Cassia Nuova, si può svoltare a sinistra per raggiungere via Cassia -nel tratto cosiddetto Antica – percorrendo via Vilfredo Pareto. Noterete da subito, però, un groviglio e molta trascuratezza.

Dal breve tratto a doppio senso, all’altezza del civico 5, è possibile svoltare a destra per imboccare la strada principale della stessa via ma in direzione opposta oppure è possibile proseguire ancora qualche metro – al civico 15 – per immettersi sempre su via Pareto e raggiungere via Cassia “Antica”; attenzione però alle auto che venendo da entrambe le direzioni si fermeranno con poca voglia.

Lungo questo itinerario è possibile ammirare da una parte una folta vegetazione sulla destra, lasciata crescere senza cura e che sembra voler invadere la strada, dall’altra un alto muro dal quale affacciano i palazzi di Vigna Clara, le entrate ai garage di questi edifici e uno stretto marciapiede; talmente stretto che si consiglia di camminare come i granchi o con le braccia alzate. Al civico 43, troverete poi una scalinata che affianca il cinema Odeon e conduce a piazza Stefano Jacini.

Poco più avanti sulla destra, si apre il cancello di un’area cani gestita dal 2013 dall’associazione AmbientiAmo. Un’area verde tenuta bene, ma piuttosto difficile da raggiungere perché al problema del marciapiede inesistente si aggiunge la completa assenza di strisce pedonali e di una zona parcheggio; infatti, i proprietari dei cani si ritrovano costretti a lasciare le auto su un breve slargo poco prima del parchetto.

Una volta arrivati alla fine di via Pareto, dovete obbligatoriamente svoltare a destra per raggiungere via Cortina d’Ampezzo, via dell’Acqua Traversa oppure proseguire in direzione via Cassia.

È vietatissimo, oltre che molto pericoloso, svoltare a sinistra; azzardo che, però, in tanti compiono per giungere più velocemente piazza dei Giuochi Delfici, causando brutti incidenti.

Stanchi di questa situazione, da alcune persone è stata avviata una raccolta firme per richiamare l’attenzione sull’importanza e sull’urgenza di mettere in sicurezza questa strada.

In particolare, chiedono il completamento del marciapiede che corre lungo il parco e la realizzazione di passaggi pedonali adeguatamente segnalati, necessari soprattutto in prossimità dell’area cani e della scalinata che conduce a piazza Jacini. Da parte nostra aggiungiamo la necessità di porre rimedio in qualunque modo alla pericolosità dell’incrocio con via Cassia “Antica” il cui divieto di svolta a sinistra viene spesso ignorato.

Giulia Vincenzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 COMMENTI

  1. dovreste lasciare il link per la raccolta firme vorrei partecipare. ma il marciapiede dovrebbe essere da entrambe le carreggiate solo che da quella lato area cani da via cassia nuova è impossible camminare. non hanno mai potato gli allori di siepe anche dove prosegue via fabbroni ed i ligustri mai potati.. le sterpaglie , i rovi e le canne hanno invaso il piccolo marciapiede. levassero anche il guard rail nel 2021 illegale.. LA COSA PIU GRAVE è L’IMMISSIONE IN VIA CASSIA NUOVA, CI SARANNO ALMENO 10 INCIDENTI ALL’ANNO.

  2. Quello dei divieti di svolta ignorati è un fenomeno molto comune a Roma. Un altro esempio è la rampa di via Lupi Pietro cha da Corso Francia si immette su viale Tor di Quinto, dove c’è l’obbligo di svolta a destra, ignorato dal 50% dei veicoli che incuranti dell’obbligo svoltano a sinistra, bloccando chi da viale Tor di Quinto è diretto verso Ponte Milvio.

  3. purtroppo l’elenco delle vie con divieto di svolta sempre ignorato e mai sanzionato è assai lungo …..
    ci aggiungerei (per pericolosità) via di villa lauchli innesto cassia con obbligo di svolta a destra e centinaia di auto che girano a sinistra tra l’altro cumulandosi a poca distanza di metri dall’innesto di via Pareto e relativa infrazione più volte denunciata

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome