Home SPORT Olimpopress ha fatto tredici…mila

Olimpopress ha fatto tredici…mila

olimpopress
Galvanica Bruni

Esatto, corretto, nulla da eccepire, conti alla mano Olimpopress.it ha fatto tredici…mila. Il fratello più piccolo di VignaClaraBlog.it, creatura di EdiWebRoma dedicata allo sport (non solo capitolino), ha toccato quota tredicimila news inserite, traguardo niente male se si considera il fatto che fra gli input dettati alla squadra di lavoro c’è da sempre quello di dedicare poco spazio al calcio e agli sport che comunque vanno per la maggiore, fermo restando che blasone e storia darebbero al lettore l’input per leggere news del genere su ben altri siti dedicati.

Nato nel 2016, anno olimpico, Olimpopress.it rappresenta una valvola di sfogo per quegli sport, quelle federazioni e quelle società sportive che non hanno spazio su testate di alto rango, fermo restando il fatto che secondo certi editori fa più “scoop” l’ennesima notiziola su chi ha i riflettori puntati addosso ventiquattro ore al giorno piuttosto che un’attenzione dedicata ad atleti financo dilettanti ma capaci di regalare comunque brividi per le loro seppur piccole imprese o comunque emozione semplice ma quanto mai genuina, perché chi ha il coraggio di mettersi alla prova contro un antagonista, contro il tempo o contro se stesso, merita in ogni caso rispetto.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Dal football americano al golf, passando per la pallavolo e il basket, il tennis tavolo e la pesca sportiva, le discese in apnea e il cricket, vengono spesso elargite informazioni per pochi intimi ma comunque irrintracciabili sulla stampa che conta.

Tredicimila news rappresentano uno stimolo per vagheggiare quota centotrentamila, del resto basterebbe un semplice zero per l’appagamento. Che verrà chissà quando, fermo restando il fatto che chi gestisce www.olimpopress.it non ha la benché minima intenzione di fermarsi.

Perché quell’olimpico “Citius!, Altius!, Fortius!” di decoubertiniana memoria (ma ideato comunque da un predicatore domenicano, Henri Didon) è tatuato sul cuore di una squadra (di giornalisti) molto, ma molto sportiva.

Edoardo Cafasso

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome