Home CRONACA Arriva il Tutor nella Galleria Giovanni XXIII

Arriva il Tutor nella Galleria Giovanni XXIII

galleria-giovanni-xxiii

Inserito a novembre 2018 nel Bilancio di previsione 2019-2021, annunciato nel corso dei lavori che nel 2020 hanno interessato prima la canna nord e poi la canna sud, la Giunta capitolina ha finalmente dato il via libera al progetto definitivo per la realizzazione del nuovo sistema di rilevamento della velocità media dei veicoli all’interno della galleria Giovanni XXIII che consentirà di abbassare il rischio di incidenti stradali.

I sistemi tutor di ultima generazione sono infatti in grado di rilevare senza errore la velocità tenuta fra il punto di partenza e quello di arrivo confrontandola con la velocità consentita e facendo così scattare sanzioni a carico di chi l’ha superata.

I lavori inizieranno nei prossimi mesi dopo che sarà aggiudicata la gara che, assicura l’assessore alle Infrastrutture Linda Meleo, sarà bandita entro fine anno. “Siamo soddisfatti per il risultato raggiunto, miglioriamo la sicurezza stradale su una infrastruttura importante per la viabilità in città” ha aggiunto.

“Da quando vivo nella borgata di Ottavia percorro molto spesso in macchina la galleria Giovanni XXIII: si tratta di un tunnel molto trafficato che collega la zona nord di Roma, dove c’è anche il policlinico Gemelli, con il centro e la zona est della città. È un luogo dove sfortunatamente negli anni ci sono stati gravissimi incidenti e, quasi quotidianamente, tamponamenti con conseguenti code interminabili” scrive su facebook la sindaca Virginia Raggi sostenendo ovviamente che molti incidenti erano però causati dall’alta velocità. “Per questo abbiamo dato il via libera all’installazione degli impianti per il controllo della velocità in galleria. È il tassello che mancava per renderla ancora più sicura per migliaia di cittadini che la percorrono ogni giorno”.

3 COMMENTI

  1. Però dovrebbe essere risanata nuovamente però la galleria Giovanni XXIII°, rifare la pulizia sui tombini, l’asfalto dev’essere liscio, qualche pannello dovrebbe essere sostituito con altri nuovi e riverniciati, l’illuminazione a led dev’essere messa in funzione, le griglie che si trovano sui soffitti sono da sostituire con altre nuove, le vecchie lampade devono essere sostituite dalle pareti con altre a led, le piante e gli alberi devono essere tagliati via perché possono ostacolare la visuale e si comunica che per evitare che la gente disegni altri graffiti, potreste mettere le telecamere di sorveglianza.

  2. Detto fatto! Sono passati neanche due anni dall’annuncio e già iniziano i lavori e probabilmente in meno di tre-quattro anni verranno completati. Si ha la sensazione che le cose stiano cambiando, i tempi decisionali e attuativi si stanno dimezzando. Finalmente una capitale degna di questo nome.

  3. da novembre 2018 a novembre 2020 = 2 anni per prendere la decisione di …fare la gara; una decisione che un comune manager prende in una mezz’oretta…

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome