Home AMBIENTE Idrogeno, Snam in prima linea: l’impegno dell’azienda guidata dal CEO Marco Alverà

Idrogeno, Snam in prima linea: l’impegno dell’azienda guidata dal CEO Marco Alverà

idrogeno-snam-mobilità

L’idrogeno prodotto da fonti rinnovabili come vettore energetico pulito e sostenibile. Questa potrebbe essere una delle risposte più efficaci al problema del cambiamento climatico.

È stato Marco Alverà, CEO di Snam, a mettere in luce questa prospettiva in un intervento sul Financial Times, spiegando come l’idrogeno possa essere la chiave di volta per la transizione energetica e come l’Europa possa giocare un ruolo di rilievo a livello globale in questa corsa alla sostenibilità: “Le reti del gas esistenti possono aiutare. Gli studi attuali e il progetto pilota di Snam in Italia ci dicono che è possibile sostituire dal 5 al 10% di gas naturale con idrogeno senza investimenti significativi”.

Quello che auspica il CEO di Snam Marco Alverà è infatti un impegno comune degli stati europei per stabilire una quota fissa di idrogeno da immettere nelle reti. Snam è attiva proprio su questo fronte ed ha avviato, già da alcuni mesi, alcune sperimentazioni: dopo una prima immissione al 5%, il 16 dicembre è stata raddoppiato al 10% il mix di idrogeno introdotto nella rete di trasmissione a gas naturale destinato a due aziende del Salernitano.

Analizzando i dati si è calcolato che una percentuale del 10% di idrogeno sul totale annuale di gas trasportato da Snam equivarrebbe ad un’immissione in rete di 7 miliardi di metri cubi, quantitativo che permetterebbe di ridurre le emissioni di anidride di carbonica di 5 milioni di tonnellate.

Gli sviluppi futuri dell’idrogeno sono molteplici e su più campi. Snam fa infatti parte di The Hydrogen Council, una coalizione globale di aziende leader nel campo energetico, industriale e dei trasporti impegnate nello sviluppo dell’idrogeno.

Recentemente sono stati infatti annunciate alcune novità anche sul fronte della mobilità sostenibile da altre due aziende partner: Bmw sta sviluppando la sua tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno, mentre Toyota ha sviluppato un autobus motorizzato a idrogeno per il mercato giapponese ed ha annunciato lo sviluppo di un camion in grado di percorrere fino a 600km con un pieno di idrogeno. Queste innovazioni dovranno in ogni caso andare di pari passo con uno sviluppo sinergico della rete di distribuzione.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome