Home ATTUALITÀ Vigna Clara, con T.Chandana Lalith l’italiano è più facile per i cingalesi

Vigna Clara, con T.Chandana Lalith l’italiano è più facile per i cingalesi

auditorium 2 pini
Auditorium 2 Pini

Domenica 25 novembre, alle 16, nell’Auditorium 2 Pini della Parrocchia di Santa Chiara in via Zandonai, HERMES 2000 Associazione Culturale e per il Tempo Libero presenta “La Grammatica italiana in cingalese” e il “Dizionario italiano-cingalese” di Thappawarige Chandana Lalith, di origine Sri Lankese.

Chandana Lalith ha 44 anni, è sposato, ha due figli ed è perfettamente integrato nella società italiana. Gestisce un Centro di Assistenza Fiscale nella Zona Nord di Roma, dove è molto conosciuto tanto da essere stato Consigliere aggiunto nel Municipio XV negli anni 2004-2006 in rappresentanza delle comunità asiatiche.

Diplomato in Biologia presso Nalanda College a Colombo in Sri Lanka nel 1994, in Turismo Operativo presso l’Istituto Europeo per il Turismo a Roma  nel 2000, nel 2018 Chandana Lalilith si è laureato in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali presso  l’Università degli Studi Niccolò Cusano-Telematica di Roma.

Dal 2001 ha svolto attività di insegnamento  della lingua Italiana  per la comunità  Sri Lankese.  Dal 2006 ad oggi  è consulente sul campo immigrazione e dal 2016 è Sindacalista presso il Sindacato immigrati  – UGL .

T.Chandana-LalithI dati sulla comunità Sri Lankese ci mostrano una collettività insediata nel nostro Paese già dagli anni settanta ma lontana dalla cronaca, poco visibile, dunque poco percepita e ancora meno conosciuta.

I migranti di cittadinanza Sri Lankese presenti in Italia sono quasi sempre titolari di un permesso di soggiorno e sono concentrati principalmente in quattro regioni: Lombardia, Lazio, Campania e Sicilia. Quella cingalese, quindi, è una delle comunità presenti ormai in maniera stabile nel territorio italiano e, in particolare, nella capitale, dove risultano ben integrati, con un tasso di occupazione soddisfacente,  soprattutto nei servizi alla collettività, alla persona, nei lavori domestici, nella ristorazione.

Un aspetto importante della comunità dei cingalesi è, da una parte, la forte coesione interna e l’attaccamento alle radici di origine e, dall’altra, la consapevolezza del loro radicamento nel territorio italiano, che necessita di una più approfondita conoscenza reciproca.

Per favorire una ancora maggiore integrazione e comprensione dei propri connazionali presenti nel territorio romano, Chandana Lalilth ha avvertito l’esigenza di porre mano ai due libri, che verranno presentati domenica prossima e che potranno contribuire ad offrire ai cingalesi uno strumento in più per una migliore comunicazione e una più approfondita conoscenza dei diritti e dei doveri di chi vive in Italia.

Nell’Auditorium della Parrocchia Santa Chiara, saranno presenti rappresentanti delle Istituzioni cingalesi e italiane a testimoniare che incontri di questo tipo sono condivisi nell’ottica di una sempre più civile e rispettosa convivenza.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome