Home AMBIENTE I gabbiani a Roma: “buoni a nulla capaci di tutto”

I gabbiani a Roma: “buoni a nulla capaci di tutto”

gabbiano1

Osvaldo Negra, biologo, ricercatore, mediatore culturale presso il Muse di Trento e autore di alcuni testi su conchiglie e molluschi, in “Divagazioni sui gabbiani” li ha definiti proprio così: “buoni a nulla capaci di tutto”.

Una cosa è certa, non aveva nessuna intenzione di offenderli anche se oggi vengono ritenuti responsabili delle peggiori nefandezze: sembra quasi che tutti i problemi ambientali di Roma dipendano da loro.

Buoni a nulla perché pur essendo i Gabbiani reali tra i più nobili rappresentanti della famiglia dei Laridi,  hanno in realtà lasciato le scogliere battute dai venti e dai marosi per trasferirsi furbescamente nelle città; capaci di tutto perché forti, determinati, aggressivi ma anche intelligenti non hanno avversari capaci di mettere in discussione la loro supremazia.

Negra ci fa notare come nonostante i gabbiani non abbiano zampe idonee per potersi aggrappare ad un ramo o sostare su di una antenna TV come fanno le cornacchie grigie (le zampe sono palmate, per nuotare) questo non costituisca per loro un problema; con grande spirito di adattamento per posarsi scelgono superfici piane e ben stabili come i coperchi dei cassonetti o i parapetti dei ponti.

Anche il becco, forte e con i bordi taglienti, buono per operare tra le scogliere, è una cesoia perfetta per sventrare i sacchetti della spazzatura e i contenitori di ogni tipo.

Opportunisti e sfacciati non godono di grandi simpatie tra i romani nonostante la bellissima livrea, la macchia rossa sul becco e la corporatura potente in grado di contrastare i venti. Quale sia la ragione di questa antipatia non è difficile da immaginare considerato il loro numero e la loro invadenza, anche se non va dimenticato che ad attrarre i gabbiani in città è proprio il comportamento sconsiderato dei suoi abitanti.

Montagne di rifiuti, discariche, spazzatura e sacchetti abbandonati in ogni dove e sporcizia nelle strade costituiscono dei veri e propri “fast-food” dove trovare cibo senza sforzo né fatica.

Peraltro i Gabbiani reali in fatto di alimentazione non fanno i difficili e qualsiasi cosa, anche se appena appetibile, entra a far parte della loro variegata dieta: la loro voracità è tale che a volte perfino i loro nidiacei rischiano di diventare un prelibato bocconcino.

Prendersela con i gabbiani (o con i ratti) dopo aver fornito loro  in abbondanza la materia prima non ci sembra affatto coerente; peraltro un tempo abbiamo amato il Gabbiano Jonathan come non mai e da bambini li abbiamo disegnati in ogni cielo.

Veramente ora li vorremmo tutti stecchiti? Che ne sarebbe di Roma senza più gabbiani? E’ come se decidessimo di eliminare i piccioni da Piazza San Marco. I gabbiani oramai fanno parte di Roma.

Li troviamo in ogni specchio d’acqua dal laghetto di Villa Borghese a Villa Ada, Villa Pamphili e l’Eur; hanno colonizzato le sponde del Tevere specie in prossimità degli scarichi fognari; sono in pianta stabile al Bioparco dove sottraggono il cibo ai numerosi ospiti rinchiusi nei recinti; nelle giornate di vento baruffano con le cornacchie compiendo nel cielo acrobazie che nessuna pattuglia acrobatica potrebbe mai eguagliare; hanno infine preso possesso dei cassonetti e fanno la scorta ai grossi mezzi dell’AMA che raccolgono rifiuti.

Che ci piaccia o no dobbiamo prendere atto che a meno di sterilizzare strade e piazze come camere operatorie, i Gabbiani reali ce li dobbiamo tenere; magari si dovrebbe cominciare a pensare di sostituire l’aquila romana con le ali spiegate con fieri gabbiani dallo sguardo sfrontato.

Forse dovremmo imparare ad apprezzarli per la loro forza e bellezza, per la loro incredibile capacità di adattamento, perché raccattano rifiuti e carogne e perché ci ricordano i venti impetuosi e i marosi che si abbattono su spiagge e scogliere che in realtà non ci sono più perché le abbiamo trasformate in affollati condomini.

E se proprio non li amate non dimenticate però  che loro, i Gabbiani, nel profondo del loro essere sicuramente ci amano con tutto il cuore ed amano la capitale dal momento che ogni giorno gli forniamo vitto ed alloggio.

Francesco Gargaglia

VignaClaraBlog.it

2 COMMENTI

  1. Sto pensando seriamente che, dopo avere incaricato le pecore di brucare le erbacce, i cinghiali di vuotare i cassonetti stracolmi,si potrebbe affidare ai gabbiani un altro compito importante per la nostra città. Ai lettori di VCB il compito di trovarlo!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome