Home CRONACA Rinvii dopo rinvii, apertura stazione Vigna Clara (forse) nel 2021

Rinvii dopo rinvii, apertura stazione Vigna Clara (forse) nel 2021

stazione-vigna-clara

Pochi mese fa sembrava che la vicenda fosse in dirittura d’arrivo, l’agognata deadline di metà dicembre pareva a portata di mano, ci si aspettava da un giorno all’altro l’ok finale dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria.

Anche se il silenzio che accompagnava lo scorrere delle settimane non deponeva proprio a favore.

Poi la doccia fredda. Si viene a sapere che i ricorrenti hanno opposto ulteriori osservazioni alle prove tecniche effettuate da RFI per ottenere la VIA dalla Regione Lazio costringendo l’azienda ferroviaria a ripetere il tutto dal 9 settembre al 9 dicembre.

Una volta completato questo secondo giro, la documentazione va consegnata all’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria che, cosa risaputa, si prenderà almeno 150 giorni per emettere il Certificato di agibilità e circolabilità lasciando quanto meno sperare che la tratta Vigna Clara-Valle Aurelia e la stazione Vigna Clara possano essere aperte in occasione dell’orario estivo del 2021.

E se all’Agenzia occorressero più di 150 giorni? In questa malaugurata inimmaginabile ipotesi l’apertura slitterebbe al cambio orario da estivo a invernale, cioè dicembre 2021.

Tutto ciò mentre il Governo in questi giorni ha trasmesso alle Camere i diversi progetti già finanziati per ognuno dei quali occorre trovare solo il commissario ad acta che dovrà gestirlo. Ovviamente fra questi c’è anche la chiusura dell’anello ferroviario di Roma con il raddoppio della tratta Valle Aurelia-Vigna Clara e il nuovo tracciato tra la stazione Vigna Clara e la stazione Val d’Ala comprensiva della nuova stazione Tor di Quinto.

A rendere noto questo ultimo risvolto della lunga vicenda, con l’ennesimo stop o quantomeno rinvio, sono Cristina Tabarrini e Stefano Testi, presidente e vice presidente del Comitato “Un anello per Roma” che così commentano.

“Sappiamo che stiamo dando una bruttissima notizia, ma non possiamo ignorare la realtà ed illudere i nostri concittadini. Da tutto ciò si deduce che ci troviamo di fronte a persone con un potere infinito che finora hanno bloccato una popolazione di circa 30mila persone nei loro quartieri senza un mezzo di trasporto efficiente come la ferrovia.
Sperando nel prossimo futuro di diffondere notizie migliori, il Comitato Un Anello per Roma invia i migliori Auguri di Buon Natale a tutta la cittadinanza di Vigna Clara, Corso Francia, quartieri limitrofi a tutti gli interessati all’attivazione della linea”.

Claudio Cafasso

20 COMMENTI

  1. senza parole, metto in vendita casa, voglio andarmene da questa zona abbandonata sempre più , offesa per le continue abbattiture di alberi e degrado sempre più fatiscente. Stazione, ponti pedonali, rotonde, piantumazioni, solo e sempre parole.
    delusa e amareggiata da parole, promesse e zero fatti.

  2. Bea ha ragione, questo quadrante della città è sempre più degradato (sporcizia, alberi abbattuti e verde pubblico quasi inesistente) e per quel che riguarda il trasporto pubblico è forse quello con i peggiori collegamenti. L’apertura della stazione Vigna Clara poteva essere un’occasione per il rilancio ma ormai chi ci crede più. L’unica consolazione è che nel degrado (e conseguente perdita di valore degli immobili) verranno coinvolti anche coloro che hanno fatto di tutto per bloccare il servizio.

  3. E che è, una loggia massonica ?
    E chi sarebbe questo ex presidente della Corte Costituzionale che si oppone pervicacemente ?
    Mi associo alla richiesta di trasparenza !!!!!

  4. Carissimo Gianni, non e’ che per caso Lei e’ un carissimo amico dei nostri meravigliosi ricorrenti? Ma dove l’ha letta questa bufala? Da Vigna Clara a Valle Aurelia l’orario prevede 10 minuti.
    Provi a farlo in macchina.
    Buona serata

  5. Ma l’ultima sentenza del TAR non era definitiva? Vorrei ricordare a tutti questi fenomeni che si oppongono all’apertura della stazione per interessi personali che questa fa parte del più grande progetto f i chiusura dell’anello che permetterebbe per esempio di raggiungere la stazione tiburtina in treno oppure la metro A in 10 minuti o metro B in 20..senza contare la contare la diminuzione del traffico, smog e aumento del valore degli immobili, forse la tematica più cara ai ricorrenti.

  6. carissimi non sono amico di nessuno sono semplicemente preoccupato di avere un treno sotto casa, con tutte le esalazioni di un colosso del genere che solo per avviarsi ci mette 10 minuti e non puo certo partire a razzo spero, poi il traffico certo diminuisce con tutti quelli di labaro o altri quartieri limitrofi che parcheggeranno come la Domenica a Ostia a Ferragosto, poi voi siete contenti meglio, mi permetto solo di dissentire ……

    • Buonasera, vorrei farle notare che “un colosso con esalazioni che per avviarsi ci impiega 10 minuti” è uno scenario irreale, appartenente ad uno scenario di più di 25 anni fa, quando sulla Roma-Capranica-Viterbo era ancora attiva la trazione termica.
      Qui stiamo parlando di elettrotreni moderni come l’ALe 506-426 (che come dice il nome si tratta di un’automotrice ELETTRICA LEGGERA) o dei più recenti ETR 521; i quali hanno tempi di avviamento dell’ordine delle decine di secondi (può consultare i manuali tecnici disponibili sui siti di Ansaldo, ABB e HITACI) ed essendo a trazione elettrica non presentano tutti i comprensibili problemi relativi ai gas di scarico tipici di una motrice a gasolio o della trazione a vapore.
      Per quanto riguarda le accelerazioni siamo sull’ordine di circa 1m/s^2, il che significa che sono entrambi in grado di raggiungere i 70 km/h (velocità tipica per una linea a rango B) in circa 70-80 secondi.
      È semplicemente inconcepibile che questa faccenda si trascini dal 1990 tra dismissioni, sprechi e ricorsi da film di Totò; come disse il Principe “E io pago”, io, lei, tutto il quartiere e tutte le zone limitrofe continuiamo a pagare per 4-5 persone in termini di:
      -Tasse: per un servizio che non è attivo
      -Salute: l’aria di corso Francia non è di certo quella di montagna, se parte del traffico venisse dirottato su ferro parte del problema si risolverebbe
      -Tempo: il tempo è denaro, perchè dovrei perderlo imbottigliato nel traffico quando posso agevolmente utilizzare il treno che mi collegherebbe alla metro a Valle Aurelia in 13 minuti o a Roma Ostiense in 25 minuti (tracce orarie fornite da RFI)?
      A titolo d’esempio le porto la FL3, che costeggia parallelamente la via Trionfale, se 20 anni fa, i lavori per il raddoppio ed elettrificazione fossero stati bloccati da 4 ricorrenti, come sarebbe la situazione di mobilità pendolare in tutto il settore Nord-Ovest della Capitale?
      Le migliori cordialità

  7. Complimenti Filippo per l’internento che condivido in pieno.
    Metaviglia il fatto che alcuni cittadini di una zona ricca come Vigna Clara siano rimasti alla locomotiva a vapore.
    Forse perche’ non hanno mai preso un treno.
    Questa sarebbe un’occadione buona per provarlo … ed apprezzarlo.
    Buona giornata
    Stefano Testi

  8. @Stefano Testi:
    “Ma si vuole candidare per un partito o movimento politico, Di GRAZIA?”
    I passaggi sono molto semplici e per Lei non ci saranno ostacoli, s’iscrive al partito o movimento politico che meglio la rappresenta, frequenti le sedi e le persone del movimento accetti la candidatura e si faccia eleggere.
    Da esponente politico riceverà tutto quanto potrà servire per il Suo “Anello per la Città” che ad oggi non ha ancora ottenuto.
    Unica e sola speranza di successo!

    • Gentilissimo leosc, non è il “suo anello per la città”, ma è di tutti noi contribuenti che abbiamo pagato, e continuiamo a pagare per una linea pronta all’esercizio, ma siamo in balia dei capricci di 4 personaggi da operetta. Qui non serve la politica, ma il semplice buon senso: privare un intero quartiere di un mezzo di trasporto rapido ed efficiente, che sottolineo ancora essere già pronto, non farà altro tramutarlo sempre di più in un quartiere dormitorio, collegato in maniera ridicola e con una trincea nel mezzo abbandonata al degrado.
      Per chi paventa ancora critiche sulle vibrazioni consiglierei di consultare i casi studio dell’ospedale oftalmico di Piazzale degli Eroi, a ridosso della fermata della metro Cipro, la quale vede transitare treni dalle 05.00 alle 23.00 tutti i giorni, o le analisi fatte durante il Giubileo del 2000 in occasione del tombamento della FL3 tra Balduina e Valle Aurelia dalla facoltà di Ingegneria dei Trasporti della Sapienza.

      • Ottima risposta Fabio, complimenti. All’ironia gratuita e un po’ acidula di chi palesemente si schiera per il no alla riapertura della stazione e della linea bisogna rispondere sempre con concretezza, come ha egregiamente fatto anche il signor Filippo qualche commento più su.

  9. Evidentemente anche Leosc e’ rimasto ai tempi di Stephenson, e dopo quattro anni di commenti su questo giornale ancora non ha capito che i tempi delle locomotive a vapore sono tramontati! Felice malinconia!

  10. Buongiorno Fabio, infatti è proprio questo che non riesco a capire. L’infrastruttura è pronta, mancano gli ultimi accorgimenti per farla partire, ma rimane bloccata per un “capriccio”. È come se avessi comprato una macchina a mio figlio, ma lui non la volesse usare perchè non gli piace il colore e me la parcheggia sotto casa per anni in balia di vandali e sbandati. Sembra quasi che questi ricorrenti godano nel vedere l’incuria fuori dai loro balconi anzichè una struttura funzionale a tutti. È un comportamento autolesionista ed infantile della serie: “Io non lo voglio e nessun’altro può averlo”.
    A quanto pare i signori ricorrenti preferiscono lasciare le cose come sono, evidentemente piace loro vivere nel degrado, ma noi no.
    Le migliori cordialità

  11. Buongiorno a tutti. Mi chiedo se la riapertura della stazione di Vigna Clara é davvero il primo passo per la tanto decantata realizzazione dell’anello ferroviario, dove possiamo vedere o meglio intravvedere traccia “del pressante interessamento” da parte del Comune di Roma e della Regione Lazio?
    Qualcuno ne ha notizia?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome