Home CRONACA Ecco gli sportelli aperti giorno e notte

Ecco gli sportelli aperti giorno e notte

sportello-gas

Chiediamo scusa ai nostri lettori che leggendo il titolo avranno pensato agli sportelli comunali; stiamo parlando in realtà di altri sportelli, altrettanto importanti ma quasi sempre ignorati.

Gli sportelli a cui ci riferiamo sono quelli che chiudono gli armadietti metallici o in plastica che contengono impianti e contatori della luce, telefono, acqua o gas. Nelle nostre strade ce ne sono a decine di migliaia, in ogni angolo, spesso così raggruppati da formare delle piccole cataste di cubi e parallelepipedi.

La maggior parte di questi sportelli, specie per i contatori, è mancante o danneggiata: insomma si tratta di sportelli aperti H24.

La normativa UE in proposito è piuttosto puntigliosa e fornisce le caratteristiche di questi armadietti che ovviamente devono rimanere, per motivi di sicurezza, chiusi. In modo particolare quelli del gas; gli armadietti devono avere una chiusura con chiave universale oppure, se non è così, una copia deve essere consegnata a chi è addetto alla lettura dei dati relativi ai consumi.

Si tratta di norme stringenti ma quasi mai rispettate e per rendersene conto non c’è bisogno di andare a cercarli perché è sufficiente percorrere qualche centinaio di metri di una qualsiasi strada di Roma per trovare dozzine di sportelli aperti, mancanti, danneggiati, ammaccati, arrugginiti.

sportello-rifiutiQuando gli sportelli mancano o sono aperti, l’armadietto è quasi sempre pieno zeppo di rifiuti; ora bisognerebbe chiedere al Dottor Crepet o al Dott. Andreoli qual è la turba psicologica che si nasconde dietro chi trova irresistibile depositare i propri rifiuti o avanzi in un contatore del gas o dell’acqua: lattine, bottiglie, fazzoletti sporchi, carte di merendine, pacchetti di sigarette, contenitori delle patatine, biglietti del bus o del gratta e vinci…

Forse una qualche perversione legata ai fenomeni del consumismo o una tara infantile. Fatto sta che gli armadietti in questione sono dei veri e propri ricettacoli di immondizia.

sportello-apertoMa non è tutto. Perchè oltre ad essere aperti sono quasi sempre in pessime condizioni, specie quelli che cominciano ad avere qualche anno. Quando vengono abbandonati (ma hanno ancora gli sportelli) diventano la dispensa o il guardaroba di senzatetto, lavavetri e mendicanti.

Se poi invece di un armadietto si tratta di una cabina elettrica meglio ancora perché può essere utilizzata come mini-mini appartamento.

E dire che sarebbe sufficiente emanare a livello comunale una norma che obblighi i gestori degli impianti o i proprietari a mantenere in perfetto ordine gli armadietti con gli sportelli rigorosamente chiusi. Quantomeno a fini sicurezza.

Nel frattempo le strade e gli edifici dei nostri quartieri continuano ad ospitare una miriade di piccoli immondezzai che per giunta danno ricovero sicuro ad insetti e zanzare.

Francesco Gargaglia

VignaClaraBlog.it

1 commento

  1. Come siamo ridotti! Povera Italia! Ovunque disinteresse da parte di chi di dovere………non ce la faremo più a recuperare tutto questo sfacelo.
    Andarsene e’ l ‘ unica soluzione, anche se a malincuore, so dovrà decidere
    Assente chi governa.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome